Come riconoscere il proprio tipo di pelle, i consigli nel video di Giada Fra

Avere una pelle perfetta e ben idratata è il primo step per una beauty routine senza errori dalla crema al make-up. Come riconoscerla in modo da utilizzare i prodotti ad hoc? Ce lo svela Giada Fra.

Come riconoscere il proprio tipo di pelle

Spesso, troppo spesso, si provano mille prodotti di skincare senza trovare mai il risultato desiderato. E se la maggior parte delle volte, viene data la colpa alla crema, al siero o al detergente acquistato erroneamente in realtà, è che non sappiamo davvero quale tipo di pelle abbiamo e, di conseguenza, scegliere la giusta routine di bellezza.

Abbiamo chiesto qualche consiglio a Giada Fra che ci ha svelato come riconoscere il tipo di pelle osservandola a fondo.

Sei appassionata di beauty? Seguici sul nostro canale Instagram @dmbeauty

Pelle normale

Caratteristiche: ben equilibrata, senza imperfezioni, brufoletti o pori dilatata. Il colorito è roseo e uniforme. È una pelle molto rara, fortunata chi ce l'ha!

Skincare: non ha bisogno di grande cura, anche se la zona a volte può risultare in po’ grassa. Meglio utilizzare, al mattino e alla sera, un detergente e una crema idratante.

Make-up: può essere utilizzata qualsiasi tipologia di fondotinta.


Pelle secca

Caratteristiche: pelle tesa, ruvida e dal colorito spento a causa della poca produzione di sebo che ne provoca anche la facile irritazione. Molto più comune nelle donne che negli uomini.

Skincare: sia al mattino che alla sera è bene utilizzare un detergente delicato e una crema estremamente idratante e nutriente. La pelle secche, inoltre, ha bisogno di un uso frequente e costante di maschere viso, che siano in crema o in tessuto. Da non dimenticare, poi, il contorno occhi visto che andrà a nutrire la zona perioculare spesso ancor più disidratata.

Make-up: meglio optare per BB cream o fondotinta cushion, entrambi caratterizzati dalla texture leggera.

Pelle grassa

Caratteristiche: questa pelle produce un eccesso di sebo e, quindi, è troppo nutrita. Unta, lucida e con molte imperfezioni: brufoli, acne, pori dilatati

Skincare: scegliere prodotti ad hoc, come detergenti e creme. Mai evitare di utilizzare la crema che deve essere comunque idratante, ma non troppo corposa. Per quanto riguarda le maschere meglio optare per le tipologie opacizzanti, detossinanti e specifiche per i punti neri (specialmente nella zona T).

Make-up: prima applicare un primer opacizzante e poi un fondotinta matte per ottenere un finish opaco. Per completare il tutto picchiettare con una spugnetta un cipria in polvere libera su tutto il volto.

Pelle mista

Caratteristiche: questa pelle mixa diverse tipologie dalle zone più secche e normali a quelle più grasse, come la zona T. È una delle tipologie di pelle più diffuse.

Skincare: per la detersione optare per un detergente ad hoc e, alla mattina, concentrarsi con particolare attenzione sulla zona T. Anche in questo caso, le maschere, sono un valido aiuto ma meglio scegliere quelle in crema in modo da applicarle in modo mirato mirate: detossinante su fronte-naso-mento, idratante per le guance. Infine, contorno occhi sia al mattino che alla sera.

Trucco: sì al fondotinta finish matte, ma meglio con una texture leggera.

Riproduzione riservata