Cucinare i cachi: 10 ricette benessere

Il caco è un frutto tipicamente autunnale come le castagne, le noci, le nocciole, i funghi e la zucca. Chiamato anche kaki, loto o diospiro ha origini asiatiche ed è ottimo da gustare al naturale: scavandone la morbida polpa con l'aiuto di un cucchiaino. Una varietà molto amata è il caco mela, questo ha polpa più consistente e si può addentare proprio come una mela, è ideale per farcire e decorare torte soffici e crostate e accompagnare i formaggi.

Entrambe le varietà sono immediatamente riconoscibili per il colore arancio vivo, ed entrambe è meglio che siano consumate solo quando i frutti sono ben maturi: se sono acerbi infatti “legano” la bocca a causa dell'alto contenuto di una sostanza astringete (il tannino) capace di ridurre la salivazione. Aquistate quindi i cachi quando sono maturi al punto giusto: con la polpa morbida al tatto e senza macchie. Se invece vi ritrovate a raccoglierli acerbi direttamente dal vostro albero, disponeteli accanto a delle mele in modo tale da favorirne la maturazione.

Piuttosto ricchi di zuccheri (più del 15%), e dunque di calorie (sino a 70 ogni 100 grammi), i cachi non sono il frutto ideale per chi è a dieta o per chi soffre di glicemia alta. Non per questo sono un cibo tabù in quanto famosi per le loro proprietà nutritive! Bisogna solo avere un occhio di riguardo nel numero di porzioni, nel momento di consumo e nella quantità. Stiamo infatti parlando di un alimento costituito per l'80% da acqua e che contiene molto potassio, motivo per cui ha proprietà diuretiche. I cachi possono inoltre aiutare a regolarizzare l’intestino e, come tutta la frutta di colore giallo/arancione, sono fonte di betacarotene: prezioso soprattutto per la buona salute della pelle e di vitamina E, attiva contro i radicali liberi. Importantissimo è anche il contenuto di vitamina C che li rende utili nelle stagioni di passaggio per curare i tipici raffreddori del periodo. 

Provateli al naturale al posto del dolce oppure imparate a utilizzarli come ingrediente base per preparare una confettura o una marmellata che potrete conservare per i mesi più freddi e servire in occasione di una colazione, con le fette biscottate, ma anche di un aperitivo, in abbinamento a taglieri gourmet. Per una salsa ai cachi golosa e velocissima frullate o schiacciate 2 frutti maturi eliminando gli eventuali semi. Metteteli in una casseruola e irrorateli con 1 cucchiaio di succo di limone, per evitare che anneriscano, poi mescolateli a 2 cucchiai di zucchero, profumateli un goccio di rhum e cuoceteli per pochi minuti sino a ottenere un composto denso. Servite la salsiina in tavola con dello yogurt greco. Potrete gustare un dessert light molto saporito.

Vi piace l'idea? Che ne dite ora di scoprire altre 10 ricette benessere con i cachi? Donna Moderna ha selezionato per voi una decina di piatti light e genuini (sia dolci che salati) in cui il caco e la sua morbida polpa sono protagonisti. Provateli tutti e trovati i vostri preferiti.