Idee in cucina

10 ricette light e veloci con i finocchi

Leggeri e salutari, i finocchi sono ortaggi assai noti per le loro proprietà digestive e depurative e per il loro particolare gusto intenso. In cucina sono molto utilizzati, soprattutto per la preparazione di contorni, sia caldi sia freddi, secondi o per la creazione di sughi per la pasta, vellutate, passati e zuppe. Ma, sapete riconoscere i finocchi adatti per essere mangiati crudi da quelli perfetti per la cottura in forno e in padella? O quali alimenti è meglio abbinare al loro sapore aromatico? Vediamolo insieme.

Il finocchio ha una particolare forma globulare costituita da “guaine”, ovvero i vari strati di foglie bianche, che possono variare in numero e dimensione.  Se l'insieme delle guaine fogliari dà all'ortaggio una forma allungata e leggermente appiattita il finocchio è detto femmina ed è consigliato per la cottura. Se la forma invece è tondeggiante, si tratta di un finocchio maschio ed è più adatto per essere consumato crudo, in pinzimonio o in insalata.

Da crudo, il sapore dei finocchi è molto forte, si avvicina a quello dell’anice e della liquirizia e ha un retrogusto erbaceo e legnoso: si sposa deliziosamente a quello degli agrumi, delle mele o anche dei mirtilli. Da cotto le note di anice si dissolvono e il sapore è più dolce e leggermente rinfrescante, ricorda quasi la menta: l'abbinamento migliore in questo caso è con i formaggi, con le olive nere ma anche con la frutta secca o le spezie come il pepe nero, lo zafferano o il rosmarino. I finocchi brasati in particolare hanno un gusto che ricorda quello delle radici commestibili cotte o dei tuberi, con un retrogusto nocciolato ed erbaceo.

Oltre a essere un alimento davvero versatile, i finocchi hanno anche il pregio di essere disponibili sui banchi del mercato tutto l’anno. Ricordatevi però che la loro stagione migliore è l’inverno, il periodo ideale per gustarli nella minestra, gratinati al forno, fritti o ripieni oppure semplicemente stufati in padella e ancora lessati.

Per pulire i finocchi asportatene la base con un coltello affilato ed eliminate eventuali foglie esterne rovinate. Lavateli poi in acqua fredda e tagliateli a metà, in quarti o in ottavi oppure affettateli sottilmente con la mandolina. I tempi di cottura dipendono molto dal taglio e dal metodo di cottura prescelto, potrebbero essere necessari dai 10 ai 25 minuti.

Non vi resta ora che lasciarvi ispirare dalla selezione di Donna Moderna: provate subito le nostre 10 ricette light e veloci con i finocchi, per portare a tavola questi ortaggi in modo diverso dal solito, senza esagerare con le calorie. Troverete sicuramente il vostro piatto light!