Le nuove pentole per cucinare come uno chef

Credits: Alvise Silenzi

Acciaio

Cosa: la casseruola a due manici, con fondo spesso e interno satinato di Lagostina, 127,80 euro; la pentola Megha di Ipac con lo scolapasta incorporato, 96 euro.
Perché: la casseruola ha la misura e la forma adatte per cuocere la carne. La pentola alta con lo scolapasta incorporato è comoda per preparare la pasta velocemente.

Credits: Alvise Silenzi

Il consiglio dello chef: l'acciaio è eterno, facile da gestire e ha una discreta conducibilità del calore. Un buon compromesso per chi cucina molto. Con una pentola alta e una casseruola però si può cucinare di tutto: pasta, minestre, risotti e bolliti. L'importante è che il fondo sia spesso almeno 5 mm.

Credits: Alvise Silenzi

Con lo scolapasta
E il coperchio bombato, la pasta cuoce bene. Pastaiola Più di Lagostina, 147 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Tre misure
I pentolini sono indispensabili per bollire acqua, latte e salse. Di Ipac, da 2,60 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Carni ben cotte
Nella casseruola con triplo fondo si cucinano bene carni e bolliti. Di ICM, da 66 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Per il sugo
Il coperchio in vetro ha una valvola che libera piano il vapore. Vision di Tescoma, 28 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Vetro

Cosa: il set di pirofile in vetro di Pyrex (da 9 euro circa), la teglia ovale in ceramica Forma di Ikea (1,99 euro), le pirofile rettangolari in porcellana di Bitossi e Tiger di Fade (da 28 euro). Carrello di Speedy.
Perché: le pirofile sono pratiche nel forno. In più si possono portare direttamente in tavola.

Credits: Alvise Silenzi

Il consiglio dello chef:  il vetro dura a lungo ma è sempre meglio scegliere quello temperato, che resiste di più agli sbalzi termici. Dà i risultati migliori sulle cotture lente: ecco perché le pirofile e casseruole basse sono adatte per preparare sformati, arrosti nel forno o cibi al vapore. Vaporiera in vetro e teflon Gli speciali di Ballarini, 85,50 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Da forno

Il tegame con il coperchio a cupola è ideale per l'arrosto. Di Pyrex, 15,50 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Per passaggi veloci

Dal microonde al freezer o frigorifero. Frigoverre Plus di Bormioli Rocco, 6,30 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Elegante

La pirofila si porta in tavola nel cestino in filo di alluminio. Nuvem di A per Alessi, 58 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Maxi

Quadrata con i bordi alti: la pirofila per torte salate e sformati. Mixtur di Ikea, 1,99 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Rame

Cosa: sopra, padella e casseruola di Ballarini e Lagostina (da 124 euro). Sotto, paiolo con interno antiaderente (135 euro) e padella  della linea Il Rame (da 139,50 euro) di Ballarini.
Perché: le pentole in rame sono belle da tenere in vista e ottime per una cucina “professionale”. Con il rame zabaioni e salse all'uovo vengono più schiumosi.

Credits: Alvise Silenzi

Il consiglio dello chef: il rame è il miglior conduttore di calore ma richiede parecchie attenzioni e va lavato a mano. Per la cucina di tutti i giorni va bene se ha un rivestimento antiaderente: dura un paio d'anni ma cuoce tutto alla perfezione. Padella di Ballarini.

Credits: Alvise Silenzi

Doppia
Rame fuori, alluminio dentro: cuoce alla perfezione. Academy Rame di Lagostina, 151 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Classica
La pentola alta in rame massiccio è lavorata  a mano. Historia di Ruffoni, 134,40 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Per veri cuochi
Una batteria completa, con l'interno in acciaio.  Antica di Frabosk, da 125 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Professionale
Con i bordi alti si fanno saltare verdure e pasta. Toscana di Mepra, 82,50 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Antiaderente

Cosa: pesciera Easy Chef (38,35 euro) e pentole rosse di Bialetti e padella blu di TVS (da 5,80 euro), piastra e padellino di Risolì (da 45 euro).

Perché: le pentole colorate sono l'ultima tendenza. Quelle basse antiaderenti si possono “maltrattare” e usare anche come piastra, per preparare carne o verdure alla svelta.

Credits: Alvise Silenzi

Il consiglio dello chef: il teflon ha una durata limitata, di un paio d'anni, ma è comodo soprattutto nelle padelle basse, per preparare ricette veloci, senza bruciare i cibi. Per non rovinarlo troppo è meglio usare sempre un filo d'olio o una noce di burro. Padella con il manico in acciaio di Risolì.

Credits: Alvise Silenzi

Sotto controllo

Con il coperchio in vetro la cottura è sott'occhio. Multipla di Domo, prezzo su richiesta.

Credits: Alvise Silenzi

Su misura

La mezza casseruola è la più adatta per i risotti. Diamante di Moneta, 30 euro.

Credits: Alvise Silenzi

Un aiuto in più

Lega di alluminio e teflon: per cotture uniformi. Archetun di TVS, prezzo su richiesta.

Credits: Alvise Silenzi

Furba

Quando è calda, il bordo cambia colore. Calore & Colore di Aeternum, da 12,90 euro.

Foto

Per preparare il sugo è meglio una casseruola in rame e alluminio o un pentolino con il coperchio in vetro? E per fare un arrosto perfetto c'è una pentola "col trucco"? Per capire quando e come usare la padella giusta al momento giusto abbiamo testato le batterie più attuali

 

Riproduzione riservata