testi di Sara Peggion e Alberta di Giorgio