Smagliature: cosa fare

Le smagliature sono state “sdoganate”. Immortalate su pance, seni e cosce di migliaia di donne in tutto il mondo, da qualche settimana sono le protagoniste della campagna #Loveyourlines (ama le tue linee) su Instagram. L’idea è partita da due mamme, che hanno organizzato questa piccola rivolta social contro le tante immagini di corpi femminili perfetti che ci circondano. La pagina ha raccolto circa 700mila followers.

Un’allegra rivendicazione di normalità e un segnale confortante di autoironia dal mondo delle donne. Accettare l’idea che il corpo sia bello anche se imperfetto e segnato dalla storia personale non significa, naturalmente, che non si possa provare a migliorarsi. E allora ecco tutte le novità per intervenire sulle smagliature. Per riuscirci, l’importante è individuare di che tipo sono. Come? In base al colore.

Smagliature: cosa fare

Grazie a una campagna social su Instagram le antiestetiche linee chiare non sono più un tabù. E ora, con i trattamenti di nuova generazione, non sono nemmeno un problema irrisolvibile. Perché puoi prevenirle, attenuarle, eliminarle

Come accade per molti altri inestetismi, le smagliature si combattono anche con un' alimentazione mirata

Se le smagliature sono rosa

È il momento migliore per trattarle: i segni rosacei indicano che la pelle è infiammata e sta subendo un forte stress, ma ancora non si è “strappata” in profondità.

«A questo stadio le smagliature si possono riparare» spiega Gabriella Fabbrocini, docente di Dermatologia all’Università Federico II di Napoli. «Prova a usare, due-tre volte al giorno, creme idratanti a base di acido ialuronico, vitamine e antiossidanti. Così aiuti la pelle a superare la tensione a cui è sottoposta».

I trattamenti estetici per le smagliature al primo stadio

Per un trattamento più mirato, puoi rivolgerti allo specialista. Ma attenzione: con le smagliature ancora fresche i metodi troppo aggressivi, come il laser, possono essere controproducenti. «C’è un elevato rischio di effetti collaterali, come iperpigmentazione e cicatrici evidenti» avverte Elisabetta Sorbellini, medico estetico.

«Meglio un trattamento in più fasi, sicuro ed efficace. In genere consiglio prima l’applicazione, a casa e per un mese, di creme che riducono l’infiammazione e stimolano la pelle a produrre nuovo collagene». Successivamente, il medico potrà applicare, in più sedute, una maschera all’acido retinoico al 5 per cento per esfoliare leggermente. E, a seguire, un prodotto a base di bava di lumaca che è molto efficace nel riparare i tessuti. «Viene fatto penetrare in profondità con il metodo della dermoforesi, utilizzando cioè un apparecchio che emette una corrente debole» spiega la dottoressa Sorbellini. Tre sedute, in genere, sono sufficienti. Il trattamento completo dura 5-6 mesi, con sedute ogni 30 giorni circa. Il prezzo per ciascuna è di 200-250 euro.

Se le smagliature sono bianche

Sono più difficili da trattare: il colore bianco perlaceo indica che la cicatrizzazione degli strati cutanei è avvenuta. Il sangue non circola più in quella zona e la pelle cede, formando i tipici solchi. Ma ridurre il danno è possibile. A patto che la larghezza della lesione non superi i 3-4 millimetri.

«Funziona bene il needling: il medico, dopo aver applicato sulla parte una pomata anestetica, passa un rullo con piccoli aghi. Si creano così dei micro fori e la pelle viene stimolata a produrre nuove fibre elastiche» spiega la professoressa Fabbrocini. Possono bastare 3-4 sedute, ogni tre settimane (costo da 300 euro a seduta).

«A casa si può proseguire il trattamento con un apparecchio simile, il dermaroller (info: www.dermaroller.it), applicando delle creme suggerite dal medico. Nel giro di 2-3 mesi, i segni si attenuano molto»

La biodermogenesi per le smagliature più vecchie

Anche la biodermogenesi dà ottimi risultati. «Alcune ricerche hanno dimostrato che nel 35 per cento dei casi le smagliature scompaiono del tutto e per il resto sbiadiscono» spiega Pier Antonio Bacci, medico estetico e direttore dell’Accademia della bellezza di Arezzo.

Una seduta prevede varie fasi: prima si fa un peeling, poi si passa un manipolo a impulsi elettrici e si prosegue con un apparecchio a radiofrequenza. Così si richiama sangue nella zona, rivitalizzando i tessuti. La tecnica richiede 15-20 sedute al prezzo di 100 euro circa l’una.

I gesti SI contro le smagliature

● Fai tutti i giorni delle spugnature fredde sulla zona per dare una sferzata alla circolazione. Poi stendi la crema specifica.

● Mangia tanta frutta e verdura fresca per fare il pieno di vitamina C indispensabile per la formazione di nuovo collagene.

● Chiedi al medico un integratore a base di teobromina. Questa sostanza, ricavata dal cacao, stimola la produzione di collagene ed elastina.

Cosa NON fare in caso di smagliature

● Evita lunghi bagni caldi, perché favoriscono il rilassamento dei tessuti e disidratano la cute.

● Andare in palestra fa bene, ma non esagerare. Troppo sport fa produrre radicali liberi che riducono l’elasticità della pelle.

● Occhio all’ansia: c’è una relazione diretta tra la formazione di smagliature e il cortisolo, un ormone prodotto sotto stress che indebolisce le fibre elastiche.

● Soprattutto se i segni sono freschi evita indumenti stretti che ostacolano la circolazione e capi sintetici che impediscono l’ossigenazione dei tessuti.

I prodotti che combattono le smagliature

Da sinistra. Crema Smagliature di Rilastil (28 euro) è ideale per pelli sensibili. Bio-Oil (19,95 euro) attenua i segni e le discromie. Soin Complet Spécial Vergetures di Clarins (47 euro) contiene centella asiatica che rende più elastica la pelle. Trattamento Smagliature Elasticizzante di Somatoline (36 euro) rinforza le fibre di elastina.

Riproduzione riservata
dmbeauty

1.959 posts 362k followers

Make up your life

Beauty cards