I tagli che ti fanno sembrare più vecchia

Seguici

Tagli che anziché ringiovanire, regalano anni. Vediamo quali sono insieme all'esperto

<p>Dopo i 50 anni la paura di<b> sembrare vecchie</b> comincia a farsi sentire. E se, per tutto il decennio dei 40, si riesce ancora ad osare qualche <b>taglio moda</b> o a portare lunghezze da liceale, verso il mezzo secolo le ansie di stare sbagliando look aumentano.</p><p>«Come regola generale è bene optare per un taglio pratico, di media lunghezza, facile da lavare e da stilizzare - esordisce <b>Charlie Didier</b>, hair stylist per <b>Compagnia della Bellezza</b> a Bologna - ogni donna può trovare il taglio adatto a sé e ai suoi lineamenti, ricordando che in genere le linee nette (righe in mezzo, frange dritte, tagli pari pari ecc.) invecchiano, così come gli <b>eccessi</b> di lunghezze in un senso e nell'altro, cioè capelli troppo lunghi o, al contrario troppo corti».</p><p><b>Volume</b>: sì o no? «Sì, ma è bene calibrarlo in base al viso: se è assente invecchia e se è eccessivo, anche!»</p> Credits: Getty

Dopo i 50 anni la paura di sembrare vecchie comincia a farsi sentire. E se, per tutto il decennio dei 40, si riesce ancora ad osare qualche taglio moda o a portare lunghezze da liceale, verso il mezzo secolo le ansie di stare sbagliando look aumentano.

«Come regola generale è bene optare per un taglio pratico, di media lunghezza, facile da lavare e da stilizzare - esordisce Charlie Didier, hair stylist per Compagnia della Bellezza a Bologna - ogni donna può trovare il taglio adatto a sé e ai suoi lineamenti, ricordando che in genere le linee nette (righe in mezzo, frange dritte, tagli pari pari ecc.) invecchiano, così come gli eccessi di lunghezze in un senso e nell'altro, cioè capelli troppo lunghi o, al contrario troppo corti».

Volume: sì o no? «Sì, ma è bene calibrarlo in base al viso: se è assente invecchia e se è eccessivo, anche!»

Non tutti i tagli di capelli sono indicati per tutte le età. Il tema della giusta lunghezza dei capelli delle donne, da variare in base all’età, è da sempre molto dibattuto tra gli hair stylist. C’è chi dice che ci sono delle regole da rispettare, una specie di "etica" del capello che gli impedisce di oltrepassare una certa lunghezza oltre gli anta, e chi invece è per la più assoluta libertà, con i capelli fino alla vita anche a 60 anni.

Insieme all'hair stylist Charlie Didier ti indichiamo i tagli da non portare dopo una certa età (perché invecchiano). Validi anche al contrario, cioè se hai 20 anni e vuoi dimostrarne 30! I tagli della gallery in alto sono esempi e sono da adattare poi al proprio stile e ai propri gusti.

Ricorda inoltre che anno dopo anno, il capello inizia piano piano a perdere forza: l’età che avanza, l’inquinamento, l’uso di tinture e qualche gravidanza lo rendono più fragile.

Potrebbe interessarti anche: Capelli lunghi dopo i 40-50 anni? Non è più un tabù.

In genere, dai 45 anni in poi si comincia a preoccuparsi di sembrare un pizzico più giovani: meglio quindi abbandonare i tagli cortissimi che invecchiano e optare per una lunghezza media, magari alle spalle. Molta attenzione va posta al volume: se è troppo ampio, stile Liz Taylor, il taglio fa subito "signora".

In caso di capelli sottili, è bene orientarsi verso tagli scalati da medi a corti che non appesantiscano il viso. Se invece i capelli sono tanti e forti, si può giocare con una lunghezza che tocchi le spalle, aiutandosi ovviamente con i consigli del proprio parrucchiere.

<p><b>No al pixie cut voluminoso e costruito</b></p><p>«Se si preferisce il <b>taglio corto</b>, una delle scelte peggiori per mostrare tutti i propri anni è quella di optare per il <b><i>pixie cut</i> </b>con extra volume, un tipo di taglio che rende praticamente ogni ciuffo costruito - dice l'<i>hair stylist</i> <b>Charlie Didier</b> -  Questo effetto volume spettinato può rendere il taglio nel suo complesso un po' datato, perché ricorda quel volume ricercato degli anni ’80».</p><p>In fondo, è il tipico taglio che andava di moda quando le nostre nonne passavano i 50 e i parrucchieri le obbligavano a tenere i capelli corti, decisamente demodè e soprattutto poco valorizzante della femminilità che rimane invariata in qualunque donne e a <b>tutte le età</b>.</p> Credits: Mondadori Photo

No al pixie cut voluminoso e costruito

«Se si preferisce il taglio corto, una delle scelte peggiori per mostrare tutti i propri anni è quella di optare per il pixie cut con extra volume, un tipo di taglio che rende praticamente ogni ciuffo costruito - dice l'hair stylist Charlie Didier -  Questo effetto volume spettinato può rendere il taglio nel suo complesso un po' datato, perché ricorda quel volume ricercato degli anni ’80».

In fondo, è il tipico taglio che andava di moda quando le nostre nonne passavano i 50 e i parrucchieri le obbligavano a tenere i capelli corti, decisamente demodè e soprattutto poco valorizzante della femminilità che rimane invariata in qualunque donne e a tutte le età.

<p><b>No ai capelli rasati</b></p><p>«Un altro<b> taglio </b>da evitare se si son passati gli anta è il <b>taglio troppo corto</b> in un viso piuttosto squadrato» - spiega l'<b>hair stylist</b> - Il motivo? «Indurisce i lineamenti e conferisce un'aria aggressiva, che magari si addice poco alla donna in questione». </p><p>Il taglio della foto è ovviamente un estremismo che però rende bene l'idea dell'aggressività che potrebbe trasparire da un look del genere, se portato da una donna non più giovanissima.</p> Credits: Mondadori Photo

No ai capelli rasati

«Un altro taglio da evitare se si son passati gli anta è il taglio troppo corto in un viso piuttosto squadrato» - spiega l'hair stylist - Il motivo? «Indurisce i lineamenti e conferisce un'aria aggressiva, che magari si addice poco alla donna in questione».

Il taglio della foto è ovviamente un estremismo che però rende bene l'idea dell'aggressività che potrebbe trasparire da un look del genere, se portato da una donna non più giovanissima.

<p><b>No ai capelli troppo lunghi</b></p><p>«Un <b>taglio di capelli lungo e liscio </b>non aiuta di certo a nascondere i segni dell’età - spiega l'esperto - basti pensare all’effetto salice piangente di Morticia Adams: se si portano i capelli verso il basso senza nessuna forma specifica e tutto il viso sembrerà “cadere” a sua volta verso il basso».</p><p>Il taglio extra long pari che sfiora la vita è assolutamente da evitare quando non si ha nessuna intenzione di apparire più mature di quello che si è o quando si ha qualche difetto sul viso da mascherare. La <b>chioma liscia</b>, lunga e simmetrica, dovrebbe essere abbandonata subito dopo l’età da teen-ager.</p> Credits: Mondadori Photo

No ai capelli troppo lunghi

«Un taglio di capelli lungo e liscio non aiuta di certo a nascondere i segni dell’età - spiega l'esperto - basti pensare all’effetto salice piangente di Morticia Adams: se si portano i capelli verso il basso senza nessuna forma specifica e tutto il viso sembrerà “cadere” a sua volta verso il basso».

Il taglio extra long pari che sfiora la vita è assolutamente da evitare quando non si ha nessuna intenzione di apparire più mature di quello che si è o quando si ha qualche difetto sul viso da mascherare. La chioma liscia, lunga e simmetrica, dovrebbe essere abbandonata subito dopo l’età da teen-ager.

<p><b>No alle frange nette</b></p><p>Il <b>caschetto con frangia lunga</b> è bellissimo, ma fino ad una certa età. «Dopo gli anta, avere una massa che ricade copiosa sugli occhi non fa altro che rendere l’insieme dell’acconciatura piuttosto confuso e soprattutto può dare un’impressione sbagliata abbinata a determinati make up» - spiega l'hair stylist.</p><p>Se proprio non puoi fare a meno della<b> frangia</b>, portala leggermente <b>bombata</b> oppure più corta, al filo dell’arco sopraccigliare, altrimenti rischierari di “far morire” lo sguardo, come dicono i make up artist, e di dare anche l’impressione di voler nascondere qualche difetto della fronte e delle tempie che invece magari non esiste affatto!</p><p>«Un altro modo per portare una frangia senza effetto invecchiante è quella di aprirla a tendina».</p> Credits: Mondadori Photo

No alle frange nette

Il caschetto con frangia lunga è bellissimo, ma fino ad una certa età. «Dopo gli anta, avere una massa che ricade copiosa sugli occhi non fa altro che rendere l’insieme dell’acconciatura piuttosto confuso e soprattutto può dare un’impressione sbagliata abbinata a determinati make up» - spiega l'hair stylist.

Se proprio non puoi fare a meno della frangia, portala leggermente bombata oppure più corta, al filo dell’arco sopraccigliare, altrimenti rischierari di “far morire” lo sguardo, come dicono i make up artist, e di dare anche l’impressione di voler nascondere qualche difetto della fronte e delle tempie che invece magari non esiste affatto!

«Un altro modo per portare una frangia senza effetto invecchiante è quella di aprirla a tendina».

<p><b>No ai carrè troppo voluminosi</b></p><p>Il volume stile Liz Taylor degli ultimi tempi invecchia perché ricorda un modo hollywoodiano di portare i capelli con cotonature estreme.</p><p>«L’alternativa ringiovanente per chi ama i tagli medi è quella di puntare su un <b>medium bob </b>mosso e scalato. Le <b>scalature</b>, infatti, permettono di dare <b>volume</b> e movimento all’acconciatura» - dice l'hairstylist Charli Didier - «un bravo consulente di immagine saprà consigliarti su quali punti insistere con le forbici per valorizzare il tuo viso».</p> Credits: Mondadori Photo

No ai carrè troppo voluminosi

Il volume stile Liz Taylor degli ultimi tempi invecchia perché ricorda un modo hollywoodiano di portare i capelli con cotonature estreme.

«L’alternativa ringiovanente per chi ama i tagli medi è quella di puntare su un medium bob mosso e scalato. Le scalature, infatti, permettono di dare volume e movimento all’acconciatura» - dice l'hairstylist Charli Didier - «un bravo consulente di immagine saprà consigliarti su quali punti insistere con le forbici per valorizzare il tuo viso».

<p><b>No ai tagli cortissimi</b></p><p>Per chi ama i tagli corti e vuole rimanere in questo ambito, la scelta ideale è un <b>taglio pixie liscio </b>e ordinato. «Suggerisco uno stile anni ’20, con un bel ciuffo che accarezza leggermente la fronte e rende l’insieme sbarazzino e soprattutto permette di giocare moltissimo con accessori e make up» - dice l'esperto.</p> Credits: Mondadori Photo

No ai tagli cortissimi

Per chi ama i tagli corti e vuole rimanere in questo ambito, la scelta ideale è un taglio pixie liscio e ordinato. «Suggerisco uno stile anni ’20, con un bel ciuffo che accarezza leggermente la fronte e rende l’insieme sbarazzino e soprattutto permette di giocare moltissimo con accessori e make up» - dice l'esperto.

<p><b>No ai boccoli costruiti</b></p><p>«A meno che tu non sia riccia naturale, i boccoli sono da evitare, perché l'effetto nostalgico che ricorda una "prima comunione" ormai passatissima è alto! Meglio optare per un volume medio che renda la capigliatura "schiumosa" e armonica nel suo complesso. </p><p>Infine no alle righe in mezzo che dividono il viso in due, conferendogli durezza di espressione» - conclude <b>l'hair stylist Charlie Didier.</b></p> Credits: Mondadori Photo

No ai boccoli costruiti

«A meno che tu non sia riccia naturale, i boccoli sono da evitare, perché l'effetto nostalgico che ricorda una "prima comunione" ormai passatissima è alto! Meglio optare per un volume medio che renda la capigliatura "schiumosa" e armonica nel suo complesso.

Infine no alle righe in mezzo che dividono il viso in due, conferendogli durezza di espressione» - conclude l'hair stylist Charlie Didier.

Riproduzione riservata