Capelli: le tendenze per un autunno naturale e selvaggio

Credits: Shutterstock

Ecco tagli, colori e acconciature di tendenza per l'autunno inverno 2018/2019

È una grande voglia di naturalezza quella si respira nelle principali capitali della moda, dove nelle hanno sfilato modelle con hair styling "semplici" e alla portata di tutte. I capelli diventano uno scudo con cui mostrarsi tutti i giorni, per affrontare la giungla metropolitana. Ed è bene che, quindi, siano il più possibile fedeli al proprio modo di essere.

Non ci sono più i diktat nella moda, tuonava negli anni '90 Giorgio Armani, e mai come in questo periodo quella frase visionaria sembra così attuale. Ogni donna deve sentirsi bene nella propria pelle, anzi chioma, così come Madre Natura le ha donato. Con questo non vuol dire che non ci sia un fil rouge che accomuna le tendenze capelli dell'Autunno-Inverno 2018-19.

L'ispirazione macro è portabilità: i capelli sono acconciati per la donna contemporanea che ha una vita quotidiana ricca di impegni e ha sempre meno tempo da dedicare allo styling. Non per questo rinuncia a essere di tendenza.

Via libera quindi a tagli che stanno a posto da soli, lunghezze facili da gestire, colori studiati per non evidenziare la ricrescita e volumi naturali. In questa ondata di naturalezza, fanno eccezione le acconciature che ricalcano le eroine dei romanzi dell'800, facendo sognare anche chi ama pochi artifici in testa.

Gli stili: tra il naturale e il selvaggio

Credits: Getty
Credits: Getty
Credits: Getty
Credits: Getty
Credits: Getty
Foto

Questo autunno/inverno saranno di moda le chiome fluide, con quelle onde che si creano naturalmente senza che siano troppo lavorate con la spazzola. Le abbiamo viste da Armani, Krizia e Prada. In un'ideale classifica di stili preponderanti, scendono i boccoli da diva e salgono le beach wave appena accennate (Balmain, Laura Beccaria). Si possono creare facilmente intrecciando i capelli, dopo averli spruzzati di spray texturizzanti.

Il liscio naturale, vaporoso e lucidissimo, torna prepotentemente a far capolino in passerella, per valorizzare chiome lunghissime tagliate in modo pari. I capelli non sono piastrati in modo geometrico, bensì lisciati con attenzione al volume che conserva sempre un po' di "ampiezza" sia sulla lunghezza che, soprattutto, sulle punte. Andrà di moda, insomma, la cara classica piega liscia spettinata.

Tornano i capelli ricci e riccissimi: c'era già stato qualche accenno nelle passate stagioni, ma mai come in questa si sono viste sfilare chiome all'apparenza ribelli, ma sapientemente disciplinate per creare riccioli di tutti i tipi, dalle spirali a zig zag agli stili afro.

Le lunghezze: trionfa l'extra long

Credits: Getty
Credits: Getty
Credits: Getty
Credits: Getty
Credits: GHD
Foto

Si riscontra una democrazia di lunghezze delle chiome: saranno cioè di moda sia i capelli corti che quelli lunghi e l'onnipresente taglio medio. Tra tutti c'è una vaga preponderanza per il lungo estremo (visto da Michael Kors, Burberry, Max Mara) che si porta sia liscio che con moderni frisé larghi. Possibilmente tagliato pari e solo lievemente scalato ai lati.

I tagli corti esplorano una varietà di stili, restando sempre sul mood classico che fa tanto boysh. I tagli medi, invece, sono strutturati per essere pratici da asciugare e acconciare.

I tagli: parola d'ordine portabilità

Credits: GHD
Credits: Getty
Credits: Getty
Credits: Fernanda Calfat/Getty Images
Foto

La macro tendenza "naturalezza" si esprime anche nei tagli che sono strutturati per adattarsi al viso (i corti) e alla figura (i taglio medio-lunghi). L'obiettivo è mantenere il volume dei capelli e consentire alla donna di gestire il taglio con facilità nella vita di tutti i giorni. I tagli corti puntano allo stile da maschietta con frangettine e ciuffi da portare a piacimento. Basta un po' di gel e il taglio si trasforma come si desidera.

I tagli medi, invece, oscillano tra l'altezza delle spalle e la base del collo: grazie a sapienti scalature ai lati del viso mettono in evidenza i punti forti, come ad esempio zigomi e mascelle.

Si son viste molte frange che sono ormai un must: questo autunno inverno si porteranno lunghe fin quasi a sfiorare gli occhi, e aperte a tendina.

I colori: castani caldi e biondi freddi

Credits: Getty

Il colore dei capelli giocherà tra i due estremi opposti: da un lato i mori profondi, dall'altro i biondi chiarissimi. C'è una riscoperta del colore pieno a tutto tondo, di cui vengono esaltate le caratteristiche di lucentezza e brillantezza. Quanto ai castani, la tendenza predominante è la riscoperta dei toni più scuri, che ricordano il cioccolato fondente. I biondi, invece, vincono nelle loro nuance più fredde, esplorando anche i color ghiaccio e platino.

Non mancano castani naturali, che ricordano i colori della terra, attraversando tutte le cromie del sottobosco. Si portano pieni, con solo le punte appena schiarite. 

I capelli rossi meritano un capitolo a parte perché vengono proposti in tutte le sfumature: dal tiziano al carminio, passando per i malva e i nuovi colori che si ispirano alle spezie, come cannella, curcuma e pepe rosa.

Riproduzione riservata