Cucinare i piselli: 20 ricette facili

La primavera è la stagione dei piselli, un legume perfetto per tante preparazioni: da gustare fresco (appena tolto dal bacello) da aprile a luglio ma anche in scatola, secco o surgelato per tutti i restanti mesi dell'anno. Molto nutrienti, energetici e ricchi di proteine vegetali, apportano fibre utili per la funzionalità dell’intestino e, come altri legumi della stessa famiglia (per esempio le taccole), contengono anche una discreta quantità di vitamine e sali minerali. In più non sono molto calorici (apportano circa 70 calorie per 100 grammi).

I piselli sul mercato sono quasi tutti di produzione nazionale e provengono soprattutto da Puglia, Campania, Sicilia e Marche. Anche l’industria dei surgelati utilizza il prodotto italiano. In commercio trovi piselli fini, finissimi o medi: meglio usare quelli più piccoli per le cotture più veloci e quelli grandi per le ricette più rustiche. I più teneri e piccoli, a inizio stagione sono ideali nei contorni e, anche a crudo, nelle insalate. Quelli di medie dimensioni si prestano per risotti, pastasciutte e ripieni e sono indicati per essere congelati. I più grandi e farinosi, a fine stagione (ovvero luglio), vanno bene per zuppe, vellutate, purè e frittate. 

Se li vuoi cuocere e in padella per poterli gustare come contorno falli saltare in un soffritto di cipolla o scalogno con del prosciutto oppure della pancetta tagliati a dadini. Sono poi ottimi aggiunti nei sughi delle pasta, nei risotti, in zuppeminestre e negli spezzatini (sia di carne che di pesce). Senza contare che li puoi frullare per poter realizzare vellutate, passati e purè e persino in sorprendenti dessert.

Se acquisti piselli freschi presta attenzione che il baccello sia croccante e che schiocchi quando lo si spezza. Non dimenticare di calcolare lo scarto pari a poco più del 50% del peso totale: per avere 100 grammi di piselli sgranati devi comprare almeno 200 grammi di piselli con baccello. Si conservano 3 giorni in frigorifero avvolti in un sacchetto di carta oppure un paio di mesi in freezer nelle apposite vaschette. Per sgranarli tieni il baccello con una mano e, con il pollice dell’altra, schiaccialo lungo la parte ricurva, aprilo a libro e stacca i pisellini dalla buccia. Ma non buttare quest'ultima, se hai la sicurezza che si tratta di un prodotto non trattato, puoi adoperare tutti i bacelli per preparare brodi vegetali oppure puoi passare quelli più teneri al passaverdure (non nel frullatore!) per ridurli in purea e aggiungerli direttamente alle minestre (come nella tradizionale ricetta veneta dei risi e bisi). 

Se non rinunci alla comodità di avere sempre a portata di mano dei pratici piselli surgelati ricordati di estrarli dalla busta all'ultimo e cuocerli senza farli scongelare. Sono praticissimi, perché non li devi sgranare e mantengono praticamente inalterate le caratteristiche del prodotto fresco. Per quanto riguarda l'eccedenza in questo caso ti basterà ripiegare la busta con quelli rimasti, chiudere con le apposite clip o con delle mollette per bucato e rimettere il tutto in freezer. 

Ora sfoglia la nostra selezione e scopri insieme a Donna Moderna le 20 migliori ricette per cucinare i piselli. Primi, secondi, contorni ideali per portare in tavola tutto il sapore e la freschezza di questo legume ricco di proprietà.