Cactus tattoo: il significato e i tatuaggi più belli a cui ispirarsi

Credits: Shutterstock
di

Alessia Sironi

Difficile immaginarlo, ma il cactus è uno dei disegni più strutturati e complessi per un tattoo e nasconde una simbologia cara alle amanti dei tatuaggi. Scopriamo di più

In poche forse lo avrebbero immaginato, ma uno delle tendenze più gettonate del momento è proprio il cactus, anche nel mondo dei tattoo. Esattamente come accade per tutti gli altri fiori o piante, anche questo strano vegetale ha un suo profondo significato. È simbolo di amore: forte, appassionato e duraturo, ma anche della capacità di adattamento e del coraggio, virtù necessarie in presenza di situazioni difficili e nelle circostanze avverse della vita, proprio come quelle in cui cresce e vive il cactus.

Le cactacee (la famiglia cui appartengono i cactus) infatti, sono piante resistentissime che, nel corso degli anni, si sono adattate a vivere nelle zone più inospitali della Terra e, per questo motivo, simboleggiano durata, perseveranza ed eternità. Si tratta non solo del "regalo" perfetto per una persona a cui vogliamo molto bene, per ricordargli che il nostro sentimento non è passeggero, ma anche di uno dei migliori simboli da imprimere in modo indelebile sul nostro corpo.

Insomma, queste spinose, fortissime piante mietono un gran numero di "vittime": normalmente piuttosto tondeggianti, i cactus risultano essere simpatici alle donne così come agli uomini. Ecco perché sempre più persone decidono di tatuarsi questi simboli sulla pelle, a testimonianza di un legame durevole e impassibile alle difficoltà.

Il cactus trattiene tantissima acqua per poter affrontare i lunghi periodi di siccità e, come la rosa, si protegge attraverso le sue spine: un’arma di difesa, simile a quelle che noi tutti utilizziamo per proteggerci dalle "brutture" del mondo esterno.

E non è finita perché, tatuare la fioritura del cactus simboleggia anche l'ideale di bellezza. Il cactus infatti non si limita a sopravvivere nel deserto: molte specie generano fiori colorati che contrastano con l'aridità dell'ambiente circostante. La fioritura del cactus è il trionfo della vita e dell'amore.

Esiste una leggenda legata al significato del cactus: racconta la storia di Quehualliu, un indiano particolarmente bello che non aveva occhi che per Pasancana, la figlia del suo capotribù. I due giovani erano praticamente nati e cresciuti insieme ed era quasi scontato che si innamorassero. Peccato che il capo avesse già promesso sua figlia un altro uomo, un eccellente cacciatore.

Quehualliu e Pasancana, per coronare il loro sogno d'amore, decisero quindi di scappare insieme, rincorsi però dai guerrieri che avevano il compito di riportarli a casa a ogni costo. Dopo un lungo tragitto la coppia di giovani era talmente stanca che decise, nonostante tutto, di sedersi per qualche minuto: presi dalla paura quando videro gli uomini in avvicinamento, chiesero alla dea della terra, Pachamama, di nasconderli. E così, per dare modo loro di stare insieme senza che nessuno li separasse, la dea li trasformò in cactus

I cactus infatti fanno parte della simbologia Nativa Americana. Come accade spesso, anche il significato del cactus per gli Indiani d’America varia da tribù a tribù, ma in senso generale, il cactus è sempre stato il simbolo del deserto.

Molte tribù indiane hanno sempre vissuto a strettissimo contatto coi territori desertici e non era insolito che dipingessero i cactus sulle loro capanne. Se il cactus veniva rappresentato col fiore giallo significava che una nuova famiglia era nata sotto quel tetto: era un modo per sugellare un patto di unione eterna.

I tatuaggi Old School sono molto di moda e la coloratissima variante del cactus è fra i disegni più gettonati, specialmente tra le fashion addicted: via libera quindi a tutte le tonalità del rosso, dell'arancio e del giallo, così come del rosa, nelle sue nuance più cariche.

E a voi quale piace di più? Stilizzato e classicamente black, oppure dai colori più accessi e dalle forme tondeggianti?

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te