Riso: varietà e uso

Credits: Corbis

Con l'Arborio e il Carnaroli si prepara il risotto, il Basmati e il Thai accompagnano i piatti unici dal profumo orientale... le tipologie di riso in commercio oggi sono tantissime e arrivano anche dall'estero.

Come districarsi nella scelta quando ci troviamo davanti allo scaffale del supermercato e non sappiamo per quale varietà decidere?

Credits: Corbis

Il riso Carnaroli, come anche l'Arborio, sono le due varietà di riso che vengono utilizzate tipicamente per il risotto. Hanno entrambi chicchi grossi ad alto contenuto di amido, che aiuta ad ottenere risotti cremosi.

Credits: Corbis

Il riso basmati è una particolare tipologia di riso dal chicco allungato, originario dell'India e del Pakistan.

La caratteristica principale di questa varietà di riso è il profumo che emana durante la cottura, un aroma delicato e orientale che lo differenzia molto dai tipici risi italiani.

Adatto alla cucina etnica, è perfetto per accompagnare piatti unici indiani, come ad esempio il riso al curry.

Grazie al suo aroma, il riso basmati è perfetto in dieta, perché è ottimo anche soltanto condito con un filo d'olio crudo.

Credits: Corbis

Chicchi lunghi, neri e affusolati, la cui cottura è molto lunga (anche 45 minuti). Il riso Venere ha ottime proprietà: è antiossidante, ricco di proteine e adatto in caso di gastrite.

Credits: Corbis

Molto simile al Basmati, emana un profumo esotico in cottura. Il riso Thai va bene con carne e pesce o come contorno, in tipico stile orientale.

Credits: Corbis

Il riso parboiled è spesso maltrattato e visto come riso di qualità scadente, in realtà è un ottimo alimento, nutriente e ricco di vitamine, molto più del riso bianco. Parboiled non è la varietà di riso, ma la lavorazione che viene fatta ai chicchi, che vengono idratati con acqua calda, trattati con il vapore e poi essiccati. Il riso parboiled viene utilizzato per le insalate di riso o come contorno.  

Credits: Corbis

Il riso integrale è un riso non lavorato: aumenta il senso di sazietà e aiuta in caso di stitichezza e in dieta.

Credits: Corbis

Tipico riso indonesiano, il riso rosso viene utilizzato per pulire le arterie e per ridurre il colesterolo cattivo.

Foto

Arborio, thai, basmati, sono tante le tipologie di riso in commercio, quale utilizzare per ciascuna preparazione?

Si fa presto a dire riso: in natura e in commercio ne esistono davvero tantissime qualità, che spesso restiamo al supermercato imbambolate, senza sapere quale scegliere per la nostra dispensa. Arborio, Carnaroli, Basmati, Thai: quale va bene per fare un buon risotto? E quale da mangiare nel minestrone? E il migliore per un riso alla cantonese? Districarsi nella giungla sembra impossibile, ma con la nostra guida si può: nella gallery, le qualità di ciascuna tipologia e i loro migliori utilizzi. Per non avere un riso scotto e rovinare così il pranzo della domenica!

Con Carnaroli, Vialone Nano o Arborio possiamo preparare un delizioso risotto.

Il riso nero invece è adatto a piatti più orientali, con il pesce ad esempio.

Riproduzione riservata