Capelli blu: a chi stanno bene e come si fanno

Credits: Getty Image
/5

Chi non ama il nero, dice che il blu è il "proprio nero", almeno nell'abbigliamento. E se fosse così anche per i capelli? Ma tra il blu scuro e il celeste ci sono varie gradazioni, non da ultime quelle che riproducono i nuovi effetti sfumati

La prima a tingersi i capelli di blu è stata l'attrice Lucia Bosé. In tempi insospettabili. Erano gli anni '90, lei aveva più di 60 anni (e ancora era bellissima da ex Miss Italia qual è!), e probabilmente non avrebbe immaginato che la sua scelta osé vent'anni dopo si sarebbe rivelata visionaria.

Oggi frotte di ragazze giovani e giovanissime ambiscono ad avere i capelli blu. Ma, come ha ampiamente dimostrato l'ex reginetta di bellezza, il blu è un colore che non ha età. L'importante è "sentirselo" addosso. Sì, perché fa comunque parte delle tinte audaci che acquistano e donano fascino se le se si porta con disinvoltura.

In caso di capelli bianchi, è un modo di prendere di petto l'ingrigimento: che dire delle meravigliose striature blu su una chioma che altrimenti sarebbe sale e pepe?
Se invece si vuol 
cambiare e passare ad un colore di capelli particolare, il blu diventa un'alternativa alle tinte tradizionali, dando di sé un'immagine frizzante e decisamente non convenzionale. Sarebbero queste le motivazioni comuni per cui i capelli blu piacciono tanto.

Più facile del grigio, meno impegnativo del fucsia, il blu è infatti un colore che, nella categoria degli "audaci", conserva la discrezione. Ma a chi stanno bene? E come si fanno?


A CHI STANNO BENE I CAPELLI BLU

La risposta non è univoca, ma dipende dalla punta di blu che si desidera portare. Più è chiaro, più si accorda alla carnagione chiara, e viceversa. C'è una regola da tenere a mente: il blu è un colore freddo, quindi sta bene alle donne con sottotono freddo, sia rosato che olivastro. Come capire la differenza? Osserva il polso alla luce naturale del sole: se le vene tendono al blu/viola, hai sicuramente un sottotono freddo; se invece tendono al verde, hai un sottotono beige, una caratteristica che non sta benissimo con il blu. 

Sì alla tintura blu, quindi, se sei pallida, diafana o lunare, con l'accortezza di curare il make up con rossetti squillanti e tanto mascara. Perfetta, inoltre, sulla carnagione scura olivastra, soprattutto se il blu scelto è quello scuro.

I capelli blu sono sconsigliati ai coloriti dorati da chiari a medi, perché ne spegnerebbero la luminosità. 

  • Credits: Getty
    COME SI FANNO I CAPELLI BLU?

    Il procedimento varia in base al colore di base. Se i capelli sono naturalmente chiari, come biondo cenere, grigi o bianchi, si può applicare direttamente la tintura blu. I capelli scuri (castani, bruni e neri) vanno, invece, prima decolorati affinché il pigmento blu si depositi più facilmente. Il grado di decolorazione dipende dalla tonalità di blu scelto. Se, per esempio, punti al celeste, i capelli devono essere decolorati di più. 

    Di solito, le tinture blu sono composte da colorazioni dirette, cioè che vanno via in 6-7 shampoo, oppure da tinture semipermanenti che hanno una durata maggiore, ma non più di 25-28 lavaggi. E questo è un ottimo compromesso se temi che il blu non ti piaccia.

    Ricorda, inoltre, che il grado di porosità e di decolorazione dei capelli influisce sulla capacità di "trattenere" la tinta, e quindi di avere un effetto prolungato.


  • Credits: Mondadori Photo
    TENDENZA BLU SCURO

    È una tendenza che sta prendendo sempre più piede, tanto che è stata vista anche in passerella (nella foto una modella di Fendi, sfilate primavera estate 2018).

    Con i suoi riflessi tendenti al marine o navy, il blu scuro dà il massimo di sé su capelli lisci e lucidi. In genere, è un colore ideale per le donne con carnagione e occhi scuri, ma se scolora leggermente nel blu elettrico o cobalto, diventa accessibile anche a tutte le altre.

    Per mantenere viva la tinta blu, usa spray coloranti oppure i pigmenti puri diluiti nel balsamo o nella maschera che usi abitualmente dopo lo shampoo.

  • Credits: Getty
    CAPELLI NERI CON RIFLESSI BLU: PROFONDITÀ E FASCINO

    La tinta blu su una chioma corvina è un'idea per ammorbidire il nero ebano o per camuffare i capelli bianchi con brio. Per un effetto grintoso, opta per striature a contrasto come l'esperta di moda della tv USA, Jeannie Mai. 

    Se invece vuoi aumentare la misteriosità del nero, scegli una tinta piena con riflessi blu a tutto tondo. L'effetto a cui ambire è un po' come quello delle donne asiatiche con i loro capelli nerissimi tendenti naturalmente al blu. E non dimenticare di ravvivare il colore con prodotti per capelli colorati, come shampoo e balsami specifici.

  • Credits: Mondadori Photo
    I capelli nero-blu di molte donne asiatiche. Bellissimi e lucidissimi, con la loro elegante allure misteriosa.
  • Credits: Cotril
    CAPELLI BLU SFUMATI, UN TOCCO ROMANTICO

    Se invece la tinta blu "piena" ti sembra impegnativa, puoi orientarti verso gli effetti sfumati di grande tendenza in questa stagione. Si ottengono con striature verdi e celeste da mescolare su una base blu oppure grigia, per un risultato mélange che vivacizza ogni taglio. E questo è l'hair trend più nuovo.

    Un'altra idea di portare il blu sfumato è partire con un blu più scuro che dall'attaccatura dei capelli "scende" verso le radici con toni via via più chiari, come per esempio lo shatush.

    Nella foto, una proposta di Cotril per l'autunno-inverno 2017-18.

  • Credits: Getty
    SHATUSH BLU: OSARE, MA NON TROPPO

    La tecnica di schiaritura che da qualche stagione impazza indenne sulle chiome di mezzo pianeta ha conquistato anche le amanti della tinta blu. L'effetto è sfumato in modo più o meno accentuato.

    Lo shatush blu può inoltre fornire l'idea di tingere di celeste solo le punte estreme e, per le meno temerarie, qualche ciuffo qui e là.

  • Credits: Schwarzkopf Professional
    CAPELLI BLU CORTI: STILE E PRATICITÀ 

    Portare i capelli blu su un taglio corto è probabilmente più facile perché comporta meno manutenzione. Di certo, è una scelta che aggiunge grinta al classico pixie-cut e rende più rock il taglio boyish. E se ti stanchi che importa? Lavaggio dopo lavaggio, alla prossima regolata del taglio, il colore si sarà già scaricato. Ricorda che la tintura blu, di solito, è semipermanente!

    Nella foto, una proposta di Schwarzkopf Professional per l'autunno-inverno 2017-18.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te