Beauty Blender & Co.: tutto sulle spugnette da trucco da avere e acquistare

Credits: Shutterstick

Tonde, squadrate, a punta, ovali o a goccia: il mondo delle spugnette da trucco, oggi, è davvero infinito. Ma come scegliere e acquistare quella giusta?

Chi non ha mai avuto una spugnetta da trucco nel proprio beauty case? Dalle prime triangolari in lattice, a volte troppo morbide, alle più sofisticate in silicone che stanno spopolando negli ultimi mesi. Ma le spugnette per il trucco, ormai conosciute come beauty blender, nascondono tantissimi segreti e, molto spesso, non vengono utilizzate al massimo delle loro potenzialità.

Che cos’è la beauty blender

Chiamarla ‘spugnetta’ è davvero riduttivo. Le beauty blender sono un vero e prorpio strumento professionale alla portata di tutti e le sue funzioni sono davvero molteplici. Dal fondotinta all’illuminante, dal baking al contouring: in base alla forma, dimensione e materiale ogni spugnetta ha una funzione precisa e mirata.

Come scegliere la beauty blender

Dimensione e forma: sono queste le due discriminanti per la scelta della corretta beauty blender. Grandi o piccole, a clessidra o a forma di goccia, le proposte sono davvero tantissime, l’importante è conoscerle a fondo ogni tipologia.

Beautyblender®, l'originale

Quando si parla di spugnette per il trucco è impossibile non citare la prima nata: la Beautyblender®, la prima spugna a forma di goccia che ha aperto la strada a moltissimi altri prodotti. La Beautyblender®, amata da make-up artist e non, ha rivoluzionato il mondo delle spugnette partendo proprio dalla schiuma di cui è fatta: oltre a non contenere lattice ha un particolare brevetto chiamato Aqua-activatedTM che permette di raddoppiarne le dimensioni una volta bagnata e, allo stesso tempo, non assorbire il fondotinta, evitando così di sprecare prodotto, e restituendo un incarnato uniforme e omogeneo.

Beauty Blender con fondo piatto

Le spugnette con fondo piatto di Real Techniques sono l’ideale per chi cerca uno strumento per applicare il fondotinta liquido. La particolare schiuma con cui sono state progettate permette di realizzare un trucco uniforme, evitando l’effetto maschera. Da non sottovalutare la forma: i lati arrotondati sono pensati appositamente per coprire le zone più ampie del viso, la punta di precisione è utile per coprire difetti e imprecisioni e, infine, il bordo piatto tornerà utile per le il contorno occhi e le zone intorno al naso. L'assenza di lattice la rende la scelta ideale per chi è allergico.

Beauty blender: a goccia o a clessidra? 

La forma a goccia è una delle più classiche ed è perfetta anche per chi si sta approcciando per la prima volta a questo strumento. Oltre ad essere facile da maneggiare, il fondo arrotondato la rende utile per coprile le zone più ampie del viso, mentre la punta permette di raggiungere le zone più difficili. Questo tipo di spugnetta è perfetta anche per applicare la cipria, specialmente nella zona del contorno occhi.

La forma a clessidra, perfetta anche per chi è alle prime armi, è molto utile alle appassionate di blush in crema o crema contouring: il restringimento centrale, infatti, permette di impugnarla al meglio permettendo così un’applicazione più mirata e precisa, specialmente quando si parla di lavorare sui chiaroscuri.

La beauty blender di diverse dimensioni

Spesso, le beauty blender, vendono vendute in veri e propri kit che racchiudono lo stesso prodotto declinato in forme, colori e dimensioni diverse. In questi casi è bene porre attenzione, più che alle forme, alle dimensioni: ogni grandezza, infatti, permette di agire su una determinata zona senza interferire con il resto della struttura. Si parte dalla misura più grande, perfetta per distribuire il fondotinta in modo uniforme ed andare a coprire qualche piccola imperfezione, per poi man mano rimpicciolirsi fino ad arrivare alle spugnette pensate per i lavori di precisione quali il contorno occhi o i segni dell'acne. 

Come usare al meglio la beauty blender

Non tutti sanno che, per utilizzare la meglio la beauty blender, bisogna pensare prima di tutto quale prodotto abbinarci in modo da capire se sfruttarla da asciutta o da bagnata. Un dettaglio, che per qualcuno, può essere banale ma che, in realtà, cambierà totalmente l'effetto finale.

Ad esempio, nel caso di fondotinta, bb cream o illuminanti in crema, l’ideale è bagnare la spugnetta e strizzarla a fondo lasciandola solamente umida. In questo modo, il lattice, tenderà ad espandersi, diventerà ancor più morbido e non assorbirà prodotto, lasciando un fantastico effetto glow. Per bagnarla, oltre all'acqua, è possibile utilizzare dell’acqua termale oppure un primer o un fissativo spray aumentando ancor di più così la resa del prodotto applicato.

Ovviamente è possibile applicare il fondotinta anche con la spugnetta asciutta, ma è meglio farlo solo se si è alla ricerca di una copertura estrema.

Per i prodotti in polvere, invece, è meglio utilizzare la spugnetta completamente asciutta: la texture rimarrà solo in superficie e potrà essere applicata con estrema precisione sulle parti del viso coinvolte.

Come pulire la beauty blender

Come ogni strumento dedicato al trucco, anche la beauty blender, ha necessità di una pulizia approfondita almeno una volta a settimana e per farlo esistono diversi i metodi:

- Il sapone neutro è uno dei metodi classici. Basterà applicarne un piccolo quantitativo sulla spugnetta e, con molta pazienza, massaggiarla e risciacquarla più e più volte affinché il detergente penetri a fondo ed elimini tutte le impurità.

- Un microonde, una tazza, dell’acqua e qualche goccia di detersivo per i piatti. Sembra impossibile, ma con questo metodo ci vorrà davvero poco per pulire al meglio la spugnetta, basterà immergerla in una tazza d’acqua con un po’ di detersivo, posizionarla per 1 minuto alla massima potenza del microonde e poi lasciare raffreddare il tutto. Una volta fredda e strizzata, la beauty blender sarà totalmente pulita. In caso di sporco profondo, sarà possibile ripetere il procedimento anche un paio di volte.

- L’olio d’oliva è un vero alleato per eliminare le impurità del trucco. Basterà versarne un pochino sulla blender, massaggiare e poi incartarla in un foglio di stagnola per 15 minuti. Passato il tempo basterà eliminare l’eccesso di trucco e di olio con del sapone delicato o del detersivo dei piatti. Veloce e indolore.

- La lavatrice è perfetta specialmente se è necessario pulire più spugnette in un colpo solo. Basterà inserirle in una bustina traforata, come quelle per l’intimo, e avviare un ciclo di lavaggio a 30 gradi. Il metodo ideale per chi non ama passare troppo tempo con le mani sotto l’acqua.

È comunque buona norma detergere la beauty blender ogni giorno in modo da eliminare il makeup e le impurità presenti sulla superficie che potrebbero prolificare con il passare delle ore.

Gli errori da non fare con la beauty blender

Ovviamente esistono anche degli errori da evitare assolutamente quando si utilizza la beauty blender. Il primo riguarda sicuramente la durata: è bene ricordarsi di cambiare la spugnetta per il trucco ogni 2/3 mesi e, in qualunque caso, davanti ai primi segni di deterioramento come crepe o tagli. Questo ricambio ciclico permetterà di avere uno strumento super performante e sempre igenizzato.

Il secondo errore, invece, riguarda la 'conservazione': evitate di lasciare la blender libera in trousse per il trucco e optate sempre per una piccola scatolina dove conservarla e tenerla pulita.

Contenuto sponsorizzato: Donnamoderna.com presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Donnamoderna.com potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Riproduzione riservata