dating online rischi

Il lato oscuro del dating online: i reali rischi a cui fare attenzione

Le app di dating sono ormai diventate un modo normalissimo di conoscere nuove persone e trovare partner, ma qualche rischio c'è sempre: meglio tenerlo presente

I rischi delle app di dating

Le app di dating sono rischiose? Lungi da noi interpretare la parte della zia apprensiva che vi dice di non accettare le caramelle dagli sconosciuti, vorremmo però fare un'annotazione primordiale sulla differente natura dei tanti siti d'incontri. Premesso che il più famoso e usato rimane, per ora, Tinder, quest'ultimo è anche quello che possiamo definire più "sicuro". 

Gli sviluppatori della app di dating più usato sul pianeta hanno dato grande priorità ai criteri di affidabilità e sicurezza. No, questo non significa che su Tinder si trovino solo galantuomini e principi azzurri ma, quanto a parametri di sicurezza è stato fatto un ampio lavoro. Inoltre Tinder è l'unica app di dating a cui possono iscriversi solo i maggiorenni

Nel complesso i rischi in cui ci si imbatte sulle app di incontri sono gli stessi che si incontrano anche sui normali social media. Con la differenza che, forse, all'interno del contesto del dating online l'incontro dal vivo è quasi sempre messo in conto, il che è potenzialmente un elemento di rischio concreto.

Ad aiutarci ad analizzare tutti i problemi del social dating è una recente ricerca condotta a livello europeo da YouGov, che ha osservato da vicino i comportamenti degli utenti. Vediamo insieme quali sono questi pericoli e come affrontarli. 

Il bon ton delle dating app: anche l’amore sul web ha le sue buone maniere

VEDI ANCHE

Il bon ton delle dating app: anche l’amore sul web ha le sue buone maniere

Ti invieranno cose che non vuoi

Il 51% delle donne iscritte alle app di incontri dicono di aver ricevuto materiali sessuali espliciti e non richiesti. Probabilmente i numeri reali sono anche più ingenti. Partendo dal presupposto che nessuno deve essere obbligato a guardare i genitali altrui, ci sembra però doveroso fare un passo indietro: se un uomo di primo acchito ti invia la foto del suo pene, nella migliore delle ipotesi il suo membro è ciò che di meglio ha da offrirti.

Vogliamo davvero perdere tempo ed energia a rispondere? O vogliamo farci una risata e bloccare immediatamente l'utente? Non stiamo dicendo che la cosa vada minimizzata, che non sia un comportamento irrispettoso e ai limiti della decenza morale, ma che non possiamo perdere il sonno e andare a denunciare tutti i mentecatti che usano le app di incontri in questo modo. La migliore difesa contro i contenuti che non si desidera ricevere è una: ignorarli.

Non ci vorrete credere ma il più delle volte chi vi invia un contenuto sessuale esplicito non è realmente pericoloso anzi, è un disadattato innocuo e inetto. Nella loro mediocrità questi individui credono di farci un piacere, di catturare il nostro interesse e scatenare la nostra libido. Come dicevamo prima, facciamoci una risata e blocchiamoli.

Ti diranno cattiverie non vere

Il 45% delle donne dichiara di esser stato oggetto di messaggi aggressivi. Battute meschine, insulti, minacce, incitamento al suicidio, frasi di misoginia, sessismo, femminicidio. E poi ancora cattiverie, truffe, meme e messaggi di odio verso la donna e la sua esistenza. In modo più o meno rilevante, questo è il succo di tutte le meschinità che ogni giorno le donne sono costrette a leggere.

No, queste cose non ci saranno tutte insieme. Spesso non saranno nemmeno così esplicite -altre volte invece sì-, ma aleggeranno nell'aria e su molte app troveranno voci becere a dargli parola. Per qualche strano meccanismo la presenza di una donna su una chat di incontri autorizza l'uomo a pensarla come già presa. Una persona che, siccome sta lì su una chat di incontri, è alla mercé di ogni messaggio, di ogni foto, di ogni desiderio.

Incappare in insulti più o meno misogini è purtroppo più frequente di quanto pensiamo, spesso può trattarsi di parole aggressive che possono ferire e farc star male. L'atteggiamento più sensato è sicuramente (come sopra) ignorare e bloccare: un tipo di espressione così violento denuncia la povertà di chi la mette in atto.

FOBO, la "Fear Of Better Options"

Paragonato a ciò che abbiamo appena elencato, questo rischia sembra robetta da nulla. E invece, ancora prima di incappare in un caprone online, si rischia di non sapere più quale caprone scegliere. Spieghiamo meglio

FOBO - sigla che sta per "Fear of better options", cioè paura che ci siano migliori opzioni - è una spiacevole e naturale conseguenza del dating online che ci porta ad aver paura di perderci opzioni migliori rispetto a quelle appena visualizzate e che ci fa scorrere freneticamente sull'app in cerca di profili migliori, sorrisi più belli, addominali più scolpiti. Questa indecisione cronica che ci porta a muovere il pollice istericamente a destra e a sinistra dello schermo genera, col passare dei minuti, una costante frenesia che sfocia in un profondo senso di insoddisfazione e frustrazione.

I minuscoli dettagli di una fotografia stimolano immediatamente in noi reazioni di attrazione o esclusione, e le app di dating funzionano oggi così rapidamente che la FOBO è diventata un problema reale e oggi sempre più users ne sono affetti. Mentre chattano con la nuova fiamma non riescono a fare a meno di tornare nella home principale e fare scrolling per un altro paio di minuti. È, sostanzialmente, un circolo vizioso da cui è difficilissimo uscire...ma forse chi ne è dentro non vuole uscirne affatto.

I rischi "dal vivo"

Rischieremmo di ribadire l'ovvio, ma oltre ai rischi puramente collegati al mondo virtuale in cui ci si muove sulle dating app, è importante non dimenticare anche i rischi più "classici", quelli in cui potrewmmo incappare fattivamente nella vita reale, e quindi al momento dell'incontro. E qui bisogna applicare una serie di regole che in teoria dovremmo già conoscere a memoria per tutelare la nostra sicurezza personale.

Ricordiamo sempre che abbiamo a che fare con degli sconosciuti, che per la stragrande maggioranza sono persone normali e non pericolose, ma a volte riconoscere subito chi pericoloso invece lo è non è facile.

Quindi, prima dell'incontro, meglio fare attenzione a cosa si dice in chat: meglio non rivelare troppe informazioni di sè, in particolare indirizzo preciso e altre informazioni sensibili.

E quando si arriva al dunque, cioè all'incontro, rispettare una serie di regole basiche che sintetizziamo qui:

  • Evitare di farsi venire a prendere a casa e chiedere di farsi riportare, meglio recarsi all'appuntamento con mezzi propri
  • Scegliere un luogo per l'appuntamento preferibilmente nella propria zona, e che sia conosciuto
  • Scegliere per l'appuntamento tassativamente un luogo pubblico, magari un locale, e preferibilmente che sia molto frequentato
  • Comunicare almeno a qualche amico quali sono i programmi per la serata e con chi si esce
  • Qualcuno potrebbe considerarlo eccessivo, ma è possibile anche condividere la propria posizione gps in tempo reale tramite Watsapp con una persona amica
  • Se temi di avere brutte sensazioni durante l'incontro puoi chiedere a un'amica di telefonarti durante la serata, in modo da fornirti eventualmente anche una buona scusa per dartela a gambe

In conclusione

I rischi e pericoli in rete sono tanti, aumentano mano mano che il tempo passa e attribuire alle app di dating un peso e delle "colpe" che non hanno è oltremodo sbagliato. In fondo, relazionando le app stesse con le probabilità che poi realmente ci sia un "per sempre felici e contenti" si ottiene infatti che il successo del dating online...è soprattutto nelle relazioni leggere e poco impegnative. 

Nessuno dice che iscrivendosi ad una chat di incontri non si possa incontrare la propria l'altra metà della mela. Ma non è questo lo spirito con cui si deve partire, o si rimarrà molto delusi, poiché nella stragrande maggioranza dei casi i soggetti con cui si conversa sono, dicevamo prima, caproni. Non perdete la speranza, alcuni sono davvero molto belli.

Ad ogni modo non prendetevi troppo sul serio. Certo, non siate neanche indulgenti con tutti i maleducati che incontrerete, ma non siate bacchettone nei confronti di tutti questi timidi teneroni che ci provano online. Non sono mica tutti così fortunati da aver letto i nostri consigli!

Riproduzione riservata