Credits: Shutterstock

Spazzole per capelli: tipologie e come scegliere quella giusta

Seguici

Ti sei mai chiesta quale sia l'utilizzo di quel pettine dalla forma così strana? Ebbene, scopri tutte le funzioni di ogni spazzola e pettine, così da trovarti pronta per realizzare qualsiasi piega

Spazzole e pettini sono accessori che usiamo quotidianamente da secoli per districare i capelli e abbellire la nostra chioma. Sei sicura, però, di conoscerne tutti gli utilizzi? Spazzole diverse infatti hanno effetti diversi sui capelli e sceglierne una sbagliata può rivelarsi controproducente.

Scopri, quindi, gli accessori per capelli dai più comuni ai meno conosciuti e a cosa sono indicati.

Tangle Teezer

Sono le spazzole di nuova generazione, vendute anche in molte colorazioni originali. Da quando sono state inventate (l'anno preciso è il 2007 ma quello di lancio su scala mondiale è il 2014), le Tangle Teezer hanno ottenuto un grande successo, al punto da essere pluri-imitate. Ma solo le spazzole originali vantano le notevoli capacità districanti: per questo hanno un brevetto depositato.

Grazie alle loro setole fitte, ma sapientemente collocate e distribuite tra loro, le Tangle Teezer sono perfette per sgrovigliare i capelli (dall'inglese tangle, "groviglio") e sciogliere i nodi con facilità. Sia su capelli bagnati che asciutti, compresi quelli delicati delle bambine. Vengono utilizzate anche da chi porta extensions in quanto riducono al minimo il rischio di spezzarle.

Pettine a denti larghi

Spesso utilizzato per pettinare i capelli bagnati, il pettine a denti larghi è perfetto per distribuire uniformemente la maschera nutriente dopo lo shampoo. È indicato inoltre per "allentare" i capelli ricci, rendendoli da ricci a mossi. I denti larghi, infatti, permettono di non "rompere" le onde e i ricci definiti, e di evitare così il rischio di spezzare i capelli.

Sceglila in legno per far sì che i capelli risultino meno elettrizzati: il legno infatti ha la capacità di annullare la carica elettrostatica dai capelli.

Pettine a denti stretti

Detto anche a denti fitti, questo pettine è indicato per dividere in parti uguali la chioma in previsione di un'acconciatura o per fare la riga dritta. La codina posteriore è infatti un alleato di precisione. Grazie ai suoi denti stretti, questo tipo di pettine viene utilizzato anche per cotonare i capelli.

Il materiale indicato? Quello in plastica, poiché scivola meglio sui capelli, che di solito sono lisci e sottili. Impossibile usare questo pettine sui capelli ricci e spessi!

Pettine con due o più code

Ha una struttura particolare studiata per la realizzazione di acconciatura complesse oppure per righe a zig-zag e/o altri motivi originali. Questo tipo di pettine è lo strumento da avere in casa se hai la mano da coiffeur o se devi modellare frange sui capelli ricci.

Spazzola ampia e rettangolare

La si trova in plastica, ceramica o legno. La struttura ampia e piatta rende questa spazzola adatta per pettinare i capelli lisci, soprattutto lunghi e folti. Aiuta moltissimo inoltre durante l'asciugatura poiché permette di ottenere una piega setosa e veloce.

Sceglila in plastica e ceramica, come la Paddle Brush di GHD perché riduce l'effetto crespo e districa perfettamente senza spezzare le lunghezze.

Spazzola cilindrica

Questo è l'accessorio più professionale della lista in quanto serve per realizzare delle vere e proprie pieghe. È anche il più complicato da usare, se non sei abile con le tecniche di asciugatura.

La spazzola cilindrica serve per lisciare i capelli mossi, conferendo loro volume; ma anche per creare onde e boccoli dall'effetto naturale. 

Si trova in metallo o in ceramica ma anche legno e setole di cinghiale. Scegli la versione in metallo (come quella di Termix) per ottenere pieghe definite (sia lisce che mosse): le fibre resistenti al calore permettono infatti di modellare le ciocche a volontà. In più, annullano gli effetti crespi e troppo svolozzanti.

Spazzola sferica

Presenta una base a pallina o a sfera (di qui il nome spazzola sferica) che mostra una dentellatura non omogenea. Serve ad asciugare i capelli velocemente, donando loro un effetto volume mosso e molto naturale. Meglio non utilizzare però la spazzola sferica per sciogliere i nodi, in quanto non adatta. A tal scopo, è sempre indicato il pettine a denti larghi.

Spazzola con setole naturali

Solitamente realizzata con setole di cinghiale, questa spazzola risulta essere molto valida nel pettinare i capelli da asciutti, meglio se lisci o mossi. Il motivo? Le setole naturali distribuiscono l'olio naturale prodotto dal cuoio capelluto su tutta la lunghezza del fusto del capello, rendendolo luminoso.

È la spazzola perfetta, inoltre, da accompagnare allo shampoo secco: rimuovere benissimo i residui di prodotto (anche qualora fossero bianchi), rendendo i capelli come appena lavati.

Pettine con la sezione a setole flessibili

È un tipo di pettine utilizzato per applicare la tinta oppure i trattamenti in crema. La sezione a setole nere semi-morbide serve ad applicare con precisione il prodotto ciocca per ciocca, sia per coprire la ricrescita che pere creare effetti colore.

La vaschetta in dotazione serve a miscelare i vari ingredienti per ottenere la tinta: meglio usare un recipiente apposito con plastiche idonee a contenere i vari prodotti senza che si ossidino prima del tempo.

Ecco qui un breve riassunto delle spazzole e dei pettini da conoscere e avere: condividilo sui social con le tue amiche!

Contenuto sponsorizzato: Donnamoderna.com presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Donnamoderna.com potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Riproduzione riservata