Come si conserva il basilico?

Conservare le foglie di basilico è utile, soprattutto se ne tieni un vaso sul balcone. Ecco 4 idee per salvarne le foglie e poterlo usare poi in cucina lungo tutto l'autunno e l'inverno o, comunque, tutte le volte che vorrai!

  • Credits: CUCINA MODERNA N. 7/2006. A cura di Elisabetta Ranierik - Foto di Mondadoripress                          

    Il primo metodo per conservare il basilico è congelato - Per farlo pulisci le foglie di basilico a una a una con un telo inumidito e distribuiscile su un vassoio rivestito con un foglio di  alluminio. Metti in freezer e quando saranno congelate riuniscile in un sacchetto per alimenti.  


    Extra: puoi usare le foglie di basilico in tanti modi, ma prova la nostra classica  ricetta del pesto o la ricetta creativa del sorbetto al basilico!

  • Credits: CUCINA MODERNA N.7/2006. A cura di Elisabetta Ranierik Foto di Mondadoripress

    Il secondo metodo per conservare il basilico è sotto sale - In questo caso disponi le foglie di basilico in vasi a strati con sale fino terminando con quest'ultimo, schiaccia con un cucchiaio, copri a filo con olio e chiudi. Si conserva per 2 mesi. Quando lo usi non salare i piatti.      

     

    Extra: provalo nella nostra ricetta degli sformatini di basilico, perfetti come antipasto estivo.

  • Il terzo metodo per conservare il basilico è sotto olio - In questo caso lava e asciuga il basilico, quindi stacca dai gambi le foglie più grosse accertandoti che siano integre e di colore verde brillante. Sistemale in vasetti di vetro ben asciutti e sterilizzati, versavi a filo dell'olio d'oliva extravergine fino a colmare il recipiente in modo tale che le foglie ne siano completamente sommerse. Chiudi ermeticamente e riponi in un luogo fresco e buio. Una volta aperto il vaso, ricordati di tenerlo in frigorifero, eventualmente coprendo con altro olio le foglie che non utilizzi: il basilico si conserverà ancora per qualche settimana.


    Extra: prova la ricetta completa delle foglie di basilico sott'olio cliccando qui! Oppure crea il tuo olio aromatizzato. Puoi realiazzarlo in due varianti: olio al basilico, oppure olio al peperoncino.

  • Il quarto metodo per conservare il basilico è pestato - Per farlo lava e asciuga bene, lasciandole all'aria, le tue foglie fresche di basilico. Una volta asciutte tritale e mescolale a 40 g di sale fino. Mettile in una ciotola e aggiungi tanto olio di oliva quanto ne servirà per ottenere una crema densa e morbida: la consistenza classica del pesto tradizionale. Dopo aver ben amalgamato bene il composto, riempi un vaso di vetro battendolo più volte sul bordo del piano di lavoro per eliminare il più possibile le eventuali bolle d'aria. Infine copri la superficie del pesto con olio di oliva, chiudi il vaso ermeticamente e mettilo in un luogo buio, controllando ogni tanto il livello dell'olio, oppure direttamente nel freezer di casa.


    Extra: questo pesto grezzo di basilico si conserva per molto tempo ed è ottimo come sugo lampo per la pasta: ti basterà aggiungere un cucchiaio di pinoli tritati e di grana o di pecorino grattugiato. È splendido anche sulle scaloppe al vino bianco, sulle patate lessate e le verdure al vapore. Vorresti provare a fare il vero pesto alla genovese? Ecco la ricetta di Donna Moderna.

Riproduzione riservata