Kate contro Meghan: battaglia a colpi di stile alla corte della regina

Credits: Photo by Karwai Tang/WireImage, Gettyimages

Kate e William, Meghan e Harry: li chiamano i Fab Four, ma sembra che la magia si sia già interrotta a causa dei dissapori tra le due cognate troppo diverse tra loro, anche nelle scelte di look

Sembravano le cognate perfette ma, a quanto pare, tra Kate Middleton e Meghan Markle non scorre buon sangue tanto da portare quest’ultima, insieme al neomarito Harry, a cercare una nuova casa lontano da Kensinghton Palace (residenza di Kate e William).

Eppure, in diverse occasioni, le abbiamo viste sorridere e sorridersi: belle, luminose e complici. Ma, come si suol dire, non è tutto oro ciò che luccica e sembra che, in realtà, le due non abbiano mai davvero legato e, le tensioni, starebbero coinvolgendo anche i fratelli William e Harry, mettendo così a repentaglio l’immagine dei Fantastici Quattro.

Una inglese e l’altra americana. Una proveniente da una famiglia perfetta e l’altra con alle spalle sorellastre pronte a vendersi per qualche euro. Una nata per essere una royal e l’altra con passato d’attrice che ha lasciato per amore (ex marito compreso).

Non poche quindi, le differenze, tra le due che, spesso e volentieri si sono viste anche nelle scelte di look e stile in diverse occasioni.

Il Royal Wedding

Credits: GettyImages

Impossibile non iniziare con un confronto tra le due senza parlare dell’evento più importante che le ha portate a diventare delle vere royal: il matrimonio.

Da una parte Kate Middleton che con il suo principesco Alexander McQueen ha detto sì a William nell’aprile del 2011: un vestito da sposa che ha lasciato tutti senza parola ricordando, in alcuni dettagli, quello indossato dall’eterea Grace Kelly.

Scollo a cuore, gonna svasata ricamata e con dei drappeggi sul retro e un leggero top in pizzo a maniche lunghe a rendere ancor più prezioso ed elegante il look della Duchessa di Cambridge. Non poteva mancare il velo e la tiara appartenuta alla moglie di Giorgio VI e firmata Cartier composta da poco meno di mille diamanti.

Una scelta decisamente diversa per Meghan che, forse per l’età o per non offuscare il matrimonio della cognata, ha scelto un abito firmato da Givenchy che non ha reso giustizia alla sua esile figura. Criticato da molti, l’abito, è stato considerato decisamente troppo semplice e poco curato sulle forme dell’ex attrice di Suits.

Maniche lunghe, scollo a barca e una linea non ben precisa resa ancor più informe dalla scelta di un tessuto troppo rigido. Secondo le malelingue, l’abito avrebbe nascosto le prime rotondità della gravidanza annunciata subito dopo il matrimonio di Eugenie di York.

Nota di merito per il velo: Meghan, infatti, ha voluto stupire Harry facendo ricamare tutti e 53 i fiori simbolo degli altrettanti Paesi del Commonwealth. Un vero proprio omaggio alla sua nuova patria e alla Regina Elisabetta.

Kate e Meghan a Wimbledon

Credits: Photo by Clive Mason/Getty Images

Wimbledon 2018, una data storica per gli appassionati della Royal Family inglese. In questa occasione, infatti, le due cognate hanno fatto il loro primo debutto di coppia senza relativi consorti.

Un momento che ha riempito il cuore dei fan che le hanno viste sorridenti e complici, forse speranzosi di rivedere lo stesso feeling degli anni ’90 che si creò tra Lady D e Sarah Ferguson, ma che, allo stesso tempo, ha messo in risalto le differenze delle due Duchesse in fatto di look.

Anche in questa occasione Kate ha dimostrato tutto il suo stile british: un tubino panna, non troppo aderente e con qualche drappeggio, arricchito da pois neri. Sobria, elegante e senza errori. Piccola nota di colore per la borsa: un modello a braccio sui toni del panna decisamente oversize rispetto agli standard della Duchessa di Cambridge.

L’ex attrice americana, invece, non ha tradito i suoi look casual dove i pantaloni la fanno da padrone e, come in altre occasioni non ufficiali, ha scelto un modello a palazzo abbinato a una camicia a righe verticali bianca e blu. Un look che strizza l’occhio al mondo mannish, uno stile molto amato da Meghan tanto da non abbandonarlo neanche dopo il matrimonio, nonostante i diversi diktat dell’etichetta reale.

Il tocco in più? Il cappello bianco modello Fedora che la Duchessa del Sussex ha tenuto tra le mani per tutta la partita di tennis ma senza indossarlo, proprio come imposto dal dress code dell’evento.

Il makeup: così simili, così diversi

L’etichetta reale richiede un make-up sobrio, semplice e con colori tenui e appena accennati. Ma, nonostante queste regole piuttosto rigide, Kate e Meghan riescono a distinguersi anche in questo caso grazie a dei piccoli dettagli di look che fanno la differenza.

Credits: Photo by Max Mumby/Indigo/Getty Images

Kate ha detto addio ai glitter sfoggiati da adolescente (chi è senza peccato scagli la prima pietra) e in tutti questi anni da aspirante regina ha scelto un beauty look decisamente naturale, ma che viene sempre impreziosito da un tocco di colore più inteso sulla palpebra mobile.

Che sia un tratto di matita morbida marrone moka o un ombretto tortora, Kate non rinuncia mai a un filo di colore per esaltare il colore dell’iride e dare maggiore visibilità all’occhio leggermente cadente.

Un tocco di blush corallo o rosato e il look regale è servito.

Credits: DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP/Getty Images

Meghan conosce bene il mondo del make-up e, con il passare degli anni, ha imparato a mettere in risalto quelli che sono i suoi punti forti. Nonostante siano i suoi occhi magnetici ad attirare l’attenzione di tutti, sono le labbra il vero focus del beauty look della Markle.

Niente rossetti scuri o lucidi, ma un rosa tenue che vira leggermente al corallo con un finish lustre: luminoso ma non lucido, il nude perfetto da indossare nella vita di tutti giorni, ma anche nelle occasioni ufficiali.

Il “pezzo” must have

Credits: GettyImages

Una pazza per i cappottini, l’altra per le borse. Anche in questo caso le due Duchesse hanno dei piccoli feticci fashion che hanno dimostrato di amare e a cui non vogliono mai rinunciare.

Per Meghan, inutile negarlo, sono le borse che ama sfoggiare in tutte le occasioni. Che siano modelli maxi, poco vicini alle usanze della Corona ma sdoganate proprio dalla Duchessa del Sussex, alle mini pochette fondamentali nelle occasioni ufficiali è impossibile vedere la Markle senza la sua borsa del cuore (e il suo Harry).

“Cappottini, che passione” questo potrebbe essere il titolo della biografia ufficiale di Kate. La Middleton, infatti, ama sfoggiarli in ogni occasione e in ogni stagione (sicuramente le temperature inglesi aiutano). I suoi modelli preferiti arrivano appena sopra il ginocchio, hanno una linea asciutta ma che tende a svasare dalla vita in giù e le maniche non vanno mai oltre il polso.

L’hairlook: il dettaglio che fa la differenza

Se il makeup, per entrambe, è delicato e appena accennato proprio come richiede il protocollo reale, sono i capelli e gli hairlook di Meghan Markle e Kate MIddleton a fare la vera differenza tra le due.

Credits: GettyImages

È impossibile negarlo: Kate ama i capelli sciolti. Che siano leggermente ondulati o con un liscio voluminoso, la Duchessa di Cambridge, li sfoggia in qualsiasi occasione, dalle più informali con i suoi bambini alle serate di Gala dove riesce ad attirare l’attenzione di tutti grazie alle sfumature ramate che impreziosiscono il suo castano. Che siano lunghi o appena sotto le spalle i capelli di Kate sono sempre corposi, idratati e lucidi: da vera futura regina.

Credits: Getty Images

Anche Meghan non disdegna i capelli sciolti, hairlook visto più e più volte nella serie tv che l’ha portata al successo “Suits”, ma da quando indossa i panni di reale inglese sta scegliendo sempre più spesso dei raccolti morbidi, non troppo tirati e con qualche ciuffo fuori posto.

Una pettinatura che sembra voler dire: “Sì, mi sono impegnata ma senza esagerare” come il messy bun sfoggiato in una delle prime uscite ufficiali con Harry: semplice, discreto, perfetto per far risaltare i suoi lineamenti e replicabile da tutte. Una mossa per farla sentire ancora più vicino alle sue fan?

Riproduzione riservata