Capelli colorati e trattati: sai come curarli?

Credits: Shutterstock

Le chiome sottoposte a stress chimici e meccanici necessitano di cure e attenzioni speciali. Qui i nostri consigli 

I capelli sani sono per antonomasia setosi, luminosi e morbidi. Purtroppo, spesso i vari tipi di trattamenti chimici (tinture, meches, colpi di sole) e fisici (phon, piastre e ferri) soprattutto se prolungati, li rendono opachi, sfibrati, privi di volume e fragili.

Per evitare di ritrovarti con chiome rovinate e dover dar loro un drastico taglio, hai a disposizione diverse soluzioni. La prima è usare prodotti specifici che durante il brushing proteggano i capelli dal calore. È molto importante, inoltre, diradare l'uso di piastre e ferri eccessivamente caldi. Infine, concederti, almeno una volta alla settimana, una buona maschera idratante e nutriente, che ricostruisca la fibra capillare. Vediamo nel dettaglio i passaggi.

La detersione 

Lavare i capelli trattati nel modo giusto è fondamentale per evitare che inaridiscano e perdano lucentezza. Scegli uno shampoo specifico per capelli trattati (lo trovi indicato nella confezione): lava con delicatezza senza aggredire i fusti. Se hai i capelli tinti, preferisci lo shampoo per capelli colorati: mantiene il colore pieno e luminoso, evitando che scolorisca.

Fondamentale è anche la scelta del balsamo, che deve essere di buona qualità dato che sarà necessario per nutrire i capelli in profondità e rafforzarli nel caso siano un po' indeboliti. Una volta alla settimana, poi, concediti un po' di tempo extra per applicare una maschera nutriente e lucidante.

Ultimo accorgimento durante la detersione: concludi sempre con un getto di acqua fredda per chiudere al meglio le cuticole, che in precedenza sono state "aperte" dalle basi lavanti (è un passaggio necessario per eliminare tracce di sebo, sporco e inquinamento).

L'asciugatura

Quelli che stiamo per raccontarti, sono suggerimenti validi per tutti i tipi di capelli, ma che lo diventano ancora di più per quelli trattati e quindi più indeboliti.

In fase di asciugatura, il phon va utilizzato con attenzione, possibilmente a una potenza media e senza avvicinarlo troppo ai capelli. Inizialmente, utilizzalo senza beccuccio per disperdere il calore uniformemente su tutta la capigliatura. Aggiungilo poi quando andrai a modellare le ciocche con la spazzola (il famoso brushing!).

In ogni caso mai usare il phon sui capelli completamente zuppi di acqua: sarebbe letteralmente come farli cuocere in padella. Prima, tamponali dolcemente con un asciugamano senza strofinare. In questo modo non solleverai le cuticole, ed eviterai di ritrovarti con i capelli crespi. Solo quando i capelli sono ben tamponati, puoi districarli con un pettine a denti larghi, e sempre se precedentemente hai applicato il balsamo.

Anche il tipo di asciugacapelli ha la sua importanza. I modelli agli ioni sono i più indicati per i capelli trattati, poiché grazie alla loro tecnologica elettrodinamica, mentre asciugano rilasciano ioni che idratano il capello. La potenza? Deve essere di almeno 1600 watt.

Anche le spazzole o i pettini che userai devono essere adatti allo styling, avere denti larghi e setole morbide, meglio se naturali, e devono essere lavati e puliti spesso. Evita la plastica: è la principale causa dei capelli elettrici.

Cure per capelli tinti

Se non puoi fare a meno di tingere i capelli, vuoi per coprire i bianchi o per sfoggiare le tinte più trendy del momento, ti consigliamo di affidarti a un professionista del colore che sappia non solo individuare le tonalità più indicate per il tuo incarnato, ma che utilizzi prodotti il meno possibile aggressivi. 

In realtà, non è solo la formulazione delle tinture a rispettare (o al contrario, danneggiare) i capelli, quanto la tecnica adottata per la colorazione. Sia in salone che a casa, per una buona riuscita è molto importante rispettare i tempi di posa indicati sulla confezione: a volte superarli di 5 minuti potrebbe stressare la chioma.

I capelli soffriranno meno, inoltre, se al momento del risciacquo saranno detersi con shampoo adatti per la stessa colorazione. Un buon colorista si distingue da questo. Ci sono infatti prodotti specifici per fissare il colore appena applicato, nutrire gli steli, e richiudere perfettamente le squame. Solo così si potrà assicurarsi una chioma morbida, anche se colorata.

Cura dei capelli colorati in estate

La bella stagione mette a dura prova i capelli colorati: il mix di raggi UV, vento e bagni di mare o in piscina possono avere un effetto notevolmente disseccante.

Il primo suggerimento è di proteggere i capelli con un prodotto schermante anti UV, che evita l'inaridimento e lo scolorimento. È stato osservato che dopo un'estate intera trascorsa al sole, i capelli si ritrovano danneggiati come se avessero subito un bagno di candeggina. Cappelli, foulard e bandane arrivano in soccorso. Per una protezione maggiore, opta per i solari per capelli con filtri specifici: in commercio ci sono prodotti con texture corpose per capelli secchi e ricci, e altri più leggeri adatti a capelli fini e sottili. Tutti sono pensati per scongiurare i "viraggi" strani di colore, come i gialli nei capelli biondi e gli arancioni nei castani. Oltre a mantenere il colore inalterato e luminoso, contrastano l'azione inaridente del sale e del cloro.

I prodotti anti UV per capelli più nuovi, inoltre, fungono da modellanti per acconciature da sfoggiare di sera, quando non si ha tempo di spazzola e phon.

A proposito di spazzola e phon, in estate ci si può prendere una pausa dal brushing, per cedere il passo alle beach waves, ormai sulla cresta dell'onda (è il caso di dirlo!) da un po' di anni. Se ami comunque l'effetto ordinato, opta per le spazzole liscianti: meno invasive delle classiche piastre, eliminano l'effetto crespo con delicatezza. Si passano sempre sui capelli completamente asciutti!

Lavare i capelli tutti i giorni sì o no? Sì, purché lo shampoo sia diluito e applicato una sola volta. Al posto del tradizionale balsamo da risciacquare, puoi applicare una formula leave-in da lasciare in posa. Anche in questo caso, ce ne sono di tutti i tipi: più corposi per ricci da modellare, con texture molto fluide per capelli sottili che si sporcano facilmente, cremosi quel tanto che basta per nutrire le chiome senza appesantire. In poco tempo, avrai capelli morbidi, disciplinati e curatissimi!


Riproduzione riservata