Credits: Getty Images

Le star che hanno fatto delle loro imperfezioni un punto di forza

Seguici

Lentiggini, albinismo, nasi importanti: le celeb di tutto il mondo non sono fatte di sola perfezione e ora hanno deciso di non nascondere più quelli che, secondo i canoni di bellezza della nostra cultura, sono considerati "difetti"

Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace…a noi stesse. Dopo anni di copertine patinate dove la perfezione era tutto, dopo grandi discussioni su quale taglia e quale stile stereotipato dovesse o no sfilare sulle passerelle dei più grandi brand internazionali, dopo decenni dove il 90-60-90 la faceva da padrone, è arrivato il momento di cambiare rotta e iniziare ad apprezzare quei piccoli difetti fisici che ognuna di noi ha.

Potrà sembrare una banalità ma sono proprio le differenze più strane e insolite a renderci uniche, indimenticabili e a caratterizzarci in tutto e per tutto.

Riuscire ad accettarsi e apprezzarsi, però, non è assolutamente semplice: abbattere le barriere comuni che, piano piano, sono diventate parte integrante del nostro essere e il primo passo per dire: “Io mi piaccio così!”

Fortunatamente le regole dei giochi stanno cambiando e tantissime star di tutto il mondo hanno capito che anche i difetti fisici più visibili possono essere dei veri e propri punti di forza su cui costruire una carriera.

Winnie Harlow

Credits: Getty Images

Affetta da vitiligine dall’età quattro anni e vittima di bullismo per tutta l'adolescenza, tanto da pensare al suicidio, Winnie Harlow è l’esempio lampante che i difetti non devono e non possono fermare nessuno. La modella canadese, di origini giamaicane, è infatti riuscita ad arrivare sulle passerelle di tutto il mondo diventando una delle top model più richieste durante le fashion week.

La sua malattia, che comporta la depigmentazione di alcune aree del corpo, è diventata ora il suo segno distintivo: un difetto che si è trasformato in una vera e propria firma di stile.

Khoudia Diop

Credits: Getty Images

È la modella con la pelle più scura al mondo, merito dell’alta quantità di eumelanina presente nella sua cute, Khoudia Diop dopo aver raggiunto la popolarità sui social è diventata una delle protagoniste delle passerelle e dei red carpet di tutto il mondo.

Khoudia, giovane senegalese che ha dovuto combattere contro i pregiudizi e il bullismo, fino a diventare una vera e propria star grazie alla caratteristica unica della sua pelle. Una donna che non solo ha saputo accettare la sua diversità senza farsi abbattere, ma una volta raggiunta la popolarità l’ha sfruttata per inviare un messaggio di accettazione verso tutte le giovani del mondo: perché le differenze vanno amate, non rinnegate.

Georgia May Jagger

Credits: Getty Images

C’è chi ha convissuto per anni con l’apparecchio per correggere il diastema, lo spazio che si forma tra gli incisivi, e poi c’è Georgia May Jagger che ha trasformato questo difetto nella sua caratteristica principale. La figlia di Mick Jagger e Jerry Hall, ha conquistato tutti con la sua bellezza, compreso quel piccolo spazio tra i denti.

Un difetto che tantissimi fotografi hanno deciso di sottolineare ed enfatizzare immortalando la modella a labbra semi socchiuse. Un difetto che la Jagger non ha mai corretto, ma che spesso le ha creato enormi complessi, nonostante oggi sia quel particolare in più che le ha donato la celebrità.

Sophia Hadjipanteli

Credits: Getty Images

È la fondatrice e paladina dell’ #unibrowmovement, l’hashtag che raccoglie le immagini di tutte quelle donne che hanno detto no all’uso delle pinzette e sfoggiano serenamente sopracciglia selvagge e libere.

Sophia Hadjipanteli, modella, studentessa e attivista della beauty diversity, ha deciso di portare a testa alta il suo monociglio alla Frida Kahlo, simbolo delle sue origini cipriote.

Una scelta non da poco quella di Sophia, che non solo l’hanno resa un modello di libertà, ma sono spesso fonte di discussione e confronto sul tema della bellezza. Cosa che la rende molto orgogliosa. 

Bebe Vio

Credits: Getty Images

20 novembre 2008, questa è la data che ha reso Bebe Vio diversa dalle altre bambine: il giorno in cui si è ammalata di meningite. Un periodo difficilissimo, da lei definito un vero limbo, che ha però ha superato grazie alla sua tenacia e alla sua voglia di fare.

Dopo aver perso entrambe le braccia e le gambe, la giovane veneziana, ha continuato ad andare avanti fino a diventare una campionessa paraolimpica di scherma. Bebe, non è un simbolo solo del mondo sportivo, grazie alla sua allegria è diventata una vera icona tanto da diventare testimonial di diversi prodotti cosmetici ed essere spesso presente nei front row delle sfilate di moda più importanti.

Maeva Giani Marshall

Credits: Getty Images

Francese, 23 anni e un volto che sembra dipinto. Maeva Giani Marshall ha colpito tutti durante la sua prima fashion week nella grande mela: i lunghi capelli corvini incorniciavano un volto perfetto decorato, così il caso di dire, da tantissime lentiggini ed efelidi. Piccole macchioline di dimensioni e colori diversi che circondano gli occhi, per poi salire alle tempie e riempire le guance.

Una rivoluzione nel campo della moda che ha sempre voluto e scelto visi perfetti, senza difetti o discromie. Un primo passo verso l’accettazione di tutto e di tutti.

Thando Hopa

Credits: Getty Images

L’albinismo è una condizione genetica davvero complicata: la mancanza di melatonina nella pelle comporta un’ipopigmentazione della pelle degli occhi e dei capelli. 

Una condizione difficile da vivere, ancor di più se si nasce in Africa come la modella e avvocato Thando Hopa che ha deciso di sfruttare la sua popolarità per portare l’attenzione su quello che succede nel continente natio.

Thando si batte costantemente per i diritti degli albini, che rappresentano un'importante fetta di popolazione africana, che oltre a non potersi proteggere in modo adeguato, vengono perseguitati perché ritenuti figli del diavolo.

Una donna che ha trasformato una condizione genetica invalidante in un punto di forza per una bellezza unica, una vera e propria cassa di risonanza per portare l’attenzione su ciò che troppo spesso è nascosto ai nostri occhi.

Rossy de Palma

Credits: Getty Images

La chiamano la Dama di Picasso, merito dei suoi tratti marcati e atipici, Rossy de Palma è l’esempio di come i difetti fisici possono essere, in realtà, sinonimo di unicità.

L’attrice, musa di Pedro Almodóvar, è stata protagonista di diverse campagne pubblicitarie delle più grandi maison di moda: da Louis Vuitton a Jean-Paul Gaultier fino a Missoni. La dimostrazione che i punti di forza non sono solo nella bellezza.

Alicia Keys

Credits: Getty Images

No makeup. È questa la nuova filosofia di vita di Alcia Keys, la cantante afroamericana che da diverso tempo ha deciso di abbandonare fondotinta, blush e mascara per una vita al naturale, anche sul red carpet.

Una decisione presa nel 2016, durante lo shooting per la copertina del suo nuovo album. La cantante, infatti, decise di mettersi in gioco con i suoi fan mostrandosi senza trucco e con tutti i suoi difetti. Una serie di fotografie rivelatrici che l’hanno fatta sentire libera, felice e piena di energia.

Cara Delevingne

Credits: Getty Images
Cara Delevingne, super top model e musa di Karl Lagerfeld, è da sempre caratterizzata dalle sopracciglia scure e folte in contrasto con in capelli biondo platino. La modella, però, ha dimostrato come la bellezza e la femminilità possono celarsi dietro a un taglio mascolino: la rasatura.

Cara, infatti, è da sempre affezionata al taglio boysh e, in più occasioni, lo ha scelto in abbinamento a mini dress sensuali e make-up dal carattere forte. Una vera paladina del Be yourself!

Riproduzione riservata