Idee in cucina

I tortellini in brodo: la ricetta per farli in casa

Credits: Corbis

I tortellini non possono proprio mancare sulle tavole di Natale! Preparali con un certo anticipo, non è complicato, ma avrai bisogno di tempo per farlo. Magari una domenica nelle settimane prima di Natale o una sera, insieme alla famiglia così da velocizzare il lavoro. Puoi congelarli e tuffarli nel brodo direttamente dopo averlo portato a bollore.

Il segreto della pasta fresca? 1 uovo ogni 100 grammi.

L'impasto è lo stesso per tutti, servono 400 gr di farina, 4 uova e sale.

Credits: Corbis

Per preparare i tortellini, impasta la farina con una presa di sale e le uova, avvolgi la pasta nella pellicola e lasciala riposare per 30 minuti. Stendi l'impasto in una sfoglia sottile.

Non importa la forma che vuoi dare al tuo raviolo o tortellino taglia dei quadrati su cui poi metterai il ripieno.

Il ripieno tradizionale si prepara con lonza di maiale, polpa di vitello, mortadella e il gambetto del prosciutto crudo, a cui vengono aggiunti poi parmigiano, noce moscata e un uovo come legante.

Si mette tutto a crudo, tranne la lonza e il vitello che, tagliati finemente, vengono fatti rosolare in padella.

Credits: Corbis

Per il tipico formato del tortellino piega il quadrato di pasta lungo la diagonale per ottenere un triangolo. Fai aderire bene i bordi o rischi che durante la cottura si aprano.
Afferra quindi le due estremità del triangolo e congiungile premendo bene.

Credits: Corbis

Un segreto da chef: non salate l’impasto dei tortellini, la carne che farà parte del ripieno sarà già sufficientemente salata, come anche il brodo, naturalmente di carne.

Come prepararlo? Leggi la ricetta del brodo

 

Credits: Corbis

Se non ami il formato tortellino puoi scegliere anche di preparare i tuoi raviolini a forma di caramella.

Foto

Un classico della tradizione natalizia: sai come prepararli? Ti diamo la ricetta classica

I tortellini in brodo sono un piatto tipico della tradizione culinaria emiliana: un formato di pasta all'uovo ripieno che ben presto ha conquistato tutta la Penisola, da Nord a Sud. Fino a qualche tempo fa, il ripieno era un segreto ben custodito dai depositari della ricetta originale. Poi negli anni Sessanta, questa venne depositata presso la Camera di Commercio di Bologna dalla Confraternita del Tortellino. Oggi molti li propongono asciutti, conditi con sugo di pomodoro o con il ragù, ma la ricetta originale prevede il brodo, per non coprirne ma anzi esaltarne il sapore. Nella gallery, i passaggi per farli in casa.

Non solo ripieno di carne, anche se quello tradizionale lo è. Che ne dite di un ripieno di magro?

Riproduzione riservata