Coppia che medita

5 modi in cui la meditazione aiuta le relazioni con gli altri

Ha tanti effetti positivi sull'equilibrio emotivo delle persone, ma è interessante scoprire che la meditazione aiuta le relazioni con gli altri: ecco come e perché

Tra i suoi numerosi effetti positivi, la meditazione aiuta le relazioni con gli altri. Parlando della pratica meditativa, si tende a pensarla come un’attività finalizzata al benessere individuale. Questo, in un certo senso, è vero, anche se avviene in gruppo. Di sicuro, chi medita abitualmente può riferire una serie di effetti benefici che la pratica produce sull’equilibrio emotivo e mentale delle persone. Quello che, tuttavia, a volte passa in secondo piano è che la meditazione aiuta le relazioni con gli altri, anche se in modi che potremmo definire indiretti.

Lo dicono in tanti, compreso lo Yoga Guru Grand Master Akshar, che in un’intervista ha detto: «È dimostrato che meditando anche solo per pochi minuti ogni giorno potrai vivere una trasformazione positiva in tutti gli aspetti della tua vita. Ciò si estende anche alle relazioni che sono presenti nella tua vita sotto forma di colleghi, partner, amici, familiari e tutti quelli che incontri». Ecco perché meditare renderà più facili e migliori i tuoi rapporti interpersonali.

Riduce lo stress

Lo stress, quando è oltre la soglia limite, è una brutta bestia per tutti. Meditare, invece, è un ottimo alleato per combatterlo e tenere sotto controllo lo stress. Normalmente, le persone accumulano stress durante il giorno e tendono a sfogarlo (anche involontariamente) sul partner, gli amici, i parenti, insomma, chi sta loro intorno.

Ecco perché la meditazione aiuta le relazioni con gli altri: riducendo o comunque abbassando il livello di stress con la pratica, è più facile comunicare e relazionarsi con gli altri, senza scaricare loro addosso tutta la propria tensione psichica, le preoccupazioni e le tensioni. Per la precisione, non serve fare sessioni infinite per contenere lo stress: bastano brevi momenti tutti per sé. Certo, una certa costanza non guasta, ma piuttosto che far poco o male (e rimandare la pratica al fine settimana, per esempio), anche dei semplici esercizi di respirazione possono fare bene.

Ti mantiene positiva

A proposito di stress, quante volte si pensa che la stanchezza e la continua tensione (legata appunto allo stress) ci faccia vedere il mondo in maniera più spenta o triste? Al posto degli occhiali rosa, ogni situazione, imprevisto, fastidio assume proporzioni smisurate proprio perché si è già al limite della sopportazione (se non oltre) e dell’esaurimento. Da lì a esplodere con le altre persone è un attimo: a volte ci si rende conto dopo che si reagisce in maniera esagerata rispetto al problema di per sé. Certo, si può chiedere scusa, ma comunque a nessuno piace sentirsi in colpa per aver fatto una scenata eccessiva rispetto alle circostanze. Il rischio di essere considerata un po’ reattiva e permalosa è dietro l’angolo.

Ecco perché la meditazione aiuta le relazioni con gli altri. Se meditare riduce lo stress, con la pratica non si rischia di arrivare a questi livelli allarmanti di stress e, quindi, di avere reazioni spropositate di cui, poi, ci si può pentire. Per di più, se nel complesso ti senti in equilibrio, ti risulta più facile rapportarti in maniera positiva, allegra e gentile con gli altri, vicini o sconosciuti.

Ti rende più propensa alla gratitudine

Meno stressata, più positiva… Sembra un sogno, invece sai bene che con la meditazione puoi davvero essere così. E non è finita, perché meditando assumi, senza nemmeno accorgertene, una nuova prospettiva. Nella tua nuova visione non sarai più attaccata alle piccole cose, non ti preoccuperai più per tutto e smetterai di dare per scontato ciò che hai, compresi i tuoi affetti più importanti. Se hai un quadro generale positivo, ti senti tendenzialmente grata di più e con maggiore frequenza.

Ecco un altro motivo per cui la meditazione aiuta le relazioni con gli altri. Le persone che praticano (o provano) la gratitudine abitualmente, tendono a essere più soddisfatte nei loro rapporti interpersonali, a maggior ragione nelle relazioni amorose. Quando ti senti grata, infatti, ti concentri sulle qualità, i pregi e i motivi per cui ami il partner; a sua volta, si sentirà apprezzato, accolto e amato. Così il vostro legame diventerà ancora più forte, tu sarai sempre più grata e via così, in un circolo virtuos(issim)o.

Aiuta a sviluppare l’empatia

Ascolto attivo, compassione, empatia: sono tutte modalità relazionali frutto di un percorso interiore volto a migliorare sé stesse. In altre parole, un altro modo per cui la meditazione aiuta le relazioni con gli altri riguarda proprio l’empatia. Questa è una capacità che si può avere innata o che si può acquisire (per esempio attraverso la pratica della meditazione) e che permette di imparare ad ascoltare gli altri in maniera non giudicante. Questo, naturalmente, fa sentire le altre persone più accolte e comprese. Quindi, i rapporti migliorano, decisamente.

Rafforza le connessioni

C’è ancora un ultimo modo per cui la meditazione aiuta le relazioni con gli altri. Prima di tutto, la consapevolezza che si acquisisce con la pratica, ti aiuta a capire a dare priorità ai rapporti. In altre parole, impari a scegliere le persone giuste e a gestire al meglio le attenzioni che meritano. Questo, inevitabilmente, migliora nettamente i rapporti. Per di più, le relazioni migliorano anche attraverso una migliore comunicazione. A sostenerlo, è sempre lo Yoga Guru Grand Master Akshar: «[Con la meditazione, ndr] potresti essere in grado di godere di una comunicazione molto più intima e aperta con la tua famiglia, gli amici e le persone che incontri in un ambiente professionale. Con le tecniche di meditazione sarai in grado di avere l'intelligenza per discernere quale tipo di comportamento è migliore adatto per quale relazione».
Nella coppia, poi, il rapporto migliora anche perché diminuiscono le ansie e le insicurezze e quindi la relazione si rafforza (anche sessualmente parlando).

Riproduzione riservata