Credits: Shutterstock

10 trend beauty anni ’90 che non vorremmo vedere più! E invece…

Seguici

La moda anni ’90 si divide in due: la grunge e la pop. La prima poteva tornare, la seconda no. Chi avrebbe detto che le labbra di Victoria, le ciocche di Geri e la frangetta di Emma sarebbero riemerse più potentemente che mai? Noi no, e invece...

La nostalgia è davvero canaglia, a volte. Specie quando fa riemergere immagini tanto tenere quanto brutte, come le ciocche colorate, la ricrescita scura, i collarini di plastica e i glitter. Pensiamo di aver visto tutto e invece, il brutto, deve ancora venire. O tornare, come gli anni ’90 in tutta la loro bruttezza. Ecco cosa vedremo presto in giro, di nuovo.

Collarini tattoo

Il choker o collarino è tornato già da un po’, inizialmente in forma di semplice cerchio nero, poi con l’aggiunta di anelli e borchie mutuati dal mondo fetish. La nostra più grande paura è che tornino loro: i collarini tattoo elasticizzati che vendevano anche in allegato alle riviste per ragazze. Una paura che è già certezza.

Matita scura sul contorno labbra

Le Spice Girls insegnano, specie quella che allora era la Posh Spice - la più “elegante” - Victoria Beckham: la matita marrone, viola o nera intorno alle labbra, lasciate più chiare, può essere trendy. Sempre che le tue labbra siano belle e carnose. 

Space buns

Sailor Moon è sempre nei nostri cuori. Ed evidentemente anche in quelli di chi non ha neanche fatto in tempo a vederla. Se vedi in giro teste con due chignon in alto a forma di pallina, sappi che è tutta colpa sua.

Capelli a scodella

Fantaghirò è tornata, in realtà più tra le hipster che non tra le ragazze grunge. Prova ad andare ad un vernissage di arte contemporanea e lo vedrai con i tuoi occhi: la scodella spopola tra le intellettuali di nero vestite.

Le sopracciglia sottili

Tra ali di gabbiano, monociglio, sopracciglia tatuate e look alla Mina, questa componente del volto sembra non trovare pace. Folte, rade, regolari o inarcate? Dicci come ti spinzetti e ti diremo chi sei. Purché non torni alla sottile linea scura del 1995.

Trucco neon

Se c’è un colore di cui si era persa traccia, questo era l’arancione fluo, tornato ora alla ribalta nel trucco più ancora che nei vestiti. In generale, il make up anni ’90 fatto di neon e glitter è tornato già da un po’, solo che se finora si era limitato alla serata in disco, ora è tra noi anche di giorno.

Mèches colorate

Le tinte unicorno, a confronto, sono pura poesia. Negli anni '90 andavano le mèches blu elettrico, viola, rame o giallo paglierino da applicare direttamente sulle ciocche con appositi rimmel per capelli. A strisce, nelle prime due ciocche che incorniciano il volto. Orrore.

La frangetta corta

Anche per questa ci vuole testa, o meglio una fronte che non sia troppo bassa: la frangetta corta – circa 3-4 centimetri di capelli – è fantastica perché non finisce sugli occhi e non va neanche pettinata, ma capita che deformi il viso, schiacciandolo o allargandolo. Meglio evitare, no?

Coda alta

Al tempo era Gwen Stefani, ora Kendall Jenner. In entrambi i casi abbinata ad uno stile sporty con mini-top e pantaloni cargo. È la coda di cavallo alta e con i capelli molto tirati indietro. Molto aggressive e difficile da portare a meno che non si sia alte, slanciate e con i capelli molto lunghi.

Capelli mogano

Ammettiamolo: se non fosse stato per la tinta più in voga degli anni ‘90, non sapremmo neanche definire il colore mogano. All’epoca te lo tiravano dietro. È quasi marrone, quasi viola, quasi rosso, quasi nero. Insomma, è scuro con delle nuance. E le nuance, agli anni Novanta, piacevano tanto, troppo.

Riproduzione riservata