I flaconi in plastica riciclata al 100% lanciati da Dove

I flaconi in plastica riciclata al 100% lanciati da Dove

Dove passa ai flaconi in plastica riciclata al 100%

Flaconi in plastica riciclata al 100%, packaging privi di plastica per le beauty bar e un nuovo formato di deodorante ricaricabile. Ecco l'impegno di Dove all'insegna della sostenibilità

Dove: obiettivo "sostenibilità"

Dove, il marchio di prodotti per l'igiene personale di proprietà di Unilever, annuncia nuove iniziative che rientrano nell'impegno assunto per il 2025, ovvero ridurre i rifiuti di plastica ed evitare l'uso di oltre 20.500 tonnellate di plastica vergine l'anno. Le iniziative annunciate comprendono: il lancio di nuovi flaconi in plastica riciclata al 100%, un packaging per beauty bar privo di plastica e un nuovo formato di deodorante ricaricabile che riduce in modo drastico l'uso della plastica.

Il problema dei rifiuti di plastica

Quello di Dove si annuncia come uno dei più consistenti piani di riduzione nel settore cosmetico. Le iniziative messe in atto dal marchio avranno un impatto notevole e costante: l'obiettivo è appunto ridurre l'uso di plastica vergine di oltre 20.500 tonnellate l'anno. La quantità di plastica vergine che Dove risparmierà ogni anno sarà sufficiente a fare 2,7 volte il giro della Terra. L'impatto sarà maggiore e duraturo vista l'entità delle iniziative: si tratta di provvedimenti a lungo termine, che quindi garantiranno un'incisività maggiore a livello globale.

Un'economia circolare per la plastica

Come sai, i rifiuti plastici sono oggi uno dei maggiori problemi ambientali e sanitari a livello globale. Questo perché il nostro modello di consumo è lineare e monouso. Per contribuire alla soluzione e creare un'economia circolare per la plastica, consentendone il riutilizzo e il riciclo dei materiali plastici, Dove mette in atto iniziative che si riveleranno utili per accelerare i progressi dell'industria del comparto.

La strategia di Dove: "Less, better, no Plastic"

La strategia di Dove si articola in tre punti. Eccoli.

1. No Plastic: Dove sta aprendo la via nel suo comparto con innovazioni all'avanguardia, eliminando, ove possibile, l'utilizzo di materiali plastici a favore di materiali alternativi, oltre a nuovi formati di packaging. L'anno prossimo il packaging singolo delle iconiche beauty bar sarà privo di plastica a livello globale ed è in fase di sviluppo la sostituzione dell'involucro esterno in plastica delle confezioni multiple con un materiale a plastica zero.

2. Better Plastic: Dove è impegnata a investire in scelte più sostenibili per ridurre l'uso della plastica vergine, supportando la creazione di un'economia circolare. Ecco che verranno lanciati nuovi flaconi in plastica riciclata (PCR) al 100%, qualora tecnicamente fattibile, in Nord America e in Europa entro la fine del 2019 su tutte le gamme (Dove, Dove Men+Care e Baby Dove). Dove inoltre prosegue nella ricerca di soluzioni per quei componenti in cui la plastica riciclata non è tecnicamente utilizzabile al momento, inclusi tappi e pompette.

3. Less Plastic: Dove sfrutterà la tecnologia che sta dietro i suoi nuovi deodoranti stick riutilizzabili e ricaricabili in acciaio inox: minim™, che minimizza gli sprechi, riducendo in modo drastico la quantità di plastica necessaria. La data di lancio non è ancora confermata, ma i lavori sono in corso. La tecnologia minim™ sarà testata nell'ambito dell'iniziativa della piattaforma LOOP™, il sistema di acquisto diretto da parte del consumatore, primo nel suo genere, con sprechi ridotti al minimo.

Le iniziative annunciate da Dove contribuiranno a onorare gli impegni che Unilever si prefigge nell'ambito della lotta alla plastica: 1) dimezzare l'uso di plastica vergine, riducendo di oltre 100.000 tonnellate l'uso assoluto di imballaggi in plastica e accelerando quello di plastica riciclata, 2) contribuire a raccogliere e trattare packaging in plastica in quantità superiore a quelli venduti.

Il deodorante ricaribile Dove - tecnologia minim™

Il deodorante ricaribile Dove - tecnologia minim™

Le alternative alla plastica: gli impegni di Dove e Unilever

Quella delle azioni messe in campo da Unilever e Dove per quanto riguarda le alternative alla plastica è una lunga storia.

L'iniziativa 1) di cui sopra, ovvero dimezzare l'uso di plastica vergine, è diventata partner principale dell'iniziativa New Plastic Economy della Ellen MacArthur Foundation mentre la seconda - relaviva al riciclo del packaging - ha evitato l'uso di più di 10.000 tonnellate di plastica vergine nell'ultimo decennio.

Sander Defruyt, New Plastics Economy Lead presso Ellen MacArthur Foundation, afferma: "Un riciclo migliore a se stante non risolverà il problema della plastica. Dobbiamo affrontare la questione dei rifiuti plastici alla fonte, eliminando gli articoli di cui non abbiamo bisogno, innovando quelli necessari in modo che tutti risultino riutilizzabili, riciclabili o degradabili e facendo circolare tutti quelli che usiamo riutilizzandoli o riciclandoli in nuovi prodotti e packaging. È il momento di agire parallelamente su tutti i fronti. Ecco perché accogliamo con entusiasmo le novità di Dove. I significativi passi compiuti contribuiscono a ridurre l'uso della plastica vergine da parte del marchio e ad accelerare la transizione globale verso un'economia circolare per la plastica".

Materiali alternativi, plastica riciclata, tecnologia di ricarica

In sintesi, Dove si pone alla guida del movimento volto a creare un nuovo valore per la plastica e ridurre il volume dei packaging in plastica che produce attraverso una combinazione di materiali alternativi per il packaging, inclusa la plastica riciclata dove necessario, e investendo nella tecnologia di ricarica.

Richard Slater, direttore Ricerca & Sviluppo Unilever, commenta così: "In Dove, siamo orgogliosi di avere più di 100 iniziative in corso in tutto il mondo dedicate ad affrontare i problemi dei rifiuti della plastica. Ciononostante, in qualità di uno dei più grandi brand mondiali del settore beauty, abbiamo la responsabilità di accelerare ulteriormente i nostri progressi. Gli annunci di oggi sono un passaggio importante del lavoro di trasformazione per produrre, usare e smaltire i packaging in plastica. Muovendoci in questo senso, miriamo a spingere l'industria globale del riciclo a raccogliere più plastica di scarto e a rendere disponibile all'uso una maggiore quantità di plastica riciclata".

Riproduzione riservata
dmbeauty

1.959 posts 362k followers

Make up your life

Beauty cards