Peeling

Peeling meccanico o chimico? Gommage o scrub? Il loro obiettivo è comune: stimolare il ricambio cellulare e la microcircolazione della pelle, soprattutto del viso, dove il tempo lascia i segni più evidenti.

«Sono trattamenti che variano d’intensità in base all’età. E il periodo ideale per farli è l’inverno, quando l’epidermide è più ricettiva e si sta preparando per raggiungere il top nei mesi estivi» spiega Marco Guizzardi, medico dermatologo dell’Istituto dermoclinico Vita Cutis di Milano.

Con il peeling dici addio all’inverno

Pori dilatati, rughette, macchie: via tutti i segni dal viso! Con una esfoliazione su misura per la tua età rinnovi l’epidermide. E cancelli la patina grigia dei mesi più freddi

Diversi modi di esfoliare la pelle: fai da te con gli ingredienti casalinghi

da un medico estetico con un trattamento chimico

con un panno specifico

o con l'innovativa spazzola viso, utilizzata da molte celeb.

L'abbiamo testata per voi. Ecco il nostro parere

A 20/30 anni fai il gommage

Sei nel pieno della giovinezza, ma qualche patatina fritta o sigaretta di troppo possono lasciare il segno. Per esempio, i pori dilatati. I peeling ideali sono meccanici: si fanno con prodotti cosmetici e agiscono in superficie.

«Se hai la pelle sensibile prova un gommage con argilla bianca» dice Cristina Moretti, responsabile della Borgobrufa Spa di Torgiano (Pg). «Stendila sul viso struccato e inumidito, aspetta che si secchi, poi bagnati le mani e togli la maschera con massaggi circolari, come se le dita fossero una gomma per cancellare». Hai la pelle ispessita? Opta per una maschera a base di jojoba con microgranuli di noccioli di albicocca o mandorla. Alla fine del trattamento, picchiettati con un batuffolo imbevuto di tonico alla rosa: il suo effetto astringente serve per chiudere i pori.

Fai il gommage una volta al mese o ogni 15 giorni: uno scrub troppo frequente può stimolare la produzione di sebo.

A 30/40 anni usa la spazzolina

Noti che la tua pelle è spenta, tanto che non riesci più a uscire senza un velo di make up? Stimolane la luminosità naturale.

Ti aiutano le spazzole per il viso a tecnologia sonica, che rimuovono le impurità a fondo grazie a delicate oscillazioni delle testine in setola. «E prendi l’abitudine di fare ogni due settimane una maschera scrub nutriente a base di burro di Karité e sale rosa dell’Himalaya. Massaggia con delicatezza per 5 minuti, evitando il contorno occhi, e poi risciacqua» dice Maria Egarter, esperta di bellezza della Spa Bad Moos di Sesto (Bz).

In alternativa, affidati all’eleuterococco, ricco di vitamina C. «Le creme peeling a base di questo estratto, ancora meglio se unite all’azione esfoliante dei semi di riso, apportano una sferzata di ossigeno alla pelle del viso, rendendola elastica e lucente» aggiunge Moretti.

A 40/50 anni vai di acido glicolico

Arrivano le prime rughe. È il momento di provare un peeling chimico soft.

«Consiste nell’applicazione di un acido, per esempio quello glicolico, che ha lo scopo di danneggiare la pelle, per poi favorirne un rigeneramento. La seduta dura poco: prima il viso viene sgrassato con prodotti ad hoc, poi spennellato con l’acido consigliato e, dopo pochi secondi, tamponato con una soluzione che blocca la reazione chimica. Rapido, indolore e con effetto “refreshing” istantaneo, basta ripeterlo una volta all’anno» spiega Marco Guizzardi. Dopo la seduta, non bisogna esporsi al sole per almeno 3 settimane.

Tra gli acidi più delicati c’è quello all’acido mandelico, estratto dalle mandorle amare. È chiamato anche “peeling delle spose” perché distende il viso e dona una luminosità immediata. Ha meno effetti collaterali (niente macchiette e crosticine) e si può fare anche d’estate.

S0S macchie

Per contrastare i segni scuri bisogna agire in profondità e rinnovare lo strato superficiale del derma.

«Consiglio un peeling con l’acido tricloroacetico (TCA)» dice il dermatologo Marco Guizzardi. «I tempi di recupero si allungano a 3 mesi, durante i quali è sempre bene stare lontano dal sole e applicare creme a base di acido retinoico, un derivato della vitamina A. Sono possibili anche effetti collaterali temporanei. Per esempio, l’apparire di qualche macchiolina chiara e l’insorgere di herpes, se sei già predisposta. Per questo raccomando una profilassi antipiretica prima di sottoporsi al trattamento».

Per rigenerare

Pulisce la pelle in profondità grazie alle trecento oscillazioni al secondo delle testine Mia 2 Pink di Clarisonic (149 euro, da Sephora).

Con un tempo di posa di cinque minuti, Maschera Doppia Azione di Collistar (32,30 euro) unisce la funzione dello scrub a quella rigenerante.

Luna di Foreo (169 euro) è un dispositivo di silicone che funziona come una spazzola, emette pulsazioni e si usa sul viso insieme al detergente.

Per levigare

Con acido glicolico e salicilico Blemish + Age Defence di Skin Ceuticals (78 euro, in farmacia) rimuove le impurità, affina la grana della pelle e riduce le rughe.

High Peel di Lierac (37,30 euro, in farmacia) agisce con un rilascio graduale: prima esfolia lo strato superficiale dell’epidermide, poi stimola il rinnovamento cellulare.

Per purificare

Esfolia delicatamente e libera i pori dalle impurità Sebo Vegetal Gommage Purifiant di Yves Rocher (7,95 euro).

È per pelli miste Gel Esfoliante Viso di Euphidra (10,90 euro, in farmacia). Da usare per la pulizia del viso fino a tre volte la settimana.

Riproduzione riservata
dmbeauty

2.444 posts 403k followers

Make up your life

Beauty cards