Che bella pelle con le vitamine! Dai cibi ai cosmetici, tutto ciò che devi sapere

Credits: Shutterstock

Se non ne assumi a sufficienza, la pelle ne risente. E questo perché ogni vitamina ha una sua precisa "funzione epidermica": per questo non bisogna farsele mancare, a cominciare dai cibi per finire ai cosmetici. Guida all'uso delle vitamine essenziali per la pelle

Una bella pelle è frutto (anche) di un adeguato apporto vitaminico, sia per mezzo dell'alimentazione che della skincare. L'organismo umano non è in grado di sintetizzare le vitamine in quantità sufficienti alle proprie necessità, e per questo motivo devono essere introdotte dall'esterno.

La pelle è lo specchio di eventuali carenze vitaminiche (che nei vari organi si manifestano con altri segnali, a seconda delle specificità di ogni vitamina). Ecco perché è fondamentale avere un'alimentazione equilibrata, e supportarla con i cosmetici che contengono appunto vitamine. Insomma, la cura della pelle è un impegno costante che va in sinergia con nutrizione e cosmetica. 

Nei paragrafi che seguono trovi le proprietà specifiche per la pelle di ogni vitamina, i cibi che le contengono e l'impiego in cosmesi.

Vitamina A per il rinnovamento cellulare

La vitamina A favorisce il rinnovamente delle cellule e combatte le rughe, oltre ad avere una spiccata azione seboregolatrice. Si trova solo nel mondo animale (oli di fegato di pesce, burro, formaggio, latte, uova), mentre nei vegetali è presente come provitamina, ovvero i carotenoidi che fungono da precursori alla formazione della Vitamina A. I carotenoidi proteggono la pelle dall'invecchiamento naturale, dall'azione dei raggi solari, dall'inquinamento atmosferico e dal fumo.

La provitamina A si trova nei vegetali giallo-arancione-rosso, ma anche in alcuni verdi, in cui la clorofilla maschera il pigmento carotenoide, in particolare: albicocche, asparagi, anguria, basilico, broccoli, carote, cicoria, cime di rapa, erba cipollina, lattuga, mais, mango, melone, papaya, patate, peperoni, pomodori, prezzemolo, rucola, scarola, sedano, zucca.

In cosmetica, la vitamina A si trova sotto forma di derivato che prende il nome di retinolo: agisce da levigante e ammorbidente eliminando ipercheratosi e ruvidità, poiché stimola il turnover epidermico. In creme e lozioni il retinolo viene utlizzato in diverse forme, che nell'INCI sono indicate con le parole: retinyl, retinal, retinol.

Il retinolo non va confuso con l'acido retinoico, un altro derivato della Vitamina A, il cui uso cosmetico è vietato poiché è destinato solo all'ambito medico-farmaceutico, in quanto ha importanti ripercussioni sull'organismo (viene prescritto in alcune forme di acne).

L'importanza dello Zinco per l'assimilazione della vitamina A
La vitamina A viene rilasciata dal fegato, dove è immagazzinata, solo in presenza di zinco. È stato osservato in chi soffre di acne più una carenza di zinco che di vitamina A. Le due sostanze sono sinergiche. Per essere sicure che non manchi lo zinco nella dieta è importante mangiare frumento e avena integrale, semi di sesamo e girasole, frutti di mare, uova ed eventualmente integrare la dieta con lievito di birra e germe di grano.

Vitamine del gruppo B: idratazione, melanina e anti-sebo

Le vitamine del gruppo B che fanno bene alla pelle sono: la B2, B5 e B6, le quali diventano pertanto di interesse cosmetico. Analizziamole una per una.

La Vitamina B2 (o riboflavina) viene inserita in prodotti che stimolano la formazione della melanina, come creme che preparano la pelle al sole e solari che, oltre a proteggere, accelerano l'abbronzatura. Nei cibi, la vitamina B2 si trova sia nei vegetali (frutta e verdura) che in prodotti animali (latte, formaggio, uova).

La Vitamina B5 o acido pantotenico dà l'avvio al ciclo vitale delle cellule, in particolare quelle della pelle. È largamente distribuita sia nel mondo vegetale che in quello animale. In cosmetica, la vitamina B5 e uno dei suoi composti organici, noto come pantenolo o provitamina B5 viene molto impiegato grazie alle sue proprietà idratanti in prodotti per trattare la pelle secca, sensibile, con couperose e in genere in tutte quelle condizioni che richiedono idrataizone e nutrimento.

Anche la Vitamina B6 è ampiamente diffusa nel mondo vegetale e animale. Una sua carenza può comportatare dermatite seborroica, e per questo in cosmetica viene inserita in formulazioni per contrastare la pelle grassa.

Vitamina C per una pelle elastica e luminosa

Antiossidante per eccellenza, la vitamina C combatte i radicali liberi e svolge un ruolo fondamentale nella formazione del collagene, la fibra elastica responsabile di tono e compattezza cutanei. Altre funzioni della vitamina C benefiche per la pelle? Favorisce la cicatrizzazione della cute, in quanto viene coinvolta nei processi che riparano i tessuti, sia connettivi che epiteliali, illumina il colorito, protegge il microcircolo.

In quali cibi si trova la vitamina C? In primis negli agrumi, ma anche nel peperoncino piccante e nei peperoni. La vitamina C abbonda, inoltre, negli ortaggi a foglia verde, in kiwi, fragole,  patate, piselli, fave, pomodori.

In cosmetica si utilizzano i derivati della vitamina C, in quanto rispetto alla forma pura sono più stabili, non venendo così degradati in breve tempo dall'apertura del prodotto. Nome INCI: ascorbic acid per la forma pura, ascorbyl seguito da altre parole, per le forme derivate di Vitamina C, maggiormente usate in cosmetica.

Vitamina E contro l'invecchiamento cutaneo

Potente antiossidante, la vitamina E è chiamata la "vitamina della giovinezza". È utile nella cura generale della pelle, per mantenerla sana e bella e funge da preventivo anti-età. In particolare, la vitamina E combatte i radicali liberi, combatte la disidratazione e la secchezza cutanea, è emoliente, è lenitiva e disarrossante.

Nei cibi si trova in: olio di semi, olio extravergine di oliva, anguilla, caviale, tonno sott'olio, uova, frutta secca e gli ortaggi a foglia verde.

In cosmetica, la vitamina E viene impiegata nelle formulazioni di molte creme anti-age oppure la si trova pura sotto forma di oli densi dal colore giallo tenue. Nome INCI della vitamina E: tocopherol per la forma pura; tocopheryl acetate, per i suoi derivati che si ossidano meno, una volta aperte le confezioni di cosmetici vari.


Vitamina F, idratante e nutriente

Si tratta di un insieme di acidi grassi polinsaturi, in particolare acido linoleico e linolenico. Applicati sulla pelle, riducono l'evaporazione dell'acqua dall'epidermide, pertanto idratano in via indiretta. La vitamina F è emolliente e nutriente: nel complesso migliora, quindi, l'elasticità cutanea.

In cosmetica la Vitamiana F  si trova negli oli di borragine, enotera, ribes nero, rosa mosqueta.

Vitamina H contro le desquamazioni e la dermatite seborroica

Conosciuta anche con il nome di biotina, si dimostra particolarmente utile nel trattamento delle dermatiti causate da un'eccessiva produzione di sebo, con desquamazione della pelle (soprattutto all'attaccattura dei capelli, alle sopracciglia e ai lati del naso). Una carenza di questa vitamina provoca eczemi, desquamazioni e arrossamenti.

La trovi in: lievito, fegato di vitello, tuorlo d'uovo, latte di mucca e formaggio, frutta secca, grano, riso integrale, lenticchie, piselli, carote, lattuga, cavolfiori, funghi.

Vitamina P per i capillari

Raggruppa sostanze diverse appartenenti alla famiglia dei bioflavonoidi. Si tratta di composti naturali che svolgono un'efficace azione protettiva nei confronti dei vasi sanguigni. È  proprio contrastando la permeabilità e la fragilità capillare che la vitamina P si rivela preziosa per assicurare alla pelle il miglior nutrimento e mantenerla tonica. Aiuta a prevenire la couperose.
La trovi in: agrumi, uva, prugne, albicocche, grano saraceno, ciliegie, more, mirtilli, ribes nero.

(Fonti: Manuale di cosmetologia di Gianni Proserpio e Elena Racchini, BCM Editrice).

Riproduzione riservata