L’olio extravergine d’oliva in cucina: i benefici per la salute

Credits: Corbis

Olio Sagra ha studiato i benefici dell'olio extravergine d'oliva nei confronti del nostro corpo e ha scoperto in quanti casi sia utile: sapevi ad esempio che l’olio di oliva può ridurre il colesterolo LDL e aumentare la frazione HDL del colesterolo totale, di diminuire la glicemia, limitare gli effetti dell’invecchiamento cellulare e prevenire malattie cardiovascolari e alcune forma tumorali?

Credits: Corbis

Dalla gravidanza, quando è bene aggiungere due cucchiai di olio extravergine di oliva al giorno alla propria dieta perché gli acidi grassi che l’olio contiene contribuiscono alla formazione delle cellule del sistema nervoso, all'infanzia, perché utile nel processo di formazione delle ossa e di sviluppo del cervello grazie al rapporto perfettamente bilanciato nel suo contenuto di acidi, l'olio extravergine d'oliva è molto importante.

Credits: Corbis

L'olio extravergine d'oliva è utile per chi fa sport perché garantisce l’apporto di sostanze nutritive tipiche di un prodotto naturale e, allo stesso tempo, ha effetti positivi sulla digestione in quanto ne riduce i tempi del processo.

Stimola la secrezione di sostanze che riducono l’acidità gastrica, aiuta l’attività della cistifellea e la digestione dei grassi a livello intestinale.

Credits: Corbis

Olio Sagra ha approfondito anche il valore che ha l'olio extravergine d'oliva nella salute delle donne, scoprendo che secondo ricercatori americani dell’Università di Chicago, potrebbe migliorare l’efficacia della terapia per la cura del cancro al seno, impedendo l’innescarsi di resistenze farmacologiche.

Ricco di acido oleico, abbasserebbe del 46% i livelli del gene causa del carcinoma mammario. L’acido oleico inoltre, stimolerebbe anche la produzione una proteina che agisce da freno naturale nella crescita del tumore.

Credits: Corbis

Una ricerca del Monell Center Senses Center di Philadelphia e della Northwestern University di Chicago (USA) aiuta a prevenire i disturbi di una terribile malattia degenerativa come il morbo di Alzheimer. Sembra che l’olio extravergine d’oliva abbia la capacità di preservare le cellule nervose dalla naturale usura legata all’avanzare dell’età.

Credits: Corbis

L’olio come antinfiammatorio

Il biologo statunitense Gary Beauchamp hanno scoperto una sostanza all'interno dell'olio i cui effetti sono simili a quelli del componente anti-infiammatorio dei farmaci contro il dolore.

L’olio e la dermatite

Ricercatori italiani dell’Istituto Dermatologico San Gallicano di Roma hanno scoperto che alla base della dermatite seborroica ci sarebbe un deficit ematico di sostante antiossidanti e di acidi grassi polinsaturi. L'olio extravergine d'oliva diventa uno degli elementi più utili per un trattamento combinato dietetico, farmacologico e cosmetico per curare questa malattia cutanea di diffusa incidenza.

L’olio e il colesterolo

L’olio extravergine di oliva contribuisce a ridurre l’eccesso di colesterolo non generando il colesterolo “cattivo”, ma favorendo la formazione del colesterolo “buono” (HDL).

Foto

Uno dei grassi più equilibrati e meglio tollerati dall’organismo, se usato correttamente, ha effetti terapeutici per tutti noi

Esistono tante tipologie di oli oltre a quello extravergine d'oliva. Sai in che modo sfruttarli in cucina?

L'olio extravergine d'oliva è uno degli elementi più importanti della dieta mediterranea. Se ne sente sempre parlare, ma sai esattamente di cosa si tratta?

Riproduzione riservata