Come disinnescare il conflitto nella coppia

La vita di coppia non è facile quando ci impuntiamo su qualcosa e non vogliamo lasciar perdere. Ma il più delle volte è solo una battaglia d'orgoglio

Da una sciocca litigata possono nascere conflitti più profondi, alcune volte le parole diventano pesanti e la rabbia prende il sopravvento prima che riusciamo a capirne bene il motivo. Può sembrare facile ma quando c'è di mezzo amore e orgoglio a volte mandare giù il rospo o lasciar correre su alcune sciocchezze è meno facile di quel che si pensi.

Quando le persone litigano i loro cuori si allontanano, ecco perché infatti si urla. Si fa più fatica ad ascoltare le ragioni dell'altro e ad immedesimarsi in lui. Troppe volte il nostro punto di vista offusca la realtà attorno e lascia viaggiare i pensieri negativi sopra tutti gli altri, impedendoci di vivere serenamente e instaurando con il partner un assurdo gioco di potere si tiene in muso e si vive ogni screzio come una battaglia.

Litigio di coppia: 10 consigli per farlo in modo costruttivo

VEDI ANCHE

Litigio di coppia: 10 consigli per farlo in modo costruttivo

Disinnescare i non-problemi

Tante volte, appunto, si radicano convinzioni infantili e superflue e si rovinano rapporti di coppia per qualche sciocchezza. Cose che non avrebbero davvero peso, come l'orario in cui dar da mangiare al gatto o i calzini sporchi di fianco alla lavatrice. Però una parola tira l'altra, e le voci si alzano, i cuori si allontanano, e si finisce per innervosirsi anche solo se l'altro sta respirando troppo forte. un piccolo fiocco di neve che scatena una valanga.

Eppure, per quanto difficile, si impara a mettere un po' da parte l'amor proprio e ci si siede al tavolo delle trattative. Perché è la cosa più giusta da fare. Se sono le piccolezze ciò che fa innamorare una coppia, allora anche ragionare insieme e con calma, con qualche sorriso, non può che essere d'aiuto. Alle volte si fa pace ricordandosi come ci si è innamorati. Scendete a patti con la vostra coscienza e con il partner: davvero non se ne può parlare tranquillamente?

Prenderla con leggerezza

Non ci stancheremo mai di dirlo. Leggerezza non è superficialità, ma vivere senza macigni sul cuore. Ed è proprio quel che una coppia dovrebbe fare per vivere serena, affrontare ogni piccolo screzio con la stessa leggerezza con cui ci si corteggia. Non affrontare i problemi è sicuramente un atteggiamento che una coppia non potrà sostenere a lungo, ma guardare il proprio compagno/a come se fosse un soldato del fronte opposto è decisamente controproducente.

Non è indispensabile che un fiocco di neve sia poi un male. Alle volte porta novità, scompiglio, disordine nella routine. E cambiare qualche regola del gioco non fa male, finché siete d'accordo entrambi. Come dicevamo prima, scendere a compromessi (quando accettabili) è un lusso che le coppie giuste possono permettersi. D'altronde una coppia ben assestata nuota negli stessi problemi di tutti gli altri, ma riesce a rimanere a galla.

Imparare a contare

Sembra una sciocchezza, ma quella cosa dei 10 secondi funziona veramente. Prima di dare sfogo alla rabbia e strappare i capelli (vostri e suoi) bisogna davvero chiedersi se ne vale la pena. Vale la pena rovinarsi la giornata solo perché l'altra persona magari ha detto qualcosa di polemico e noi preferiamo offenderci piuttosto che trovare una soluzione e farci una risata? Aspettate 10 secondi prima di iniziare a parlare. Una manciata di attimi per riflettere con sé stessi e decidere bene come calibrare le parole, come affrontare il tema, come far sì che la lotta dei sessi diventi solo lotta con i cuscini.

Un segreto è fingere di essere l'altra persona per 10 secondi: come mi sento? Perché ho detto così? Cosa cercavo di dire?
Alle volte siamo così concentrati sull'interpretazione che diamo alle parole altrui da non focalizzarci bene sul significato che cercavano di veicolare. Questi 10 secondi ci servono per lasciare uno spiraglio nelle nostre emozioni e imparare a calibrare i modi

Litigare “bene” si può: guida al litigio costruttivo

VEDI ANCHE

Litigare “bene” si può: guida al litigio costruttivo

Riproduzione riservata