Anti age

Pelle: cure anti age

Giocare d'anticipo per essere avvantaggiate negli anni futuri.

Imparare quali sono i punti deboli della propria pelle per fronteggiare correttamente i processi di invecchiamento.

Queste le 2 semplici regole per prevenire la comparsa delle prime rughe.

Nelle prossime pagine una guida globale all'anti età, con le risposte alle domande più comuni in merito.

Rughe: meglio prevenire che curare

Giocare in anticipo per prevenire l'azione del tempo sulla pelle. Non è utopia, ma prassi quotidiana della cura del viso. Che puoi adottare anche tu, imparando i passi strategici della lotta all'invecchiamento cutaneo

Lo stile di vita sano ed equilibrato contribuisce molto a rallentare la comparsa delle prime rughe.

Alimentazione ricca di nutrienti, zero fumo, poco alcol, sonno a sufficienza, sole con moderazione: sono i suggerimenti fondamentali nella lotta anti age.

Sfoglia la gallery per saperne di più.

Detersione, idratazione, trattamenti supplementari, come scrub esfolianti e maschere idratanti, sono le basi della cura della pelle.

Applicare fin da giovani una corretta protezione solare, anche in inverno, è il primo passo per contrastare l'invecchiamento cutaneo.

Oggi esiste in commercio un'ampia gamma di prodotti cosmetici e di integratori alimentari, in grado di supplire le carenze della pelle e di agire prima che i processi di invecchiamento si mettano in moto.

Per ottenere i migliori risultati da creme e integratori è il caso di intervenire prima che il tempo abbia fatto i danni, piuttosto che curarli.

Rughe: meglio prevenire che curare

Rughe: meglio prevenire che curare

L'età giusta per iniziare? 25 anni.

La beauty routine cambia e la pelle richiede una crema "da grandi", con sostanze anti age e filtri UV.

Ma non solo. Per potenziare l'efficacia dei cosmetici bisogna anche agire dall'interno, adottando una vera e propria dieta per la pelle.

Da un lato privilegia cibi ricchi di sostanze antiossidanti; e dall'altro assumi integratori alimentari eudermici (vitamina A, C, E, selenio, zinco)

A che età usare il primo antiage?A 25 anni, per consentire una buona prevenzione e mantenere la pel

A che età usare il primo antiage?

A 25 anni, per consentire una buona prevenzione e mantenere la pelle liscia il più a lungo possibile. Per utilizzare il prodotto al meglio, applicarlo più volte al giorno, appena si sente la pelle che tira.

Cosa succede se a 25 anni si usa un anti-rughe per pelli mature?

Una crema troppo ricca, se applicata su una cute giovane, può provocare un'acne comedonica, cioè ricca di comedoni e punti neri.

Lo stress fa invecchiare?

Lo stress fa invecchiare?

Sì, perchè riduce la funzionalità dell'epidermide e la sua capacità di difendersi dai radicali liberi.

Risultato? Un abbassamento della qualità biologica della pelle. Per fortuna, quando si è giovani è un danno reversibile: riequilibrando le emozioni, l'alimentazione e l'igiene di vita si cancellano le cause del problema e, con l'aiuto di trattamenti cosmetici, si recupera lo splendore perduto.

Quando fare una cura d'urto?Ogni tanto la pelle ha bisogno di una sferzata di vitalità. Una terapia

Quando fare una cura d'urto?

Ogni tanto la pelle ha bisogno di una sferzata di vitalità. Una terapia intensa può essere indicata soprattutto al passaggio di stagione, quando tutto l'organismo necessita di un surplus di energia per affrontare il processo di adattamento.

Via libera dunque a integratori alimentari, fiale rinforzanti, sieri ecc.

Esistono rughe di origine psicosomatica?

Esistono rughe di origine psicosomatica?

Certo. I segni di espressione possono esprimere all'esterno del corpo tensioni emotive croniche che provengono dal mondo interiore, rappresentando come in un libro aperto certi aspetti della nostra personalità.

A seconda delle rughe che abbiamo, mostriamo sul volto quali sono le priorità nelle nostre modalità di approccio quotidiano alla vita: i solchi nella parte alta del viso, per esempio, riguardano l'attività mentale, mentre quelli concentrati nella zona centrale riflettono i problemi emotivi, e quello che si formano nell'area più bassa (bocca, mento...) rispecchiano le pulsioni istintuali.

Le rughe precoci sono un destino genetico?

Le rughe precoci sono un destino genetico?

Non è detto. Le indagini sul DNA dimostrano che chi ha una mamma con la pelle rugosa non è condannata a seguirne le orme.

Possiamo interagire con l'ereditarietà adottando specifici comportamenti. Il primo passo? Iniziare con una cura mirata già a 30 anni, sottoponendosi a un check up della pelle e imparando a conoscerne i punti deboli.


Filler: a che età si può iniziare?
Si può cominciare già tra i 30 e i 40 anni, quando le rughe

Filler: a che età si può iniziare?

Si può cominciare già tra i 30 e i 40 anni, quando le rughe della fronte, i solchi ai lati di bocca e naso e le linee d'espressione orizzontale cominciano ad apparire.

Ma il viso può essere rimodellato a qualunque età, dando per esempio più volume alle labbra, con le punture all'acido ialuronico.

Il fondotinta può occludere i pori?

Il fondotinta può occludere i pori?

Sotto domanda: può peggiorare quindi l'aspetto di una pelle grassa?

Sì, se si tratta di un prodotto in crema, dalla texture corposa. Sulle pelli che producono molto sebo è meglio usare un fondotinta fluido, dalla consistenza leggera.

Ma se il fondotinta soffoca la pelle può accelerare l'invecchiamento?
Non più. Le nuove formulazioni sono talmente leggere e impalpabili che non ostruiscono la capacità di respirare della pelle. Anzi, fungono da protezione contro l'inquinamento.

Che effetti ha sulla pelle giovane la pillola anticoncezionale?Può migliorarne l'aspetto perchè, m

Che effetti ha sulla pelle giovane la pillola anticoncezionale?

Può migliorarne l'aspetto perchè, mettendo a riposo le ovaie, a aiuta a ridurre l'acne.

D'altro canto, l'assunzione di estrogeni può aumentare la fotosensibilità dell'epidermide, incrementando il rischio di macchie se ci si espone al sole senza protezione.

Riproduzione riservata
dmbeauty

2.218 posts 379k followers

Make up your life

Beauty cards