Perché è importante struccarsi sempre la sera prima di andare a letto

Credits: Shutterstock
5/5

Il momento della detergenza non è solo una scomoda necessità ma una coccola prima di coricarsi necessaria per mantenere la pelle sana e giovane. Parola di dermatologo

Torni spesso a casa tardi e l’unica cosa che vorresti fare è stenderti sul letto e dormire vestita e truccata? A chi non è mai capitato di tornare stanca dal lavoro e aver voglia solo di sdraiarsi, oppure di rientrare dopo una serata in discoteca e andare a dormire senza struccarsi ed eliminare ogni traccia di ombretto, rossetto o mascara?

Decisamente una pessima abitudine! Il make up e lo smog che si sono depositati sul viso durante la lunga giornata purtroppo impediscono alla pelle di respirare durante la notte. E sai qual è il risultato? Non solo occhi arrossati e pori ostruiti ma soprattutto un invecchiamento precoce della pelle. Ben cinque anni in più!

Siamo sempre portate a vedere il momento della detergenza come uno dei più scomodi, un gesto noioso da praticare in meno di un minuto prima di coricarsi. Devi invece sapere che la pulizia va considerata come il primo gesto di bellezza quotidiano (anche se, in effetti, è l'ultimo in ordine temporale) per mantenere giovane il viso.


Credits: Shutterstock

Perché è importante struccarsi

A 20, 30, 40 così come a 60 anni, (alcune di noi riescono a vivere di rendita grazie a buonissimi geni) una pelle pulita quotidianamente fa la differenza: splende, recepisce meglio gli attivi dei trattamenti successivi e si mantiene giovane.

La vita frenetica della città, lo smog, il caldo e il freddo sono i peggiori nemici del nostro viso. Il metabolismo cellulare infatti si indebolisce e la produzione di tossine aumenta causando la perdita di tono e spessore della pelle che così invecchia prima del tempo. Ecco perché è indispensabile "rinnovare" la pelle del viso e aiutarla a rigenerarsi. E lo si può fare solo attraverso questo 'piccolo' gesto quotidiano.

Una pelle morbida, rinnovata, elastica e molto più luminosa quindi non è più solo un sogno lontano. Come ci racconta Santo Raffaele Mercuri, primario dell’unità operativa di dermatologia e cosmetologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano, "Con una pulizia accurata dell'epidermide non solo si riescono a eliminare le cellule morte in superficie, ma garantiamo ai prodotti applicati successivamente un maggiore successo: con la pelle pulita questi penetrano più in profondità e i benefici sono più duraturi".

La sera, quindi, munisciti di latte detergente e dischetto in cotone, oppure di un prodotto a risciacquo da emulsionare sul viso con acqua tiepida e una spugnetta delicata, e fai il tuo dovere: ricordati tutti i passaggi della pulizia del viso, senza trascurarne nessuno! Pensa che si tratta di una beauty routine essenziale che racconta quanto bene ti vuoi.

Credits: Shutterstock

Pulizia del viso: mattina o sera?

Una domanda sorge spontanea: "Basta un'accurata detersione la sera per eliminare i residui di trucco?". Ti piacerebbe! Invece, assolutamente no. Non basta affatto. Occorre detergere l'epidermide del viso anche la mattina appena svegli. Se infatti prima di coricarsi è necessario rimuovere il make up che ha ostruito i pori durante tutto l’arco della giornata e catalizzato le sostanze presenti nell'ambiente, appena svegli è necessario ripulire la pelle dall'eccesso di sebo e sudore accumulati durante la notte. È pulizia del viso anche questa.

I prodotti per struccarsi: cosa usare?

Oggi esiste una vastissima scelta di prodotti da utilizzare in base al tipo di pelle, a seconda dell’età e delle abitudini ma occorre fare attenzione alla zona perioculare perché è la più delicata e sensibile. Da tempo infatti le case cosmetiche si sono adoperate per realizzare e proporre alla clientela texture specifiche per questa zona. Le più innovative? Sono le formule micellari e le bifasiche, in grado di preservare l’idratazione e la tonicità della pelle e di rimuovere anche il make up waterproof.

I make up artist suggeriscono di terminare la pulizia del viso con un tonico addolcente perché durante la fase di 'de-make-up' le cellule superficiali si disidratano e il tonico permette la reidratazione dei tessuti. E alla fine non dimenticare la crema idratante!

Credits: Shutterstock

Salviette struccanti: sì o no?

So che le salviettine struccanti sono molto pratiche e comode perché oltre a rimuovere il trucco lasciando la pelle morbida, permettono di concedersi una velocissima coccola - le più innovative hanno uno speciale tessuto elasticizzato a rombi che, con il semplice movimento delle mani, si allarga creando dei morbidi cuscinetti che massaggiano il viso ripulendolo dalle impurità - ma non sono la scelta ideale da fare tutti i giorni perché disidratano la pelle irritando quella più sensibile con la conseguente perdita di elasticità e invecchiamento precoce.

Utilizzale solo quando non puoi farne proprio a meno!

E tu lo fai lo scrub?

Fai rientrare nella tua routine settimanale di pulizia del viso anche un gommage dolce: "Io prescrivo sempre ai miei pazienti l'utilizzo di un esfoliante, soprattutto durante i cambi di stagione”, spiega il professor Mercuri, “e consiglio di applicarlo sulla pelle umida e massaggiarlo con movimenti circolari così che le particelle, sfregandosi a vicenda, liberino le sostanze nutritive che, oltre ad esfoliare, nutrino l’epidermide arrivando in profondità”. Il peeling è indispensabile per favorire il distacco delle cellule morte che restano 'ancorate' al viso rendendolo opaco e acutizzando il colorito spento.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te