Speciale

Ritenzione idrica a 50 anni: per ogni causa il suo “dolce” rimedio

Credits: shutterstock

Gonfiore, cellulite e senso di pesantezza tipici dell'età, possono essere contrastati da rimedi drenanti dolci

Colpa dei cambiamenti ormonali dovuti alla menopausa e al periodo che la precede, a 50 anni può accentuarsi la ritenzione idrica o manifestarsi per la prima volta in donne che magari non ne hanno mai sofferto.

Gli estrogeni calano, di contro all'innalzamento di altri ormoni femminili che, tra gli altri sintomi, trattengono i liquidi.

La responsabilità di un gonfiore maggiore dopo i 50 è anche dei comportamenti alimentari e non, legati all'età che cambia: vita meno attiva, sedentarietà, consumo di sale, voglia di dolci e cibi saporiti ecc.

La soluzione "drastica" è la terapia ormonale ed è di pertinenza esclusiva del medico specialista. I rimedi dolci, invece, riguardano l'uso di piante ed erbe scelti in base al problema.

Per drenare i liquidi in eccesso non basta bere più acqua e consumare meno sale. Se nonostante le buone abitudini alimentari, le gambe e in genere tutto il corpo restano gonfi, è bene ricorrere a qualche aiutino. Meglio se proveniente dalla natura.

A 50 anni le cause della ritenzione idrica sono principalmente ormonali, alle quali si aggiungono:

- errori a tavola;

- ipertensione e problemi circolatori;

- intolleranze alimentari (non è raro scoprire tardivamente di essere intollerante a qualche cibo).

La dottoressa Mariasandra Aicardi, farmacista esperta in dermocosmesi e fitoterapia, ci indica dei rimedi drenanti specifici per ogni problema.

Ritenzione idrica causata da intolleranze alimentari

Il problema

L'intolleranza al glutine, ai lieviti, allo zucchero e ai latticini, così come l'allergia al nichel, possono provocare ritenzione di liquidi che, se trascurata, dà origine alla cellulite.

La soluzione

Assumere 70 gocce dell'estratto analcolico concentrato di ribes nero 1 volta al giorno, meglio la mattina a digiuno e in poca acqua. Abbinare una tisana di betulla 2 volte al giorno e una di colostro al giorno per almeno un mese.

Ritenzione idrica causata da alimentazione scorretta

Il problema

Soprattutto l'eccesso di sale, ma anche di zucchero e dolci in genere, di proteine animali e cibi con additivi vari (glutammato, coloranti) possono rallentare il lavoro del sistema linfatico e dare origine a ritenzione e cellulite.

La soluzione

Bere 2-3 volte al giorno un infuso di betulla o assumerla sotto forma di integratori. Assumere una compressa di potassio e una di vitamina C al giorno.

Ritenzione causata da menopausa e premenopausa

Il problema

È essenzialmente di natura ormonale, accompagnato da un mix di fattori concomitanti: errori a tavola, ipertensione ed eventuale assunzione di farmaci, soprattutto se a base di ormoni come la pillola anticoncezionale e gli antidolorifici, che contengono sali di sodio.

La soluzione

Assumere 30 gocce di estratto fluido di betulla 3 volte al giorno. Abbinare una compressa di un integratore composto da curcuma e zenzero e una di artiglio del diavolo.

Ritenzione idrica causata da ipertensione e problemi circolatori

Il problema

Tra le varie cause di ipertensione vi sono una dieta ricca di sodio e lo stress, che a loro volta comportano un aumento della ritenzione idrica e un cattivo funzionamento del sistema linfatico.

La soluzione

Assumere 30 gocce di estratto fluido concentrato di olivo 3 volte al giorno. Abbinare una perla di aglio deodorizzato al giorno per almeno un mese.

Se non ti riconosci in nessuno dei casi precedenti... 

Assumere l'integratore a base di polvere di gambo di ananas: ha proprietà anti-edematose, facilita il drenaggio dei liquidi corporei, riducendo la stasi venosa. Ha inoltre proprietà anti-infiammatorie. Lo si trova in capsule o compresse e ne bastano 2-4 al giorno, da prendere con l'acqua lontano dai pasti.

Bevi una tisana anti ritenzione

La più efficace è costituita da ortica, equiseto, gramigna, finocchio, peduncoli di ciliegia e betulla.

Da assumere per almeno un mese, la si prepara mettendo 2 cucchiaini rasi di mix di erbe in mezzo litro di acqua in ebollizione, si lascia bollire lentamente a recipiente coperto per 3-5 minuti, si filtra e si dolcifica con poco miele. In alternativa, ricorrere agli integratori sotto forma di compresse o beveroni.

Prima di ricorrere a qualsiasi rimedio naturale, consigliamo di rivolgersi al proprio medico di fiducia che saprà valutare il vostro stato di salute e le cause del problema, e consigliarvi al meglio sulle soluzioni più adatte al vostro caso.

Riproduzione riservata