La rivincita delle bionde: 10 attrici che fanno impazzire con il loro biondo

Credits: Shutterstock

Sono tra i più sognati dalle donne. Da Marilyn Monroe a Blake Lively, sono molte le dive che hanno fatto della loro chioma un simbolo di seduzione. Ed è per questo che la tinta bionda è una delle più richieste

In cima alla top ten c'è lei, la mitica Elle Woods, o meglio Reese Witherspoon, la bionda per eccellenza che ha dimostrato al mondo (non solo a quello del cinema) che essere bionda non significa essere per forza svampita, superficiale e senza cervello: nel film La rivincita delle bionde del 2001 la signorina Woods è una giovane viziata e biondissima (neanche a dirlo) ragazza, che vive seguendo le regole di Cosmopolitan, passando le sue giornate tra amiche e shopping e portando sempre con sé il suo amato chihuahua Tyson. Una delusione d'amore la porterà all'Università di Harvard per studiare legge e far vedere che le bionde sono tutt'altro che frivole.

Sono passati quasi vent'anni da quando Reese Witherspoon si è presa la sua rivincita (con tanto di sequel e un terzo episodio in attesa per il 2020) e il film è diventato un cult e un manifesto per tutte le donne dai capelli chiari che per anni sono state vittime di pregiudizi sulle loro capacità intellettive: "Tutta colpa della blonde ambition", spiega Elle. 

Il biondo fa sempre tendenza

Insomma, il biondo non passa mai di moda e Hollywood ne è la conferma. Al cinema infatti, le chiome bionde sembrano avere un grandissimo successo, tanto che tra le dieci attrici più pagate, la maggior parte sfoggia colpi di sole o di luce, sfumature miele, grano o toffee, platino oppure champagne. Sarà perché gli uomni "preferiscono le bionde" oppure perché, come affermano gli esperti, il biondo addolcisce i lineamente e aiuta a camuffare le piccole rughette intorno ad occhi e labbra? 

Intanto, quel che è certo, è che la "blonditude" è un attitudine, uno stato mentale. Ci sono persone che anche se nate castane come l'eterna Marilyn Monroe si sentono fin da subito bionde nell'anima. Altre invece che, seppur bionde, in fondo non lo saranno mai del tutto.

Ecco le 10 star che sono bionde, dentro e fuori (dal set)!

  • Credits: Getty Images

    BIONDO TOFFEE

    Michelle Pfeiffer resta una delle donne più affascinanti del grande schermo, una delle poche a non aver ceduto (o quasi) alla chirurgia estetica, mentenendo intatto il suo fascino e il suo sguardo magnetico. Deliziosa in Cherì, dove intepretava una nobildonna innamorata di un uomo molto più giovane di lei, e decisamente sexy con la sua Elvira Hancock in Scarface, accanto ad Al Pacino. È stata la giovane Michelle a rendere famoso il biondo caramello. Si tratta di un biondo da realizzare su misura in base alla carnagione e al colore degli occhi, in grado di accendersi di sfumature diverse a seconda dell'umore. 

  • Credits: Getty Images

    BIONDO CHAMPAGNE

    È da sempre la tonalità di biondo preferita da Sharon Stone. Come viene realizzato? Le ciocche vengono selezionate e separate singolarmente da mani esperte e il colore distribuito in modo che la parte esterna risulti sempre più chiaro e luminosa, internamente invece ci sono sfumature più scure. Dai tempi di Basic Instinct, la bella Stone ha sfoggiato diversi look, dallo sfilato al caschetto, dalla fragia al boycut, ma è sempre rimasta fedele al suo biondo champagne. 

  • Credits: Getty Images

    BIONDO PLATINO

    Il biondo platino è certamente il più "difficile" in assoluto. È perfetto per le donne che hanno un sottotono freddo, perché il platino dei capelli tende a far emergere il “giallo” dei sottotoni caldi della pelle. Dona molto a chi ha occhi e pelle chiari, ma anche il colore naturale dei capelli deve essere abbastanza chiaro, altrimenti la ricrescita diventa un problema. Quando dici platino, dici Marilyn Monroe perché è proprio grazie a lei e a pellicole come Quando la moglie è in vacanza se le donne di mezzo mondo continuano ad adorare questa fantastica sfumatura di biondo. 

  • Credits: Getty Images

    BIONDO CENERE

    Il biondo cenere si sposa a meraviglia con tutte le età, sta bene a tutte le carnagioni e con tutte le lunghezze di capelli. È abbastanza per amarlo? È una delle tonalità più facili da portare e da mantenere. Ed è persino estremamente elegante e raffinato.

    Dalla modella Cara Delevigne alla bella attrice Scarlett Johansson sono tante le celebrity che lo hanno sfoggiato e continuano a farlo ma una delle prime è stata senza dubbio Melanie Griffith: l'ex signara Johnson e Banderas lo ha reso celebre nel film Una donna in carriera. 

  • Credits: Getty Images

    BIONDO MIELE

    Oggi è forse "rovinata" dall'eccessivo ricorso alla chirurgia plastica ma chi non la ricorda in C'è posta per te e City of angels? Il caschetto wild e mosso di Meg Ryan color oro o biondo miele le ha portato davvero molta fortuna. Adatto a chi ha un sottotono caldo, il miele è una tonalità multidimensionale, grazie ai suoi mille riflessi che catturano la luce. L'unica pecca? I capelli biondo miele sono adatti solo alle più giovani e regalano il meglio sulle pelli abbronzate per un effetto sunkissed da vera Californian girl. 

  • Credits: Getty Images

    BIONDO SCURO

    Tutti ricordano le splendide gambe di Kim Basinger in Nove settimane e mezzo, ma in pochi oggi rimembrano il suo wob biondo scuro nel film Sognando l'Africa. Eppure è stata una delle nuance più ricercate per oltre un decennio. Il biondo scuro è forse il più "banale" (anche se Gigi Hadid dissentirebbe da questa affermazione) ma anche molto facile da portare (perché è quello che appare più naturale). Ed è anche la tonalità di biondo più semplice da ottenere: per ottenerlo bastano sottili instant highlights con leggere schiariture - solo su una ventina di ciocche in tutto - seguendo le regole dell’hair-contouring.


  • Credits: Getty Images

    BIONDO GRANO

    Questo tipo di biondo è chiaro, luminoso e a tratti iridescente su tutta la lunghezza: si chiama così perché richiama il colore chiaro delle spighe di grano in estate ed è stato portato alla ribalta dalla mitica Brigitte Bardot l'icona del cinema, della moda e della bellezza che ha rivoluzionato gli anni Sessanta con il suo sex appeal e il suo look così innovativo e fresco per quegli anni. La sua chioma bionda resta ancora oggi tra le più apprezzate e copiate. 
     

  • Credits: Getty Images

    BIONDO VANIGLIA

    La bellissima e biondissima californiana Cameron Diaz, pur essendo biona naturale, ha sfoggiato moltissime sfumature di blonde, dalle più scure che viravano al castano chiaro, fino alle più chiare come il biondo vaniglia: si tratta di una nuance molto fresca e pulita, che dona a tutte le texture di capelli, dai ricci e corposi a quelli lisci e finissimi. Per noi era praticamente perfetta in Tutte contro lui. Un unico consiglio: questo colore richiede molte attenzioni perché sia sempre luminoso e non si noti la ricrescita.

  • Credits: Getty Images

    CREAMY BLONDE

    Un'altra delle bionde per eccellenza del piccolo e grande schermo, amata per i suoi numerosi cambi d'abito, è l'ex protagonista di Gossip Girl, il telefilm che dal 2007 al 2012 ha fatto letteralmente impazzire tutti, Blake Lively. Si tratta di un biondo che parte da una base scura (anche se pur sempre bionda) e poi diventa gradualmente più chiaro sulle lunghezze e sulle punte. Talvolta raggiunge persino i confini del platino. Ricordano le sfumature dei capelli delle bambine dopo una vacanza al mare.

  • Credits: Getty Images

    BIONDO CLASSICO

    L'attrice losangelina (non poteva che nascere bionda!) Gwyneth Paltrow, a parte qualche rara occasione come nel film Sliding doors, ha sempre scelto di non "alterare" il suo colore californiano naturale. Chi osa il biondo classico come lei dovrebbe avere lineamenti del viso armoniosi e la pelle chiara, ma non è detto che si debbano avere necessariamente gli occhi azzurri, anzi, il colore dell'iride nocciola viene messo molto in risalto dai capelli biondi.

E voi? A quale categoria di biondo appertenete?

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te