Credits: Shutterstock

Pelle disidratata: come riconoscerla e curarla

Seguici

Cute secca, ruvida, tesa, screpolata e pruriginosa? La carenza di acqua può fare danni gravi a viso e corpo. Ecco come rimediare

La pelle è uno degli organi più importanti: in primis ci protegge dall'ambiente esterno ed è la responsabile del nostro aspetto (punto questo che spesso scavalca di gran lunga il primo).

Ecco perché se diventa secca, ruvida, tesa, screpolata e pruriginosa non vuol dire solamente che si appare più cupe, spente e con rughe più marcate, ma significa anche che viene danneggiata la capacità della pelle di funzionare adeguatamente.

Ma pelle secca non è sempre sinonimo di pelle disidratata, si tratta più che altro di una cute carente di acqua che generalmente ha problemi di eccessiva o scarsa produzione di sebo: non è una tipologia di pelle, ma semplicemente una situazione (spesso passeggera).

A differenza della pelle secca, che ha bisogno di un costante apporto di sostanze ricche per compensare la carenza fisiologica di lipidi, la pelle disidratata non ha bisogno di grassi, ma di elementi in grado di trattenere le molecole d’acqua.

Cosa significa avere un viso o un corpo disidratato?

La disidratazione dipende da un’alterazione della barriera idrolipidica che protegge la nostra pelle ed è causata sia da elementi esterni (caldo, freddo, sole, vento e aria secca) che interni (età, influssi ormonali e dieta) e una persona può essere colpita da più fattori contemporaneamente: sapere quali di questi causano la secchezza cutanea aiuta certamente nella prevenzione e nel trattamento del problema.

I sintomi della pelle disidratata

Quando la pelle inizia a perdere la corretta dose di idratazione diventa più tesa, opaca e molto ruvida, ma se questa secchezza non viene curata per tempo allora viso e corpo si screpolano, si desquamano e inizia quella sensazione prurigonosa che dà tanto fastidio: in alcune parti del corpo come mani, piedi, gomiti e ginocchia tende a concentrarsi il maggior disagio, un'estrema ruvidezza e tagli. Ecco perché si deve intervenire immediatamente.

Detergere

Quando detergi la pelle secca e disidratata, è fondamentale che il prodotto sia efficace ma anche sufficientemente delicato da non eliminare i lipidi presenti in superficie: idealmente dovrebbe contenere fattori di idratazione naturale, come l'urea ad esempio, che blocca la corretta dose di acqua all'interno della pelle.

Ricordati inoltre che una giusta detersione e il successivo step di idratazione possono essere aiutati e sostenuti da una buona maschera: una strategia vincente non solo in fase di disidratazione, ma anche per prevenire l’insorgenza della pelle troppo secca.

Rimedi naturali

Tra i rimedi naturali per eccellenza contro la pelle secca c'è sicuramente l’olio d’oliva: usalo per massaggiare il corpo per una naturale morbidezza e idratazione. L'olio (non solo d'oliva ma anche di cocco o di mandorle dolci) può inoltre essere abbinato a un’altra 'vecchia conoscenza' e cioè il miele: applicato come una maschera, lasciato agire per 20 minuti e risciacquato è un vero e proprio elisir di bellezza.

Make up

Se la pelle è disidratata, evita fondotinta compatti e in polvere, e non dimenticarti di applicare una crema nutriente o un primer idratante come base. E non utilizzare la cipria perché se è vero che tiene a bada la lucidità, è anche vero che assorbe l’umidità della pelle. Inoltre evidenzia ancora di più i segni d’espressione e le squame e il rischio è quello di apparire più vecchia.

Quando la pelle è così secca, di solito anche le labbra non sono da meno: regala alla tua bocca una buona dose di burrocacao prima di iniziare con il trucco, così da renderle più morbide e lisce prima del rossetto - se sono particolarmente stressate scegli una texture cremosa o un gloss e lascia per altri momenti le formula matt.

A tavola

Combattere la pelle disidratata è possibile anche tramite una corretta alimentazione e l’assunzione di cibi in grado di favorire il naturale processo di idratazione della cute: fai il pieno di vitamine A, B ed E, di frutta (anche secca) e verdura e bevi un sufficiente quantitativo d’acqua ogni giorno (8 bicchieri è l'ideale).

Riproduzione riservata