Miele per la pelle del viso: i benefici e le ricette fai da te

/5

Ricchissimo di proprietà, il miele è un antibatterico e antibiotico naturale. Ecco come utilizzarlo a beneficio della pelle

Il miele è un potente antibiotico naturale e possiede un'importante azione battericida. Da uno studio effettuato presso l'Università di Lund, Svezia, emerge che nel miele sono presenti 13 batteri dell’acido lattico che, nei test di laboratorio, sono stati utilizzati per trattare le ferite di 22 pazienti e combattere ben 42 agenti patogeni.

Il prezioso prodotto delle api, quando è puro e fresco, presenta un'alta quantità di vitamina A, B2, B3, B5 e C e minerali. Fin dall'antichità il miele è stato utilizzato dalla tradizione erboristica per la cura di ferite e infezioni. Di recente un team di ricerca appartenente all'Università di Amsterdam ha isolato la proteina defensina-1, osservata nel sistema immunitario delle api: sulla base di questi studi, sono attualmente in corso indagini per lo sviluppo di nuovi farmaci per il trattamento di ferite e ustioni, in grado di accelerare la guarigione della pelle e combattere le infezioni che resistono agli antiobiotici tradizionali.

Oltre a queste proprietà preziose per il nostro organismo, il miele ha molti benefici per la cura e il trattemento della pelle. Vediamo insieme quali sono e le ricette fai da te per utilizzarlo. 

Maschere viso al miele: le ricette

La pelle è stanca e stressata? Usa il miele, è facilissimo! Versa in una ciotola alcuni cucchiai di fiocchi d'avena, preziosi per la pelle grazie alle proprietà antinfiammatorie. Aggiungi il miele, poi spalma con delicatezza sul viso e collo. Mantieni l'impacco per 15-20 minuti e cogli questo tempo per concederti un momento tutto per te: distenditi, rilassati, chiudi gli occhi e inspira lentamente, apponendo sulle palpebre due dischetti imbevuti di camomilla.

Per un effetto antiage puoi sfruttare le virtù della curcuma e il latte di cocco, da mescolare al miele, in grado di favorire la riparazione dei tessuti e promuovere l'ossigenazione.

Miele per la pelle secca

Non tutti sanno che il miele costituisce un'eccellente rimedio naturale ideale per viso e corpo. E quando il vento e i primi freddi irritano, rendendo la pelle secca e provocando fastidiosi tagli, c'è bisogno di una cura speciale come il miele.

Versa in una ciotola qualche cucchiaio di miele, poi stempera con yogurt oppure latte. Infine, aggiungi un cucchiaio di un olio vegetale a tua scelta. In mancanza d'altro, puoi utilizzare anche l'olio extravergine che usi in cucina, l'importante è che sia di alta qualità. Dopo aver mescolato, massaggia dolcemente la crema ottenuta su tutto il corpo, dalle gambe, che soprattutto durante l'inverno possono risentire di desquamazione e secchezza cutanea, fino al collo e al viso. Questa dolcissima coccola nutrirà la pelle in profondità dando sollievo immediato e combattendo l'invecchiamento.

Pelle grassa: un aiuto naturale

Aggiungere succo di limone fresco ad un impacco a base di miele ha un effetto schiarente e astringente. Attenzione, però a non eccedere: soluzioni eccessivamente aggressive possono amplificare, anziché migliorare, i problemi di pelle grassa. Pulizia con il vapore, come alle terme, alternanza caldo/freddo e rimedi dolci possono aiutare la pelle senza stressarla. Sì agli oli essenziali come lavanda e rosmarino, che possono essere aggiunti alle maschere viso, alla crema quotidiana o all'acqua del bagno: insieme alle tinture madri sono da assumere con la supervisione di un esperto e possono risultare molto efficaci.

Acne e brufoli: il potere riparatore del miele

La saliva dell'ape operaia contiene l'enzima glucosio ossidasi, fondamentale per la produzione del perossido d'idrogeno, che rende il miele un potente antisettico, cicatrizzante e antibatterico. Il miele grezzo può aiutare la pelle con brufoli e acne grazie al potere rigenerante e lenitiva, tuttavia è importante sapere che nel caso di acne o sfoghi ripetuti le cause sono da ricercare all'interno: analizzare stress, metabolismo, squilibri ormonali può portare a individuare le cause profonde dietro il sintomo che si manifesta sulla pelle.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te