Zeolite: l’ultima novità fra gli integratori

Credits: Corbis
1 4

Il suo nome significa “pietra che bolle” perché, quando viene scaldata, emette vapore. La zeolite è una roccia di origine vulcanica ma non solo. Come hanno scoperto numerosi studi, è una specie di spugna intelligente che agisce sull’organismo “ripulendolo” da quello che non serve e toglie energia.

«Una volta ingerita, la zeolite non viene assorbita dall’intestino e non interferisce in alcun modo con la digestione» spiega Enrica Mari, gastroenterologa ed esperta in Medicina integrata. «Ma questo minerale, grazie alla sua carica elettrica negativa, attira tossine, radicali liberi e metalli pesanti come il piombo e il cadmio presenti nei cibi, trascinandoli via con sé».

Integratori a base di zeolite si possono acquistare sotto forma di polvere o compresse. Se ne prende un misurino la sera prima di andare a letto, sciolto in acqua o succo. Se si scelgono le compresse, la posologia è di tre al giorno, da assumere ai pasti. I casi in cui fa veramente bene? Eccoli.

/5

È uno spazzino naturale che elimina le tossine dall’organismo. Basta un misurino o tre compresse al giorno

La zeolite non dà effetti collaterali, tranne una leggera stitichezza. Ma è un problema che, quando si presenta, si risolve nel giro di qualche giorno.

La zeolite è efficace in caso di dermatiti e irritazioni della pelle. Ecco altri accorgimenti per limitare questo fastidioso problema

Ecco altri integratori molto utili soprattutto per noi donne

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te