Emilia Clarke, i segreti di bellezza della Madre dei Draghi del Trono di Spade

Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Foto

I fan di Game od Thrones la conoscono come Daenerys Targaryen o Madre dei draghi, ma Emilia Clarke è molto di più: un’attrice dalle mille sfaccettature pronta ad affrontare qualsiasi sfida, lavorativa e personale

Emilia Isobel Euphemia Rose Clarke, questo è il nome completo di Emilia Clarke, conosciuta al grande pubblico come Daenerys Targaryen grazie a Game of Thrones, la serie tv amata da milioni di persone ormai giunta all’ottava e, purtroppo, ultima stagione.

Nata a Londra il 23 ottobre 1986, Emilia Clarke, è oggi una delle attrici più amate del piccolo schermo grazie alla serie in cui interpreta Daenerys, la madre dei draghi, ma c’è molto di più dietro a un personaggio che, in pochissimo tempo, è diventata una vera e propria icona di stile che non dimentica mai di sorridere e, anzi, è sempre pronta a prendersi in giro e a sfoggiare il suo sorriso smagliante sia dentro che fuori dal set.

La ferita e la rinascita: Emilia e la malattia

Negli ultimi mesi, però, Emilia ha svelato un lato segreto e intimo della sua vita di cui i fan erano totalmente all’oscuro: i due aneurismi cerebrali di cui è stata vittima. Il primo, nel 2011 al termine delle riprese della prima stagione di GoT, mentre il secondo è avvenuto nel 2013 e, come raccontato in alcune interviste dalla stessa attrice, è stato il più violento e difficile da superare.

Emilia ha temuto, per diverso tempo, di aver perso le sue capacità recitative ed è stato proprio la forza e la tenacia del personaggio Daenerys Targaryen ad aiutarla a rimettersi in sesto.

Oggi, l’attrice, ha fondato un’associazione per la raccolta fondi per aiutare la ricerca sugli aneurismi e le loro possibili cause.

Un cuore che batte (via social): la vita privata

Se c’è una cosa che Emilia Clarke ama tenere segreta è la sua vita privata. Seth MacFarlane, Jay Courtney e Cory Michael Smith sono solo alcuni dei flirt che le sono stati attribuiti nel corso degli anni e, ovviamente, non potevano mancare le voci di una love story con Kit Harington, il Jon Snow di Game of Thrones.

Solo da qualche mese, l’attrice, è stata vista in compagnia del regista Charlie McDowell e, nonostante non siano mai stati visti insieme su red carpet e simili, i due hanno voluto confermare la loro storia d’amore pubblicando la stessa foto su Instagram in occasione del 32esimo compleanno di lei.

Bionda o bruna?

Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Foto

L’attrice, con il passare del tempo e l’aumento della popolarità, non ha mai smesso di divertirsi cambiando colore di capelli in continuazione. E così, sotto la parrucca dai capelli argentei di Daenerys, Emilia Clarke cambia continuamente colore di capelli bassando dal biondo pieno al castano mogano, senza mai disdegnare toni più delicati con castani riflessati di rosso.

Il beauty look sul set di Game of Thrones

Il continuo cambio di hairlook, come confessato dalla stessa attrice, è dovuto anche alla sua trasformazione sul set dove interpreta Daenerys Targaryen. Qui, infatti, i suoi capelli si trasformano in una lunga chioma argentata resa ancor più magica da delle leggere onde appena accennate arricchite, in alcune scene, da bellissime e romantiche trecce alla francese adese al capo.

Per quanto riguarda il make-up, invece, si punta tutto sulla naturalezza: una base viso delicata, un tocco di blush rosato, mascara e un rossetto nude appena accennato.

La potenza del rossetto rosso


Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Foto

In diverse interviste, Emilia Clarke, ha confessato di avere sempre un rossetto rosso nella sua borsa da indossare al momento giusto. Un lipstick dal colore potente, forte che indossa in qualsiasi occasione senza mai vergognarsi o sentirsi a disagio. Dai red carpet ai photocall fino alle occasioni meno formali, l’attrice non rinuncia mia a un tocco scarlatto sulle labbra che, in men che non si dica, le illumina il viso qualsiasi sia il finish del rossetto scelto.

I segreti per una bellezza innata

Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Foto

Detergere, tonificare, idratare, applicare la protezione solare e non esagerare mai con il trucco: sono questi gli step fondamentali che Emilia applica per mantenere in salute la sua pelle diafana.

Una beauty routine che da anni non cambia ed è tutta merito di sua madre che le ha insegnato pochi e semplici passaggi ma fondamentali. Una sorta di piccolo rituale che le permette di staccare per qualche minuto, specialmente alla mattina, e riprendere fiato.

Ovviamente anche il make-up ha un ruolo fondamentale in questo rituale e, il trucco nel vero senso della parola, è “less is more”: meno è meglio è.

Mai toccare le sopracciglia

Tra gli insegnamenti di bellezza passati di madre in figlia, uno riguarda le sopracciglia: vietato toccarle. Incolte e mai toccate, se non per la parte centrale per evitare il terribile monociglio che rischia di colpire tutte, vip e non.

Giusto un tocco di gel per sopracciglia una volta ogni tanto per gestirle al meglio, ma niente di più. Un insegnamento utile che, oggi, permette a Emilia Clarke di avere delle sopracciglia folte e piene, ma perfettamente delineate proprio come dettano le tendenze odierne.

Le federe di seta

Emilia Clarke, ama il suo look acqua e per mantenerlo al meglio, conosce qualche piccolo trucco di bellezza per mantenere pelle e capelli sempre al top. Come utilizzare le federe in seta: vecchio trucco che può aiutare a mantenere la pelle in salute e raggiante oltre ad essere un fantastico rimedio per combattere i capelli elettrici e crespi. Il suo consiglio: cambiare cuscino ogni sera in modo da dormire sempre sul tessuto pulito. Facile e comodo, no?!

Riproduzione riservata