Black mask, il nuovo fenomeno skincare

Credits: Instagram @loerealparis

Nella foto la top model Barbara Palvin con la maschera nera, garanzia di pelle illuminata e perfetta!

Credits: L'Oréal Paris

Maschera Detox, Argilla Pura di L'Oréal Paris

Il colore nero è dato dalla presenza di carbone che arricchisce le proprietà detossinanti delle 3 argille da cui è composta. Illumina il colorito.

Credits: Sephora

Irish Moor Mud, maschera nera purificante

Contiene fango della brughiera irlandese, alga hijiki e ceneri vulcaniche e carbone attivo. In esclusiva da Sephora.

Credits: Estee Lauder

Re-Nutriv Ultimate Diamond, maschera nera rivitalizzante di Estee Lauder

Nutre intensamente la pelle donandole un aspetto ultra-levigato. Si applica dopo aver "spazzolato" il viso asciutto con lo speciale spazzolino incluso nella confezione.

Credits: Filorga

The Filler Mask, maschera nera super levigante, Filorga

Stimola la produzione di collagene grazie a ingredienti derivanti dall'alga bretone e dal legno di quercia giapponese, che tra l'altro conferiscono al prodotto il suo colore nero.

Credits: Amazon

Black Head

Maschere in bustine monodose specifica per rimuovere i punti neri. Contiene carbone assorbente.

Credits: Amazon

Black Mask purificante di Shills

Contiene estratti di alga giapponese. Si elimina come una pellicola, dopo averla fatta asciugare completamente. In vendita su Amazon.

Credits: Amazon

Black Mask Pilaten

Contiene alghe assorbenti che eliminano i punti neri, come se li strappassero. È infatti una maschera peel off che si elimina come una pellicola. In vendita su Amazon.

Credits: Amazon

Black Mask Skin Appel

Maschera purificante che agisce come un fango che asporta l'eccesso di sebo. In vendita su Amazon.

Credits: Collistar

Maschera preziosa nero sublime di Collistar

Purifica e detossina l’epidermide liberando i pori da impurità e cellule morte che ostacolano l’ossigenazione e il fisiologico rinnovamento cutaneo.

Foto

Arriva dall'Asia e promette di purificare la pelle, liberandola da punti neri e altre impurità. Ma oltre l'effetto detox c'è di più: provare per credere

Il colore di queste maschere - nero profondo - è sicuramente di grande effetto, quasi a creare un evidente contrasto con la radiosità che promettono di raggiungere. Come dire: "dopo la black mask, la mia pelle sarà extra-white, leggi molto luminosa".

Il fenomeno arriva dall'Asia, terra particolarmente sensibile al tema degli schiarenti per la pelle.

Le black mask nascono in particolare in Giappone e in Corea del Nord, zone ricche di alghe e carboni vegetali che hanno dato origine a formulazioni uniche per purificare la pelle.

Inizialmente queste maschere nere sono state create con la finalità di eliminare i punti neri attraverso il metodo "peel-off". Dopo averle applicate, le si lascia asciugare completamente fino a formare una pellicola facilmente rimuovibile con le dita.

In breve tempo, le black mask hanno conquistato le case cosmetiche europee e americane, che le hanno potenziate di altri benefici.

L'ispirazione detox resta la stessa, ma in più in commercio si trovano maschere nere che idratano, levigano e nutrono intensamente.

E se le più curiose, originarie del Giappone, si trovano online e sono prodotte da marchi meno conosciuti nel mercato europeo, le formulazioni più comuni si trovano in profumeria, in farmacia e in parafarmacia.

Scopri le altre black mask da provare per essere al passo con le novità nella cosmesi.

Riproduzione riservata