fototipo pelle

Ad ogni fototipo la sua protezione solare, per un’abbronzatura sicura

Il fototipo è tutto o quasi, almeno quando si parla di colorito: dorato, cioccolato, biscotto o latteo. E questa è l'unica risposta certa per sapere se ti abbronzerai molto oppure poco. E di conseguenza scegliere gli SPF

È un classico: arriva l'estate, c'è chi sfoggia un'abbronzatura caraibica dopo due giorni e chi una tintarella color latte nonostante una settimana di esposizione al sole. È questione di fototipo, ovvero il sistema che classifica la capacità della pelle di resistere alle scottature solari e di abbronzarsi. Questo spiega perché alcune carnagioni impieghino più tempo di altre per raggiungere un colorito dorato. In caso di pelle molto chiara, non ha senso "forzarla" a prendere colore, costringendosi a pericolose scorpacciate di sole in orari critici (dalle 12 alle 14). Si aumenta solo la probabilità di scottarsi.

Semmai si può attivare la melanina con integratori alimentari e prodotti che contengano tirosina (da non confondere con l'ormone tiroideo tiroxina). È un aminoacido che il nostro corpo non sintetizza e che quindi deve essere assunto dall'esterno, anche tramite l'alimentazione (soia, carne di vitello, parmigiano, stoccafisso, frutti di mare, noci, mandarle, semi di zucca, albume d'uovo e alga spirulina essiccata).

A proposito, lo sapevi che occorrono 48 ore perché la melanina si attivi mostrando un accenno di abbronzatura? I fototipi più chiari possono necessitare di più ore.

Accendi l’abbronzatura: 5 tips per sembrare più abbronzate

VEDI ANCHE

Accendi l’abbronzatura: 5 tips per sembrare più abbronzate

Che cos'è il fototipo e quanti sono

Il fototipo è una classificazione internazionale che individua la risposta della pelle alle radiazioni solari. Ideata nel 1975 dal medico Thomas B. Fitzpatrick della Medical Harvad School, la scala dei fototipi è stata poi codificata universalmente dall'OMS. In seconda battuta, il fototipo indica la sfumatura della carnagione che dipende dalla quantità di melanina di ognuno. È la genetica a stabilire tutto ciò. Si tratta di indicazioni importanti per sapere la protezione solare più adatta a sé e il tempo di esposizione prima di scottarsi.

Come non spellarsi? Segreti e consigli per un’abbronzatura duratura 

VEDI ANCHE

Come non spellarsi? Segreti e consigli per un’abbronzatura duratura 

Quanti sono i fototipi?

I fototipi sono 6, ed essendo correlati al colore della pelle, vanno dal più chiaro al più scuro, dal più basso al più alto. Come caratteri secondari vengono considerati il colore di occhi e capelli, anche se - come vedremo nella tabella in basso - non sono così determinanti. Ci possono essere persone con carnagione chiarissima e capelli neri effetto Biancaneve oppure con colorito perennemente dorato e chioma bionda stile Normanni!

  • Fototipo I
    Carnagione: lattea, avorio
    Reazione al sole: si scotta sempre, non si abbronza mai
    Tempo di esposizione senza filtri: da 5 a 10 minuti
    Caratteristiche secondarie: capelli rossi, lentiggini, occhi azzurri o chiari
  • Fototipo II
    Carnagione: chiara
    Reazione al sole: si scotta facilmente, si abbronza poco con difficoltà
    Tempo di esposizione senza filtri: fino a 15 minuti
    Caratteristiche secondarie: capelli rossi o biondi, occhi chiari o nocciola, lentiggini
  • Fototipo III
    Carnagione: moderatamente chiara
    Reazione al sole: si scotta senza protezione adeguata, si abbronza gradualmente
    Tempo di esposizione senza filtri: dai 20 ai 30 minuti
    Caratteristiche secondarie: capelli castani, occhi chiari o marroni
  • Fototipo IV
    Carnagione: beige o olivastra
    Reazione al sole: si scotta raramente, si abbronza rapidamente
    Tempo di esposizione senza filtri: oltre i 40 minuti
    Caratteristiche secondarie: capelli e occhi scuri
  • Fototipo V
    Carnagione: molto scura in varie gradazioni
    Reazione al sole: non si scotta quasi mai, si abbronza tanto e subito
    Tempo di esposizione senza filtri: superiore a un'ora e mezza
    Caratteristiche secondarie: occhi e capelli scuri o neri
  • Fototipo VI
    Carnagione: nera
    Reazione al sole: non si scotta mai, può incorrere in iperpigmentazione
    Tempo di esposizione senza filtri: oltre le 2 ore
    Caratteristiche secondarie: occhi e capelli neri

I fattori di protezione adeguati al fototipo

Una volta individuato il proprio fototipo, si può scegliere la protezione solare più adatta a sé. Più è basso il fototipo, più sarà alto il fattore di protezione. Nel dubbio, durante le prime esposizioni applica un SPF elevato, per poi "scendere" una volta che hai raggiunto un bel colore. L'abbronzatura fornisce di per sé una protezione naturale dai raggi UVB, responsabili delle scottature, ma non dai raggi UVA che invece penetrano in profondità nel derma, favorendo l'invecchiamento cutaneo. Ma andiamo con ordine.

  • Protezione molto alta SPF 50+ consigliata a:
    fototipi I o II sempre, fototipo III nelle prime esposizioni, tutti i fototipi in caso di macchie o trattamenti dermatologici con acidi esfolianti o laser.
  • Protezione alta SPF 50 consigliata a:
    fototipo II dopo le prime esposizioni, fototipo III nelle prime esposizioni.
  • Protezione alta SPF 30 consigliata a:
    fototipo III dopo le prime esposizioni (va bene anche a inizio vacanza a patto di essere rinnovata spesso), fototipo IV i primi giorni di sole.

Differenze tra SPF 30 e SPF 50? In realtà poche: «ci sono studi condotti su scala mondiale che evidenziano che l’SPF 30 blocca il 97% dei raggi solari rispetto al 98% bloccati dal fattore di protezione 50» - dice il dermatologo Nicola Maria Russo. Il numero più alto induce inoltre a sentirsi sempre protetti, dimenticando di riapplicare la crema solare.

  • Protezione media SPF 20 o 15 consigliate a:
    Fototipo III una volta abbronzato, fototipo IV e V già dai primi giorni, da applicare con frequenza.
  • Protezione bassa SPF 10 o 6 consigliate a:
    Fototipo IV e V già abbronzati, fototipo VI sempre.
Tan Activator di DARLING
Stimolare il naturale processo di melanogenesi, attivando la melanina già presente nel nostro corpo per prevenire il rischio di eritemi e scottature. La formula è studiata per garantire un’abbronzatura naturale, luminosa e duratura, tutelando la salute della pelle.
Gel-cream SPF 100 di HELIOCARE
Fluido leggero SPF 50 di NUXE
Sensitive Immediate Protect SPF 30 di NIVEA
Spray Abbronzatura Perfetta SPF 30 di COLLISTAR
Olio solare SPF 15 di L'ERBOLARIO
Maxi Bronze SPF 6 di INCAROSE

I dubbi più comuni sui fattori di protezione

La protezione SPF 100 esiste? Alcune case cosmetiche inseriscono il numero 100 nella propria gamma di solari. In realtà, è una scelta aziendale per indicare che una crema ha un fattore di protezione altissimo superiore al 50+ (che è il grado più alto riconosciuto al livello internazionale).

Di solito, l'SPF 100 è indicato in caso di facilità all'eritema, come accade per i fototipi I e II o le allergie al sole. Tuttavia, l'SPF 100 non deve confondere il consumatore, poiché non è uno schermo totale dai raggi solari: non solo non esiste, ma è vietato per legge inserire sulla confezione una dicitura che faccia riferimento al "blocco" dei raggi UV, come ad esempio "sunblock - copertura totale o massima".

E le creme senza protezione? Di solito sono intensificatori dell'abbronzatura che contengono sostanze come la tirosina (da non confondere con l'ormone tiroideo tiroxina) che accelera la produzione di melanina. Le creme prive di filtri sono consigliate ai fototipi dal IV al V, dopo i primi giorni di esposizione, e mai sul viso.

Autoabbronzante: 5 trucchi per un colorito naturale e uniforme

VEDI ANCHE

Autoabbronzante: 5 trucchi per un colorito naturale e uniforme

Altre cose da sapere sui fototipi

Oltre alla sensibilità ai raggi UV, il fototipo può anche indicare potenziali complicazioni in caso di trattamenti dermatologici. I fototipi dal IV al VI sono a rischio di iperpigmentazione o ipopigmentazione in caso di epilazione definitiva, resurfacing laser viso ringiovanenti o potenti peeling chimici. I principi attivi sbiancanti o depigmentanti contenuti nelle creme antimacchia possono causare, inoltre, complicazioni per i fototipi più scuri, tra cui secchezza, irritazione e iperpigmentazione, ma solo se concentrati in alte quantità. Nel dubbio, sempre meglio proteggersi adeguatamente, anche in città!

Protezione solare da città: i prodotti giusti e le risposte ai dubbi più comuni

VEDI ANCHE

Protezione solare da città: i prodotti giusti e le risposte ai dubbi più comuni

Riproduzione riservata
dmbeauty

1508 posts 337k followers

Make up your life

Beauty cards