organizzare la casa per la convivenza

Andare a convivere: ecco come organizzare gli spazi in casa

Se stai per andare a vivere con lui e ti chiedi come sistemare le cose, leggi qui. Una professional organizer ha le risposte che cerchi

Come organizzare la casa per una convivenza

Secondo uno studio condotto dal trimestrale britannico Journal of applied communication research, tra le prime cinque domande che si pone una coppia quando decide di andare a vivere insieme c’è questa: «Saremo in grado di condividere spazi e oggetti?».

Riuscire ad accordarsi su come riorganizzare le proprie cose in un appartamento comune, in genere di pochi metri quadrati, non è un’impresa semplice. Quindi, se anche per te è arrivato il momento del trasloco e sei piena di dubbi, non ti preoccupare: succede a tutte le coppie che affrontano questo cambiamento.

Abbiamo girato le domande più comuni a Francesca Pansadoro, che fa parte dell’Associazione Professional Organizers Italia (tutto-aposto.com). E lei ci propone queste soluzioni.

Alle prese con la convivenza: consigli e regole da tenere sempre a mente

VEDI ANCHE

Alle prese con la convivenza: consigli e regole da tenere sempre a mente

Scegliete insieme come personalizzare l'ambiente

Il suo appartamento è più grande e avete deciso che sarai tu a traslocare (o viceversa). Anche se non è possibile fare cambiamenti sostanziali allo spazio, ci sono tanti piccoli accorgimenti per personalizzare l’ambiente e renderlo più accogliente. Basta scegliere insieme una nuova copertura per il divano oppure un colore diverso per le pareti, per far sentire a proprio agio il nuovo arrivato. Persino delle maniglie diverse possono cambiare l’aspetto di un mobile vecchio. Sono modifiche poco o per niente dispendiose, che però danno subito un tocco di freschezza. L’importante è condividere le scelte e discuterne insieme.

Leggi anche 5 consigli per migliorare la comunicazione di coppia

Fate un inventario dei mobili e decidete insieme quali tenere

Caso classico: tu non vuoi rinunciare alla tua credenza shabby chic, ma sai che lui la odia. Sarà la piantina della casa a decidere. Cominciate facendo un inventario dei tuoi e dei suoi mobili, scartate quelli ormai datati o rovinati e prendete le misure di tutti quelli che vorreste utilizzare.

Potrebbe interessarti anche 5 errori da evitare se stai arredando e decorando un appartamento piccolo

A questo punto valutate insieme la sistemazione. Per rendervi conto dell’ingombro reale degli arredi, ritagliate la sagoma utilizzando dei quotidiani vecchi e fissatela a terra con lo scotch. Se la credenza vintage proprio non ci sta, e non si adatta allo stile del resto della stanza, rassegnatevi: è inutile pagare il traslocatore per poi tenerla in cantina. La scelta migliore è metterla in vendita. Con il ricavato, potrete acquistare un mobile che soddisfi il gusto di entrambi o qualcosa che vi manca. Per decidere quello che vi serve, potete stilare insieme una “lista di convivenza” come si fa per i matrimoni.

Date spazio alle passioni di entrambi

Che siano fumetti, dinosauri in miniatura o giocattoli in latta, tutti in bella mostra su quella mensola del salotto, proprio non ti piacciono. Allora segui il consiglio di alcuni interior designer: metti in risalto solo qualche pezzo, integrando i memorabilia del tuo lui con il resto dell’arredamento. Per esempio, sistema il tirannosauro tra i tuoi vasi di piante, impila qualche copia di Dylan Dog su uno scaffale a lato del divano per appoggiarci la tazza della tua tisana della sera, oppure metti in bella mostra il robot vintage sotto un contenitore di vetro, come fosse un prezioso gioiello. È importante fare spazio alle passioni di entrambi, cercando di integrarle in un nuovo equilibrio. La regola della limitazione dei pezzi vale, ovviamente. anche per la tua “collezione” di stoviglie per la cucina!

Fate decluttering, eliminando il superfluo

Ci staranno tutti i miei vestiti? La risposta è: quasi sicuramente no. La buona notizia è che puoi approfittare dell’occasione per fare decluttering, ovvero per eliminare quello che non ti serve più. Ti conviene partire con un po’ di anticipo perché rimandare la cernita e trasferire al nuovo indirizzo l’intero contenuto del tuo armadio servirà solo a creare più caos quando sarete insieme sotto lo stesso tetto.

La regola è liberarti dei capi che non indossi da almeno un anno. Lo stesso discorso vale per le scarpe che giacciono dimenticate in cima a un ripiano o per i souvenir impolverati delle vacanze che ormai non ti suscitano nessuna emozione.

Per qualche settimana, tieni uno scatolone a portata di mano e raccogli gli oggetti che non hanno più una funzione. Prova a osservare il tuo appartamento con occhi diversi: sei così abituata a vedere le tue cose sempre nello stesso posto che ormai non le noti nemmeno più. Inutile dire che anche il tuo lui dovrà seguire lo stesso processo di selezione.

3 consigli last minute per dividervi l'armadio

● Attacca dei gancetti adesivi o a ventosa alle ante interne. Serviranno per appendere foulard, cravatte o borse. Oppure aggancia delle shopping bag di stoffa da riempire con gli oggetti che usate meno di frequente e che non si stropicciano, come le sue cinture o le tue pochette.
● Utilizza contenitori trasparenti per tenere in ordine i capi Permetteranno di vedere il contenuto e trovare immediatamente quello che vi occorre.
● Scegli le grucce multiple, con parecchie file. Così su ognuna puoi appendere più di una camicia o diverse paia di pantaloni: eviterai di sgualcirli mettendo i capi uno sull’altro.

E ora che comincerai a convivere, ecco le abitudini alle quali non dovremmo mai rinunciare! Le 10 abitudini delle coppie felici

Riproduzione riservata