10 consigli per far durare l’abbronzatura

come far durare abbronzatura dopo il rientro Credits: Corbis
01/11
Foto

Per prolungare l’effetto bonne mine che il sole ha regalato a viso e corpo ci sono semplici stratagemmi. Da mettere in atto fino a ottobre

Basta un velo di abbronzatura per vederti più bella. E ogni estate, il segno del costume che diventa sempre più chiaro rispetto alla pelle di viso e corpo, sempre più colorita, sembra una vera e propria conquista. Ma dopo tanta fatica e tanto impegno spesi per ottenere quel bel colore dorato, il timore è che al rientro l'abbronzatura scompaia troppo presto, lasciando il posto al colorito pallido che ci accompagna per tutto l'inverno.

Le soluzioni per far durare l'abbronzatura ci sono, bastano un po' di impegno e le dritte giuste. Scopri i nostri consigli per una pelle dorata fino ad ottobre!

1. Usa il self tan

Per mantenere più a lungo gli effetti del sole basta aggiungere una nocciolina di auto-abbronzante (o tre gocce, se è liquido) alla crema idratante che usi tutti i giorni. Meglio farlo al mattino, e una sola volta al giorno, ricordandosi di lavare le mani subito dopo perché, anche se diluito, può lasciare tracce giallastre sui polpastrelli.

Un trucco: stendi la lozione indossando guanti di lattice. Non solo eviterai di macchiarti, ma resterai stupita da quanto prodotto in meno dovrai usare. Puoi fare la stessa cosa anche per il corpo, aggiungendo l’equivalente di una biglia di self-tan alla dose abituale di crema idratante.

2. Preferisci la doccia al bagno

Rimanere a mollo a lungo nell’acqua calda aumenta l’esfoliazione, quindi è preferibile lavarsi più velocemente sotto un getto d’acqua continuo. «Scegli una lozione in olio invece di una schiumogena che, oltre a pulire, idrata la pelle» dice la dermatologa Magda Belmontesi.

3. Cambia detergente

Evita i prodotti troppo aggressivi: vale per il corpo, ma anche per il viso. Al rientro dalle vacanze usa un latte detergente oppure massaggia qualche goccia di olio di germe di grano ed elimina i residui con una spugnetta o, ancora, se hai la pelle mista, con un batuffolo di cotone imbevuto di tonico.

«Il germe di grano è ricco di vitamina E, un potente antiossidante utile in questo caso perché, riparando le cellule, rallenta l’esfoliazione» sostiene la dermatologa e naturopata Maria Teresa Lucheroni.

4. Conosci il body brushing?

Esfoliare la pelle un pochino però serve, perché è vero che l’abbronzatura deve durare, ma non si può fermare il naturale processo di rinnovamento cellulare. Per evitare di ritrovarti a macchie, dacci dentro con il body brushing, una tecnica di spazzolatura del corpo “a secco” che oltre, a eliminare le cellule morte, stimola la circolazione e tonifica la pelle, combattendo anche la cellulite.

Tutto quello che ti serve è una spazzola di setole naturali non troppo dura e…olio di gomito. Dieci minuti, tutte le mattine, e non solo l’abbronzatura risplenderà, ma vedrai il tuo corpo cambiare.

5. Idratare, idratare e ancora idratare

«Sarà anche ovvio, ma è la prima cosa da fare per conservare l’abbronzatura» sottolinea Belmontesi. Se non puoi riapplicare la crema in ufficio, vaporizza sul viso l’acqua termale, utile anche per contrastare gli effetti dell’aria condizionata.

6. Dissetati, in tutti i sensi

Idratare significa anche dissetare la pelle dall’interno. Semplicemente bevendo più acqua. «Oppure optando per un idratante isotonico naturale come l’acqua di cocco che, oltre a reintegrare i liquidi, è più ricca di sali minerali rispetto a quella normale e contiene antiossidanti» dice Lucheroni. Qualche goccia di lime e tre cubetti di ghiaccio aggiunti a questa linfa tropicale e potrai sorseggiare un vero cocktail invece del solito bicchiere d’acqua.

7. Usa l'illuminante

«Per enfatizzare la tintarella in questo periodo è meglio usare un prodotto a base minerale, che secca meno la pelle» spiega Michele Magnani, senior make up artist. «Visto che l’abbronzatura di base non sarà più “fresca di spiaggia”, un finish appena dorato è preferibile rispetto a uno completamente mat, perché illumina».

Il concetto chiave è creare contrasti e giochi di luce che enfatizzino il colorito senza appiattirlo. Applica quindi anche un illuminante sulla parte alta degli zigomi, l’arcata sopracciliare, il centro del naso e del mento. E poi aggiungi un tocco di blush in crema color corallo (se sei bionda) o aranciato (se sei castana) per un tocco finale bonne mine.

8. Usa il rossetto

Lasciare le labbra struccate rende subito spento tutto il viso. Anche se ti limiti al lipgloss, usalo dorato o in una tonalità bronzo. Da evitare assolutamente i beige o i nude troppo rosati (sono trendy ma meglio aspettare ottobre).

«Fondamentale, anche nel caso del rossetto, la scelta cromatica» sottolinea Magnani. «Perfetti tutti i rossi aranciati, le tonalità corallo e gli orange accesi. Niente rosati e violetti invece, che tendono a dare un riflesso freddo all’incarnato. Per il finish cerca di ottenere un risultato morbido, ricco o a effetto “umido”. L’importante è che non sia opaco né vinilico».

9. Illumina il corpo con l'olio

Le texture oleose sono lucide e possono riaccendere una tintarella in fase di declino, soprattutto su gambe, braccia e spalle. Usa un semplice olio idratante profumato o scegline uno dorato o paillettato che, oltre a nutrire la pelle, lascerà un velo di colore in grado di attirare la luce (e l’attenzione) nei punti chiave, specie se il look prevede abiti scollati o corti. E non dimenticare di metterne una goccia anche in zone clou come il collo del piede e il décolleté.

10. Sfrutta gli integratori

«Se prima delle vacanze hai iniziato ad assumere un integratore di betacarotene e antiossidanti, non smettere di prenderlo ma continua ancora per un mese» consiglia Magda Belmontesi. «Al tuo rientro in città, infatti, ti aiuta a conservare l’abbronzatura e a riparare le cellule».

Un supporto può venire dalla dieta: anche se la loro stagione sta per finire, fai il pieno di meloni e albicocche. E in autunno, via libera a carote, zucche e a tutti i cibi giallo-arancioni, quelli più ricchi di betacarotene.

Riproduzione riservata