Credits: Shutterstock

La forma del piede rivela la tua personalità: tu che piede hai?

Seguici

Lo sapevi che la forma dei tuoi piedi può svelare molto della tua personalità? Scopri la tua e quanto dice di chi sei

La tanto amata Jennifer Aniston avrebbe il piede egizio. Mentre Chiara Ferragni, molto spesso presa in giro per i suoi piedi definiti “orribili” dal popolo del web, avrebbe quello celtico. Come il carattere e la personalità variano da persona a persona, allo stesso modo cambia la forma del piede. Anzi, tra le due cose intercorrerebbe una stretta relazione, secondo la quale la forma dei nostri piedi suggerirebbe molto di come siamo noi in realtà.

Spesso studiata da ortopedici, podologi e fisiatri per riconoscere problemi di postura e altre patologie a essa legata, la forma del piede (e la sua pianta) è analizzata sin dall'antichità – l'arte divinatoria della podomanzia era conosciuta e praticata già dai Babilonesi - per trarre informazioni sul carattere e sul futuro di una persona.

Ma quali e quante sono le forme del piede più comuni? E cosa rivelano? Scoprilo, continuando a leggere qui sotto. Ma prima, un po' di chiarezza sulla terminologia da utilizzare quando si parla di dita del piede.

Il nome delle dita del piede

Tutti conosciamo come si chiamano le dita della mano: pollice, indice, medio, anulare e mignolo. Erroneamente, però, chiamiamo con la stessa terminologia anche quelle dei piedi, che hanno tutt'altri nomi. Ebbene, eccoli, partendo da quello che noi definiamo pollice del piede a scalare: alluce, illice (o melluce), trillice, pondolo e minolo (o mellino).

Piede celtico

L'illice supera in lunghezza l'alluce, mentre il trillice è di poco più corto rispetto all'illice e di poco più lungo rispetto al pondolo e al minolo. Insomma, la forma è abbastanza irregolare.

Questo tipo di piede denota una spiccata creatività e una certa inclinazione a essere fisicamente attivi. Da un punto di vista amoroso, chi ha questo tipo di piede tende a seguire l'istinto, ma a essere monogamo.

Piede egizio

In Italia è il più diffuso. È caratterizzato dall'alluce, il dito più grosso e lungo dei cinque, con gli altri quattro diti a scalare.

Denota un certo pragmatismo e una vera e propria inclinazione verso la natura. Ma attenzione alle scarpe: evita calzature chiuse e a punta, in quanto l'alluce lungo per adattarsi potrebbe ripiegarsi verso l'illice, causando ripercussioni sulla forma del piede e sulla camminata.

Piede germanico

L'alluce è più lungo delle altre quattro dita, che sono tutte più o meno lunghe uguali e tutte più tozze rispetto al primo dito.

Un piede del genere conferisce molta stabilità alla camminata, così anche al carattere: le persone con questo tipo di piede sono estremamente concrete e pragmatiche e ponderano con grande accuratezza ogni tipo di decisione da prendere. Di contro, però, i cambiamenti le spaventano e non amano improvvisare o cambiare programmi.

Piede greco

Dai più definito il più elegante, è quello in cui l'illice supera in lunghezza l'alluce, mentre le ultime tre dita si accorciano a scalare.

Denota una certa sicurezza di sé, che può sfociare in ambizione, soprattutto in ambito lavorativo. Da un punto di vista ortopedico, questo tipo di piede consente di indossare qualsiasi tipo di calzatura senza creare problemi di calzata.

Piede romano

Conosciuto anche come piede quadrato, il motivo è presto svelato: le prime tre dita (alluce, illice e trillice) sono della stessa lunghezza, mentre pondolo e minolo sono di poco più corti. Per questo motivo il piede romano è definito anche piede tozzo.

Denota un carattere introverso e con una tendenza spiccata a inseguire amori non corrisposti (con relativa delusioni amorose). Dal punto di vista ortopedico, meglio preferire scarpe con il tacco non troppo alto, per evitare che il peso ricada sulle punta e così le prime tre dita vengano schiacciate.

Riproduzione riservata