Come fare la lista della spesa di aprile e di Pasqua

Aprile è il mese che segna il pieno ritorno della primavera. La vegetazione si rianima completamente e le coltivazioni di frutta e verdura estive entrano nel vivo. Gli ortaggi in calendario ruotano, offrendo sapori più freschi e gustosi, adatti per i piatti della bella stagione. Se hai il pollice verde, scoprirai che ci sono alcuni prodotti che potrai coltivare direttamente in balcone.

In più, se in marzo la Pasqua non è già stata festeggiata, sarà necessario rifornire la dispensa in previsione del pranzo di Pasqua e del pic nic di Pasquetta che non potranno che cadere in aprile. Il menu delle feste, ricco di tanti piatti saporiti simbolo di tradizioni regionali e nazionali anche centenarie, prevede a volte l'utilizzo di ingredienti che non sono facilissimi da reperire o che devono essere acquistati su ordinazione. Dolci tipici artigianali come la colomba o gli agnellini, cosciotti e carrè di capretto e abbacchio piuttosto che tagli di carne particolari, trecce, pani pasquali e paste fresche non sempre sono disponibili all'ultimo minuti nel negozio o nel supermercato sotto casa. Che ne dici poi dell'uovo di Pasqua e degli ovetti di cioccolato? L'offerta commerciale in questo caso è grandissima ma non tutti hanno la stessa qualità, o lo stesso tipo di sorprese...

Scopri insieme a noi tutto quello che serve mettere nella lista della spesa di aprile e la frutta e la verdura di stagione.

La lista della spesa di Pasqua

Preparare la dispensa per il menu di Pasqua è semplice, ma richiede un po' di organizzazione. Innanzitutto, se hai intenzione di cimentarti nei dolci pasquali, fai scorta di zucchero, burro, uova e farina. Potresti voler preparare una semplice ma deliziosa colomba di torta Paradiso, che prevede solo ingredienti che tutti hanno comunemente in dispensa, ma anche delle raffinatissime cassatine siciliane, un ciambellone di Pasqua oppure una tradizionale pastiera napoletana. E, in quest'ultimo caso, devi avere alla mano della ricotta di pecora freschissima, il grano cotto, dei canditi di ottima qualità e dell'acqua di fiori d'arancio. Ricordati di inserirli nella lista degli alimenti da comperare!

Per quanto riguarda la parte salata, ci sono 2 categorie di piatti a cui prestare davvero attenzione: i primi e i secondi. Mentre per gli antipasti è più facile e puoi semplicemente puntare su degli ottimi salumi da accompagnare a giardiniera sott'aceto (meglio se fatta in casa con le tue mani), delle tartelette salate ai tre sapori, una crescia, un tortano napoletano o una treccia pasquale per cui ti torneranno utili pasta sfoglia, pasta brisèe, pasta per la pizza, o ancora farina e semola di grano duro da impastare.

Se come primo piatto hai in mente di preparare una sontuosa pasta al forno, munisciti della sfoglia all'uovo o della pasta secca del formato che preferisci impiegare e aggiungi  della besciamella già pronta o della salsa di pomodoro. Ricordati poi che dovrai sicuramente procurarti anche gli ingredienti ad hoc necessari a seconda della ricetta che avrai deciso di cucinare. Per una variante scenografica, noi ti consigliamo per esempio i cannelloni in piedi gratinati.

I secondi più gettonati della tradizione culinaria pasquale italiana non sono propriamente vegetariani e spaziano dall'agnello al coniglio agli arrosti arrotolati. Con qualche accorgimento, studiando il menu con anticipo, ti sarà possibile prenotare la carne da te prescelta presso il tuo macellaio di fiducia e fare poi scorta degli ingredienti che non scadono in negozio. Oltre al tradizionale agnello pasquale con contorno di patate, che al giorno d'oggi non tutti apprezzano, si può pensare di "svecchiare" il menu con una tasca di vitello con uova sode e bietole oppure degli involtini di tacchino al forno.

Per i vegetariani e vegani la tavola di Pasqua non può e non deve comunque essere meno sontuosa. Per antipasto puoi preparare dei golosi bignè alla crema di asparagi e capperi, per passare poi a delle lasagne di carciofi in crosta e virare verso secondi adatti a questo regime alimentare come la teglia di polpettine vegetali e uova o l'insalata con fave e puntarelle. Attenzione, in questo caso, ad acquistare qualche giorno prima tutte le verdure che ti serviranno valutandone con cura la qualità.

L'orto in balcone di aprile: cosa piantare

Dopo i primi passi mossi a marzo, con l'arrivo di aprile l'attività di coltivazione ortofrutticola sul balcone entra nel vivo. Ricorda che creare un orto in balcone non è un'impresa impossibile: anche in spazi ridotti, con appena qualche vaso, si possono ottenere risultati straordinari.

Innanzitutto tieni ben presente che i tuoi vasi dovranno godere di pieno sole, quindi scegli il posto migliore in cui sistemarli. Poi, quando vai ad acquistare i semi, ricorda che esistono in commercio varietà pensate proprio per gli orti in balcone. Saranno più produttive e si comporteranno meglio anche con poco spazio.

Evita orticole "esose" in termini di spazio, peso dei frutti e manutenzione. No quindi ad angurie, meloni e zucchine. Avanti tutta invece con pomodori (specialmente se ciliegini, con le piantine da invasare e non i semi), ed erbe aromatiche come basilico, rosmarino, timo, maggiorana, prezzemolo. Sono perfetti anche i peperoncini, i ravanelli e le insalatine da taglio. Puoi aggiungere anche peperoni corno e melanzane a frutti piccoli, piselli e cetrioli (che dovrai munire di sostegni).

SFOGLIA LA GALLERY DELLA VERDURA DI APRILE

Asparagi

Fave

Carciofi

Rabarbaro

Cipollotti

Carote

Puntarelle

Ravanelli

Porri

Crescione

Rucola e insalatine

Cicoria e catalogna

Lattuga

Agretti o barba di frate

Indivia

Catalogna

Foto

Lista della spesa di aprile: la verdura

Con i suoi ortaggi freschi, aprile è il mese ideale per porre rimedio agli stravizi invernali. Il nostro corpo beneficerà di verdure fresche che prepareranno la pelle all'esposizione solare e che ci aiuteranno a fare un leggero detox. Per quest'ultimo compito metti nella lista della spesa di aprile erbe amare, i primi asparagi e i carciofi (sì, ad aprile li troverete ancora), che sono prodotti naturali depurativi e drenanti.

Approfitta della primavera per goderti porri e cipollotti, che per questo mese andranno a sostituire la cipolla in soffritti, frittate e altre ricette. Arricchisci le tue insalate con carote, fave fresche, ravanelli e lattuga.

Ma soprattutto lascia spazio agli agretti, noti anche con il nome di barba di frate: si vedono per pochissime settimane all'anno e sono perfetti come contorno, anche semplicemente preparati in padella, o abbinati a uova in camicia con crostini.

Da non dimenticare che aprile è anche il mese della cicoria, fra le erbe amare più diffuse e famose. Poi ci sono anche le puntarelle, la catalogna, le coste, il crescione, le erbette, l'ortica, l'indivia e la rucola. Inoltre, per gli appassionati di ingredienti rari e gustosi, occhio al rabarbaro.

Fragole - SFOGLIA LA GALLERY DELLA FRUTTA DI APRILE

Nespole

Kiwi

Arance

Pompelmi

Mandarini

Clementine

Pere

Mele

Foto

Lista della spesa di aprile: la frutta

Entrando nel vivo della primavera ti accorgerai che la frutta cambia sapore. Infatti, iniziano ad essere di stagione - e quindi più saporite - le fragole. Saranno più sode, ma soprattutto più profumate e succose rispetto a quelle in commercio già da febbraio. Se sei fortunata e ti rivolgi al giusto fruttivendolo, potresti intercettare golose primizie come le nespole, ricche di fibre, sali minerali e vitamina A. 

La lista della spesa della frutta di aprile comprende ancora pompelmi, aranci, limoni, mele e pere, giunte però ormai alla fine della stagione. Il kiwi è ricco di vitamina C - persino più del limone -, vitamina E, rame e ferro. Si tratta di un frutto in grado di contrastare l'anemia, utilissimo nel regolare la funzionalità cardiaca e rafforzare le difese immunitarie. Puoi usarlo per preparare alcune golose ricette come il risotto al kiwi o le mousse in salsa al kiwi.

Riproduzione riservata