Capelli disciplinati, lucidi e meravigliosi? Prova i cristalli liquidi

Seguici

Un prodotto must-have per avere i capelli sempre in ordine, qualunque piega realizzi. E soprattutto per dire addio all'effetto crespo

Dopo un periodo di assenza dal panorama hair product, i cristalli liquidi per capelli sono tornati, rinnovati nella formula e nella composizione. Se qualche decennio fa i cristalli liquidi erano composti da siliconi, quelli in vendita oggi sono realizzati con ingredienti naturali e, in alcuni casi, biologici.

Il loro scopo? Come suggerisce la parola "cristalli", questi prodotti post-shampoo fanno brillare i capelli. Ma c'è di più. Andiamo con ordine.

Cosa sono i cristalli liquidi per capelli

I cristalli liquidi sono uno stato della materia intermedio fra quello di un solido cristallino e quello di un liquido. Questa è la definizione dell'enciclopedia Treccani. Quelli per capelli si presentano con una texture oleosa che "si adatta" ai fusti capillari, migliorandone l'aspetto. In altre parole, i cristalli liquidi, a differenza dei prodotti ristrutturanti, non entrano nella struttura del capello ma restano in superficie per lucidare e lisciare le fibre.

A cosa servono?

La loro funzione, più che nutriente, è condizionante, cioè abbellente, soprattutto in caso di ingestibilità dovuta a umidità, pioggia e vento. Ma non solo.

I cristalli liquidi, infatti, disciplinano i capelli, aumentando così la tenuta della messa in piega. Controllano l'effetto crespo, sigillano le doppie punte, e permettono di mantenere in ordine tutti i tipi di capelli. Che siano lisci, mossi, ricci o modellati dal parrucchiere, con i cristalli liquidi i capelli hanno più probabilità di restare perfetti. Come gli effetti splendidi che vedi negli shooting fotografici.

Credits: Redken

Come si usano i cristalli liquidi?

La regola da tenere a mente è "piccole quantità". Essendo delle goccine oleose, bastano pochissimi cristalli liquidi per rendere i capelli meravigliosi. Quando si applicano? Durante la pre-asciugatura, cioè quando hai tolto l'eccesso di acqua con asciugamano e phon. È quello il momento in cui i fusti sono più ricettivi a essere disciplinati. Versa 3-5 gocce sul palmo della mano e applicale sulle lunghezze, come se volessi lisciarle. Puoi così proseguire con il brushing.

Se i tuoi capelli sono molto secchi, puoi applicare qualche altra goccina di cristalli liquidi a piega ultimata. È sempre meglio però stemperare il prodotto tra le mani prima di passarlo sulle lunghezze. Se esageri con le quantità, ti ritroverai i capelli molto appesantiti. E il giorno dopo sarai costretta a rifarti lo shampoo.

Capelli sfibrati e opachi? Puoi renderli più luminosi applicando i cristalli liquidi tutti i giorni, sempre con moderazione.

Come scegliere i cristalli liquidi?

Per un'ottima scelta, accertati che i cristalli liquidi non contegano siliconi, ma solo ingredienti naturali. I più efficaci sono i semi di lino, le germe di grano, gli oli vegetali e il pantenolo. Una guida in più? Ricorda che gli oli, essendo più nutrienti, sono indicati per i capelli secchi e ricci. I semi di lino, invece, sono più tollerati dai capelli normali, di spessore da medio a fine. 

Un altro criterio di selezione potrebbe essere il profumo: scegli quello che si adatta alla tua linea di shampoo e balsamo. Ricorda però che si tratta sempre di odori leggeri e volatili, quindi puoi semplicemente seguire il tuo gusto.

Per quanto riguarda il timore untuosità, sappi che i cristalli liquidi di qualità non appesantiscono i capelli, e possono essere usati anche dai capelli più sottili e lisci. 

La formula con gli oli vegetali

I cristalli liquidi di Equilibra contengono lo speciale mix vegetale PHYTOSINERGIA (aloe, argan, cheratina vegetale da proteine del grano) che, oltre a disciplinare i capelli, li nutre e li ristruttura.

Contro i capelli crespi 

100% naturali e privi di silicone: questa la formula dei cristalli liquidi ai semi di lino de I Provenzali. Adatti per disciplinare tutti i tipi di capelli, compresi quelli più sottili. Sono, inoltre, ideali come termoprotettori prima di phon e piastre.

Azione lucidante

Contengono olio di macadamia e di cocco, ingredienti specifici per rendere i capelli super brillanti. Sono i cristalli liquidi di Adorn nel simpatico pack vintage.

Cristalli liquidi: prima o dopo la piastra?

Credits: Shutterstock

I cristalli liquidi si possono applicare sia prima che dopo la piastra, ma con alcune accortezze. Applicali sui capelli bagnati, asciuga con il phon e poi passa la piastra.

Mai applicare invece i cristalli liquidi sui capelli asciutti subito prima di passare la piastra. Il motivo? Con la piastra, così come con gli altri styler che emanano calore, i capelli non devono essere mai bagnati, foss'anche appena inumiditi da prodotti vari. In quest'ultimo caso, inoltre, è come se friggessti i capelli. E così, anziché proteggerli, li esporresti al rischio danneggiamento.

Dopo aver stirato i capelli con la piastra, puoi mantenere il liscio e controllare il crespo ancor più con qualche goccia di cristalli liquidi.

Arricchiti con filtri solari

Lucidano, levigano la fibra e, in più, la proteggono dal sole e dagli agenti inquinanti presenti in abbondanza in città. Sono i cristalli liquidi ai Sublime ai semi di lino di Alfaparf Milano.

Lisci come seta

Un booster di morbidezza per capelli reso possibile dall'olio di lino (nutriente), l'olio di cartamo (levigante) e l'olio di mandorla, specifico contro l'effetto crespo. Tutti ingredienti ottenuti da agricoltura biologica. Di Biopoint.

Per i capelli più secchi

I cristalli liquidi di Vitalcare contengono l'olio di Marula, uno dei segreti di bellezza delle donne africane. Si ottiene dalla spremitura di gherigli di alberi selvatici di Marula (Sclerocarya birrea) ed è ricco di proteine, acidi grassi vegetali e antiossidanti. Per questo motivo, sono più indicati per capelli danneggiati, secchi, fragili e trattati.

Con olio di Argan

Una formula indicata per i capelli secchi, crespi e ricci poiché ricca di olio di argan, dall'azione particolarmente emolliente. Hydra di Alama Professional.

Riproduzione riservata