Sogno i capelli lunghi

Seguici

Sognare, amare, essere affascinate dai capelli lunghi: alzi la mano chi non l'ha provato almeno una volta nella vita! Ci siamo chieste il motivo psicologico del successo primordiale della chioma all'oversize. La parola allo psicologo

<p><b>Capelli lunghi </b>che passione! Fanno<b> sognare</b> chi li porta, ma anche chi li guarda. E poi c'è chi vorrebbe farseli crescere.<br>Non deve essere un caso che i capelli lunghi siano tra i primi <b>desideri di bellezza</b> delle bambine di tutto il mondo. Si comincia già da piccole a chiedere alle nostre mamme di non tagliarci i capelli. <br>Ma perché sono così amati da tutte le donne? Lo abbiamo chiesto allo <b>psicoterapeuta Prof. Roberto Pani</b>, docente di Psicologia Clinica presso l'Università di Bologna.</p> Credits: Mondadori Press

Capelli lunghi che passione! Fanno sognare chi li porta, ma anche chi li guarda. E poi c'è chi vorrebbe farseli crescere.
Non deve essere un caso che i capelli lunghi siano tra i primi desideri di bellezza delle bambine di tutto il mondo. Si comincia già da piccole a chiedere alle nostre mamme di non tagliarci i capelli.
Ma perché sono così amati da tutte le donne? Lo abbiamo chiesto allo psicoterapeuta Prof. Roberto Pani, docente di Psicologia Clinica presso l'Università di Bologna.

 

<p>Lisci, ricci, ondulati: per una donna su 2 (<b>48%</b>) la<b> cura dei capelli</b> ha lo stesso valore dell'attenzione alla<b> forma fisica</b> (46%). Lo conferma una ricerca <b><i>Doxa-Plantur</i></b> su un campione di<b> 521 donne</b>, di età compresa tra i 15 e i 55 anni. Sorprendenti le risposte delle intervistate, le quali affermano che avere bei capelli è un desiderio - e conseguentemente un obiettivo - che supera quello di avere un look alla moda e una pelle dall'aspetto sano e giovane.</p><p>Se poi i capelli sono lunghi - sempre secondo l'indagine - le attenzioni delle donne sulla propria<b> chioma</b> si intensificano tanto da farne un'arma di seduzione, quando non addirittura un'ossessione. La maggior parti delle amanti del lungo sono reticenti a <b>tagliarsi i capelli</b> al di sopra delle spalle.</p> Credits: Mondadori Press

Lisci, ricci, ondulati: per una donna su 2 (48%) la cura dei capelli ha lo stesso valore dell'attenzione alla forma fisica (46%). Lo conferma una ricerca Doxa-Plantur su un campione di 521 donne, di età compresa tra i 15 e i 55 anni. Sorprendenti le risposte delle intervistate, le quali affermano che avere bei capelli è un desiderio - e conseguentemente un obiettivo - che supera quello di avere un look alla moda e una pelle dall'aspetto sano e giovane.

Se poi i capelli sono lunghi - sempre secondo l'indagine - le attenzioni delle donne sulla propria chioma si intensificano tanto da farne un'arma di seduzione, quando non addirittura un'ossessione. La maggior parti delle amanti del lungo sono reticenti a tagliarsi i capelli al di sopra delle spalle.

<p>«L'origine dell'enfasi che si attribuisce ai capelli è <b>atavica</b>, tanto primordiale quanto lo è la storia del mondo» - spiega lo psicoterapeuta Prof. Pani - «il fascino della chioma lunga affonda le radici nell'Antico Testamento, con la figura biblica di <b>Eva,</b> l<i>a </i><i>prima donna dai capelli lunghi</i><i>,</i> la cui icona rappresenta simbolicamente la<b> femminilità</b>. E di conseguenza alla lunghezza dei capelli sono associati i concetti legati al mito di Eva: seduzione, bellezza, pienezza e coerenza con la propria <a href="https://www.donnamoderna.com/salute/femminilita-femminile" target="_self" data-mce-href="https://www.donnamoderna.com/salute/femminilita-femminile">femminilità</a>».</p> Credits: Mondadori Press

«L'origine dell'enfasi che si attribuisce ai capelli è atavica, tanto primordiale quanto lo è la storia del mondo» - spiega lo psicoterapeuta Prof. Pani - «il fascino della chioma lunga affonda le radici nell'Antico Testamento, con la figura biblica di Eva, la prima donna dai capelli lunghi, la cui icona rappresenta simbolicamente la femminilità. E di conseguenza alla lunghezza dei capelli sono associati i concetti legati al mito di Eva: seduzione, bellezza, pienezza e coerenza con la propria femminilità».

<p>A concorrere al successo dei <b>capelli lunghi</b> ci si mettono le spiegazioni a metà tra l'<b>antropologico</b> e lo scientifico: i capelli lunghi indicherebbero presenza di <b>estrogeni </b>di contro al testosterone maschile. Aggiungiamo le fiabe che hanno per protagoniste <b>fate ed eroine</b>, per terminare con le bambole <b>Barbie,</b> che secondo alcune teorie psicologiche, avrebbero influenzato il  modello di bellezza delle bambine (lasciamo alle lettrici decidere se in  meglio o peggio).</p> Credits: Mondadori Press

A concorrere al successo dei capelli lunghi ci si mettono le spiegazioni a metà tra l'antropologico e lo scientifico: i capelli lunghi indicherebbero presenza di estrogeni di contro al testosterone maschile. Aggiungiamo le fiabe che hanno per protagoniste fate ed eroine, per terminare con le bambole Barbie, che secondo alcune teorie psicologiche, avrebbero influenzato il  modello di bellezza delle bambine (lasciamo alle lettrici decidere se in  meglio o peggio).

<p> A concorrere al successo dei <b>capelli lunghi</b> ci si mettono le spiegazioni a metà tra l'<b>antropologico</b> e lo scientifico: i capelli lunghi indicherebbero presenza di <b>estrogeni </b>di contro al testosterone maschile. <br />Aggiungiamo le fiabe che hanno per protagoniste <b>fate ed eroine</b>, per terminare con le bambole <b>Barbie,</b> che secondo alcune teorie psicologiche, avrebbero influenzato il  modello di bellezza delle bambine (lasciamo alle lettrici decidere se in  meglio o peggio).</p><p>Lo sapevi che i capelli e il volto di <a href="https://www.donnamoderna.com/bellezza/capelli/capelli-storia/foto-9#title"  target="_self">Farrah Fawcett</a> hanno ispirato la bambola più famosa della storia? Ci sarà un motivo se il suo è stato definito il taglio di capelli più indovinato della <b>storia</b> dell'<i>hair styling</i>.</p> Credits: Mondadori Press

A concorrere al successo dei capelli lunghi ci si mettono le spiegazioni a metà tra l'antropologico e lo scientifico: i capelli lunghi indicherebbero presenza di estrogeni di contro al testosterone maschile.
Aggiungiamo le fiabe che hanno per protagoniste fate ed eroine, per terminare con le bambole Barbie, che secondo alcune teorie psicologiche, avrebbero influenzato il  modello di bellezza delle bambine (lasciamo alle lettrici decidere se in  meglio o peggio).

Lo sapevi che i capelli e il volto di Farrah Fawcett hanno ispirato la bambola più famosa della storia? Ci sarà un motivo se il suo è stato definito il taglio di capelli più indovinato della storia dell'hair styling.

<p>Sognare<b> capelli lunghi</b> fa parte di un <b>contesto psicologico</b> ben preciso. Accade a tutte, anche a chi preferisce portare i capelli corti.</p><p> Secondo lo <b>psicoanalista Roberto Pani,</b> docente di Psicologia Clinica all'Università di Bologna "sognare i capelli lunghi vuol dire - con le dovute contestualizzazioni individuali - sognare la<b> femminilità stessa </b>in persona, intesa come <b>desiderio di sana seduzione </b>da parte della donna, di essere coerente con l’<b>immagine</b> del proprio <b>ruolo psicologico</b> e sociale. <br />Le favole, le immagini della moda e le <a href="https://www.donnamoderna.com/bellezza/viso-e-corpo/bellezza-icone"  target="_self">icone di bellezza</a> suggeriscono l’i<b>dea della donna </b><i>sempre</i> con i capelli lunghi, anche se - oggi come ieri - alcuni uomini cercano di imitare questa caratteristica propria femminile, facendosi crescere i capelli, come segno del potere. Si pensi al <b>personaggio biblico Sansone</b>, la cui forza risiedeva nella lunghezza dei suoi capelli, e nel fatto che non se li era mai tagliati.</p> Credits: Mondadori Press

Sognare capelli lunghi fa parte di un contesto psicologico ben preciso. Accade a tutte, anche a chi preferisce portare i capelli corti.

Secondo lo psicoanalista Roberto Pani, docente di Psicologia Clinica all'Università di Bologna "sognare i capelli lunghi vuol dire - con le dovute contestualizzazioni individuali - sognare la femminilità stessa in persona, intesa come desiderio di sana seduzione da parte della donna, di essere coerente con l’immagine del proprio ruolo psicologico e sociale.
Le favole, le immagini della moda e le icone di bellezza suggeriscono l’idea della donna sempre con i capelli lunghi, anche se - oggi come ieri - alcuni uomini cercano di imitare questa caratteristica propria femminile, facendosi crescere i capelli, come segno del potere. Si pensi al personaggio biblico Sansone, la cui forza risiedeva nella lunghezza dei suoi capelli, e nel fatto che non se li era mai tagliati.

<p>Non sono rari i casi di donne che portano i capelli lunghi da svariati anni: alcune giurano di non esserseli mai tagliati dall'infanzia, altre dall'età adolescenziale, altre ancora ammettono di pensare con fatica al fatto di doverli <b>accorciare</b>, seppure di qualche centimetro. Nel linguaggio psicologico, la<b> reticenza </b>a tagliarsi i capelli farebbe intuire una vera e propria<b> resistenza</b>, dunque. Perchè ci sono persone così reticenti a tagliarsi i capelli?</p><p>"Tagliare i capelli, nell'immaginario di molte donne, riguarda una sorta<b> perdita</b> (della bellezza così come di una parte di sè), ed equivale a <i><b>mettersi a nudo,</b></i> come se i capelli arricchissero sia la figura che la personalità - prosegue il Professore Pani - In effetti i capelli lunghi sono un <b>segno distintivo </b>non indifferente: tagliandoli si teme per esempio che alcuni difetti del viso possano essere più visibili: in altri termini venissero allo scoperto, anche se in realtà non c'è traccia di questi difetti fisici". È solo una <a href="https://www.donnamoderna.com/tag/percezione"  target="_self">percezione</a> (magari errata di) sè.</p> Credits: Mondadori Press

Non sono rari i casi di donne che portano i capelli lunghi da svariati anni: alcune giurano di non esserseli mai tagliati dall'infanzia, altre dall'età adolescenziale, altre ancora ammettono di pensare con fatica al fatto di doverli accorciare, seppure di qualche centimetro. Nel linguaggio psicologico, la reticenza a tagliarsi i capelli farebbe intuire una vera e propria resistenza, dunque. Perchè ci sono persone così reticenti a tagliarsi i capelli?

"Tagliare i capelli, nell'immaginario di molte donne, riguarda una sorta perdita (della bellezza così come di una parte di sè), ed equivale a mettersi a nudo, come se i capelli arricchissero sia la figura che la personalità - prosegue il Professore Pani - In effetti i capelli lunghi sono un segno distintivo non indifferente: tagliandoli si teme per esempio che alcuni difetti del viso possano essere più visibili: in altri termini venissero allo scoperto, anche se in realtà non c'è traccia di questi difetti fisici". È solo una percezione (magari errata di) sè.

<p>I capelli rappresentano<b> ricchezza,</b> colore e <b>vivacità</b>. Sono la cornice del volto.</p><p> Possono mostrare inoltre giovinezza, e, se ben acconciati, possono far apparire più giovani. Un taglio sbagliato rende antipatiche o regala qualche anno in più. Il fasciono dei capelli (lunghi) è merito (anche) della loro<b> versatilità </b>di essere acconciati, cambiati, tinti, decorati con fermagli ecc.<br />Ma siamo franche, dalla <b>simbologia</b> non si scampa i capelli lunghi rappresentano comunque una caratteristica che <b>contraddistingue</b> la donna rispetto all’uomo. "Quest'ultimo, a causa del possibile destino di calvizie a cui potrebbe andare incontro per motivi ormonali, non attribuisce ai capelli una grande importanza al pari delle donne. Alcuni potrebbero essere bonariamente e inconsciamente invidiosi dei capelli lunghi delle donne, ma si tratta di un fatto più che naturale". Nulla di preoccupante, quindi.</p> Credits: Mondadori Press

I capelli rappresentano ricchezza, colore e vivacità. Sono la cornice del volto.

Possono mostrare inoltre giovinezza, e, se ben acconciati, possono far apparire più giovani. Un taglio sbagliato rende antipatiche o regala qualche anno in più. Il fasciono dei capelli (lunghi) è merito (anche) della loro versatilità di essere acconciati, cambiati, tinti, decorati con fermagli ecc.
Ma siamo franche, dalla simbologia non si scampa i capelli lunghi rappresentano comunque una caratteristica che contraddistingue la donna rispetto all’uomo. "Quest'ultimo, a causa del possibile destino di calvizie a cui potrebbe andare incontro per motivi ormonali, non attribuisce ai capelli una grande importanza al pari delle donne. Alcuni potrebbero essere bonariamente e inconsciamente invidiosi dei capelli lunghi delle donne, ma si tratta di un fatto più che naturale". Nulla di preoccupante, quindi.

<p> <b>Pier Paolo Pasolini</b> diceva "<i>Piange ciò che muta anche per diventare migliore</i>". In tema di<i> hair styling</i>, potremmo mutuare questo sensibile passo pasoliniano per trasformarlo <b>ironicamente </b>in <b><i>"Piange chi si taglia i capelli, anche se sta meglio (con il nuovo taglio)</i></b>". È azzardato un paragone del genere? No, se si pensa che alcune bambine, se si taglia loro i capelli più di quanto si aspettavano, piangono. <br />Nel <i>fashion system</i>, sono diventate aneddotiche le<b> crisi di nervi </b>della super model <a href="https://www.donnamoderna.com/bellezza/viso-e-corpo/segreti-delle-top/foto-4"  target="_self">Linda Evangelista</a> se i coiffeur le sbagliavano taglio di capelli. E meno male che era nota per essere "la trasformista" delle modelle anni '90.</p> Credits: Mondadori Press

Pier Paolo Pasolini diceva "Piange ciò che muta anche per diventare migliore". In tema di hair styling, potremmo mutuare questo sensibile passo pasoliniano per trasformarlo ironicamente in "Piange chi si taglia i capelli, anche se sta meglio (con il nuovo taglio)". È azzardato un paragone del genere? No, se si pensa che alcune bambine, se si taglia loro i capelli più di quanto si aspettavano, piangono.
Nel fashion system, sono diventate aneddotiche le crisi di nervi della super model Linda Evangelista se i coiffeur le sbagliavano taglio di capelli. E meno male che era nota per essere "la trasformista" delle modelle anni '90.

<p class="text-left">Non è <b>esagerato</b> questo comportamento (quello di piangere se ci sbagliano taglio, esagerando nell'accorciare i capelli? Perchè accade questo? "Perché mentre gli si taglia i capelli, le bimbe spesso <b>sentono di perdere qualcosa: </b>essendo  ancora fisiologicamente immature, non possono scegliere come le donne  adulte ed affermare la loro volontà con determinazione in fatto di <i>hair look</i>. Le bimbe piangono perchè percepiscono la <b>privazione</b> fastidiosa di non assomigliare alle immagini che si sono quasi  inscritte nel DNA sin dalle prime ore della loro vita: a cominciare da  fumetti e fiabe per finire a tutte le <b>immagini</b> che hanno rapidamente assorbito, attraverso la <b>vista della propria madre </b>o delle altre donne, magari con <b>capelli lunghi"</b> - prosegue Pani.</p> Credits: Mondadori Press

Non è esagerato questo comportamento (quello di piangere se ci sbagliano taglio, esagerando nell'accorciare i capelli? Perchè accade questo? "Perché mentre gli si taglia i capelli, le bimbe spesso sentono di perdere qualcosa: essendo  ancora fisiologicamente immature, non possono scegliere come le donne  adulte ed affermare la loro volontà con determinazione in fatto di hair look. Le bimbe piangono perchè percepiscono la privazione fastidiosa di non assomigliare alle immagini che si sono quasi  inscritte nel DNA sin dalle prime ore della loro vita: a cominciare da  fumetti e fiabe per finire a tutte le immagini che hanno rapidamente assorbito, attraverso la vista della propria madre o delle altre donne, magari con capelli lunghi" - prosegue Pani.

<p>Nonostante l'<b>inno gioioso</b> al capello lungo, esistono da sempre le amanti del corto (e giustamente, altrimenti che democrazia sarebbe?).</p><p>"Si tratta spesso di una scelta di cambiamento che corrisponde a qualcosa di esistenziale, ma che si confà anche ad una tendenza del momento oppure all'adattamento del <a href="https://www.donnamoderna.com/bellezza/capelli/tagliare-i-capelli" target="_self" data-mce-href="https://www.donnamoderna.com/bellezza/capelli/tagliare-i-capelli">taglio di capelli</a> al proprio viso. Spesso la <b>scelta estetica del corto</b> è suggerita alle altre donne o accettata da se stesse, perché è come se constatassero di apparire più schiette, decise, più vere" - conclude il <b>Professore Roberto Pani.</b></p><p>Naturalmente son tutte ipotesi, e nulla in psicologia corrisponde alla verità apoditticamente certa, in senso di <i>scienza esatta</i>, concludiamo noi. Ma ammettiamo che scoprire le <b>ragioni </b>della passione dei <b>capelli lunghi</b>, e della resistenza a tagliarseli, ha una ragione che la testa non comprende. Al di là delle mode e delle tendenze.</p> Credits: Mondadori Press

Nonostante l'inno gioioso al capello lungo, esistono da sempre le amanti del corto (e giustamente, altrimenti che democrazia sarebbe?).

"Si tratta spesso di una scelta di cambiamento che corrisponde a qualcosa di esistenziale, ma che si confà anche ad una tendenza del momento oppure all'adattamento del taglio di capelli al proprio viso. Spesso la scelta estetica del corto è suggerita alle altre donne o accettata da se stesse, perché è come se constatassero di apparire più schiette, decise, più vere" - conclude il Professore Roberto Pani.

Naturalmente son tutte ipotesi, e nulla in psicologia corrisponde alla verità apoditticamente certa, in senso di scienza esatta, concludiamo noi. Ma ammettiamo che scoprire le ragioni della passione dei capelli lunghi, e della resistenza a tagliarseli, ha una ragione che la testa non comprende. Al di là delle mode e delle tendenze.

Riproduzione riservata