Timballini di cous cous, asparagi e gamberi

Ingredienti

 

cuscus precotto 150 g
asparagi 8
code di gambero 12
pomodorini 6
scalogno 1
brodo vegetale 450 ml
olio extravergine d'oliva 8 cucchiai
erba cipollina
sale
Portate a ebollizione il brodo. Intanto, sbucciate lo scalogno, tritatelo finemente e fatelo soffriggere in una casseruola con 4 cucchiai d'olio extravergine d'oliva. Unite il cuscus e lasciatelo tostare nel soffritto, mescolando di continuo. Versate nella casseruola il brodo bollente, coprite, togliete dal fuoco e lasciate gonfiare il cuscus per circa 15 minuti.

Nel frattempo, pulite gli asparagi, pelateli, tagliateli in 4 nel senso della lunghezza e riduceteli a pezzetti. Fateli saltare in una padella con 1 cucchiaio d'olio per alcuni minuti, in modo che si inteneriscano restando però croccanti.

Lavate i pomodorini, tagliateli a metà, eliminate i semi e riduceteli a dadini. Scottate le code di gambero, sgusciatele, eliminate il filo nero dorsale e lavatele velocemente. Unite gamberi e pomodori al cuscus, salate, condite con l'olio rimasto e 1 manciatina d'erba cipollina tagliuzzata con le forbici.

Mescolate con cura, distribuite il cuscus in 4 stampini monoporzione a tronco di cono e lasciate riposare in frigorifero per circa 20 minuti. Sformate i timballini sui piatti singoli. Se vi piace, decorate con punte d'asparago cotte a vapore, pomodorini a spicchi ed erba cipollina tagliuzzata e servite.

Foto

Per preparare un piatto primaverile e leggero, ma nel contempo creativo e facile da realizzare, basta veramente poco. Suggeriamo di preparare dei piccoli timballi di cous cous con asparagi verdi e gamberi, un abbinamento davvero azzeccato tra “mare e terra”. Costituiscono un’ottima idea per portare in tavola un primo piatto che, volendo, può diventare un piatto unico fresco e saporito, in grado di combinare una verdura  dal gusto delicato con dei crostacei. Il cous cous è un alimento caratteristico del nord Africa e della Sicilia occidentale ed è preparato con granelli di semola cotti a vapore e conditi con del burro o dell’olio.

Riproduzione riservata