Normolineo, brevilineo, longilineo: di che costituzione fisica sei?

Credits: Shutterstock

Noi uomini e donne, oltre all'altezza, ereditiamo geneticamente anche la costituzione fisica. Volete sapere a quale gruppo appartenete? Allora dovete applicare la formula dell'Indice di Grant

Riuscire a determinare la corretta costituzione corporea è fondamentale per stabilire il peso forma e soprattutto per scegliere l'attività sportiva che più si adatta alle nostre caratteristiche fisiche. Sì, perché il fisico può essere longilineo, normolineo oppure brevilineo. Ma come fare a sapere a quale tipo di gruppo apparteniamo?

I soggetti normolinei possiedono una silhouette ben proporzionata, quelli longilinei tendono a sviluppare una modesta massa muscolare mentre si dicono invece brevilinei quei soggetti 'massicci', dotati di spalle larghe e arti brevi ma molto muscolosi. Ma queste caratteristiche non sempre riescono a definire con successo la costituzione fisica di una persona. Ecco perché occorrono basi scientifiche e matematiche. Ed ecco perché diventa così importante il risultato di una semplice equazione.

Calcolo dell'indice scelico

Andiamo con ordine: quello che occorre innanzitutto è l'indice scelico e cioè l'Altezza Vertice-Ischiatica (Avi) divisa per l'altezza totale moltiplicata per 100.

L'Avi, espressa in centimetri, corrisponde alla misura del tronco: si calcola rapidamente misurando la distanza tra il vertice della testa e il piano d'appoggio dello sgabello sul quale si seduti (mi raccomando: i piedi devono essere appoggiati a terra e collo e busto devono essere ben eretti e perpendicolari alle cosce). Ora basta dividere il risultato ottenuto per l'altezza totale e moltiplicare per 100. Ottenuto l'indice scelico è quindi possibile capire a quale tipo si appartiene.

Longilineo: ≤52,4 per le donne, ≤51 per l'uomo
Normolineo: 52,5-54,5 per la donna, 51,1-53,1 per l'uomo
Brevilineo: ≥ 54,6 per la donna, ≥ 53,2 per l'uomo

Indice di Grant e circonferenza del polso

Ma l'indice scelico non è l'unico modo per calcolare la costituzione corporea che può essere accertata, ancor più rapidamente, misurando la circonferenza del polso destro alla base della mano e rapportando questa misura alla propria altezza attraverso questa formula (Indice di Grant):

Altezza (cm)
-------------------------------
Circonferenza del polso (cm)

e il risultato va interpretato in questo modo:

Longilinea: più di 10,9
Normolinea: 9,9 – 10,9
Brevilinea: meno di 9,9

<p></p> Credits: Shutterstock

Ma a cosa servono queste formule? La morfologia di una persona è un parametro molto importante per valutare quanto siamo fisicamente propensi a un determinato sport. E come è ovvio pensare, una persona brevilinea (o brachitipo) può facilmente spiccare soprattutto negli sport di potenza e forza quali il powerlifting o il sollevamento pesi, mentre un fisico più esile come un longilineo (o longitipo) è invece più indicato per sport di resistenza come la corsa, le discipline di velocità e mezzofondo e il salto.

Leggi anche: Come scoprire la forma del tuo corpo e i vestiti che la valorizzano

Caratteristiche di queste tipologie di costituzioni

Quali altre caratteristiche coinvolgono questi tre tipi di costituzioni? Una persona longilinea ha un fisico facile al dimagrimento, un viso allungato con predominanza del piano frontale, una dentatura rettangolare, muscoli ipotonici e una costante lassità legamentosa, che la predispone ad alterazioni della statica vertebrale (scoliosi o cifosi). 

Il volto di un normotipo è rettangolare con denti ben squadrati e con arti ed estremità sostenuti da una buona tonicità muscolare. Con il passare degli anni, donne e uomini appartenenti a questa categoria possono andare incontro a modifiche del loro aspetto esteriore, assumendo caratteristiche fisiche che li avvicineranno perlopiù alla costituzione brevilinea a causa, di solito, di un certo aumento di peso.

Infine c'è il brachitipo: gli arti sono corti con mani molle e carnose, dal palmo prevalentemente quadrato. Presenta una certa ipotonia muscolare, cui si contrappone una discreta rigidità legamentosa e articolare, che non gli permette, ad esempio, di toccare con le mani le punte dei piedi senza piegare le ginocchia. Ma in compenso ha un'arma dalla sua che è la forza. 

E tu hai già iniziato a fare i calcoli? A quale gruppo appartieni?

Riproduzione riservata