Primer: gli usi alternativi da beauty expert

Credits: Shutterstock
/5
di

Alessandra Montelli

Oltre che di tecnica, il make up è fatto di creatività. Come quella che ci vuole per reinventare un prodotto "star", che sicuramente tutte abbiamo nella trousse

Dai backstage delle sfilate è balzato direttamente nelle toelette di noi comuni mortali, rivoluzionando la base trucco. È sua maestà il primer! Un prodotto semi-sconosciuto fino a 7-8 anni fa, almeno tra i non addetti ai lavori, ma che tutte hanno comprato almeno una volta nella vita.

Le proprietà del primer le conosciamo: rende il fondotinta più duraturo, restringe i pori dilatati, appiana (anche se temporaneamente) le rughe, opacizza e leviga il viso. Insomma, da quando è diventato non più solo a uso esclusivo dei make up artist, il primer ci ha reso con una pelle fantastica. E ce ne siamo innamorate all'istante!

Come tutti gli amori a prima vista, però, può capitare che lo abbiamo un po' abbandonato nella trousse. Oppure lo riserviamo alle occasioni speciali.

Hai mai pensato di riciclarlo? In fondo, un cosmetico non può durare in eterno: prima o poi scade, soprattutto se è a base cremosa, come appunto il primer. Ecco usi alternativi che abbiamo provato per te!

1. Disciplinare le sopracciglia ribelli

Sarà stata Cara Delavingne con i suoi "archi" spessi e folti che non si vedevano dai tempi di Brooke Shields, ma le sopracciglia sono l'ossessione del momento. Ecco che il primer diventa un conditioner che, come il balsamo dei capelli, mette in ordine le sopracciglia ribelli. Deve essere però rigorosamente trasparente. 
Se sei solita riempire i buchi qui e lì tra i peletti con la matita o le polveri, applica il primer sempre dopo: fisserà i prodotti specifici eyebrow.

2. Alleggerire un rossetto coprente e mat

Ha un colore bellissimo e ti sta a meraviglia ma, come tutti i rossetti mat, necessita di applicazione meticolosa: disegnare il contorno con matita temperatissima, avere labbra morbide, stare attenta agli errori... E non sempre ne hai voglia. Se passi il primer sulle labbra, le trasformi in una "pellicola" scivolosa su cui il rossetto dal colore pieno si scioglierà come un burro. E diventerà quindi più morbido e meno coprente. In una parola, meno impegnativo.

Il primer giusto? Quello siliconico che leviga alla perfezione rughe, grana irregolare e pori dilatati.

3. Dare nuova vita al mascara

Il tuo mascara preferito sta per finire e vuoi tergiversare un po' prima di acquistarne un altro. Con un cotton fioc cospargi lo scovolino di una piccola quantità di primer, e intingilo nel suo tubo contenitore. Spingi bene e gira più volte lo scovolino, per distribuire bene il prodotto. Renderai più cremoso il tuo mascara, che sta(va) quasi per asciugarsi. E potrai usarlo ancora per un po'. Il primer giusto? Meglio se per occhi.

4. Recuperare un fard che si è seccato

Nonostante "scavi" con il pennello sulla cialda del fard, non riesci a prelevare nemmeno un granello di polvere? Vuol dire che il fard si è indurito. Prima di buttarlo, prova a resuscitarlo con il primer. Fai così: con un cucchiaino da caffè preleva po' di polvere e riponila sul dorso della mano. A questo punto aggiungi un po' di primer - rigorosamente trasparente - e miscela fino a ottenere un composto omogeneo. Il tuo blush in crema è pronto per rinvigorire le tue guance!

5. Rendere un correttore per brufoli adatto per le occhiaie

In genere, i correttori per i brufoli sono in stick e con una texture secca e asciutta. Mal si adattano quindi alla zona del contorno occhi, perché evidenzierebbero le linee di espressione, aggiungendo anche quelle che non ci sono. Con il primer puoi rendere lo stick anti-brufoli più cremoso. Puoi agire in 2 modi: o applichi prima il primer sulla zona periocolari e poi stendi il correttore. Oppure versa qualche goccia di primere sulla punta dello stick, amalgama con il dito e passa il tuo nuovo correttore sulle zone che ti interessa coprire.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te