Pasta frolla di quinoa

Credits: Corbis

Ingredienti

200 g di farina di quinoa

200 g di ricotta

200 g di zucchero

3 uova 1 tuorlo

Mezza bustina di lievito o un cucchiaio di bicarbonato

1 pizzico di cannella

1 pizzico di sale

La prima cosa da fare per preparare la pasta frolla di quinoa è disporre la farina su un piano di lavoro. Crea una fontana al centro e versaci la ricotta, le tre uova intere, il tuorlo, il lievito e inizia ad impastare.

Aggrega il pizzico di sale e la cannella e lavora la pasta fino ad ottenere un composto omogeneo con tutti gli ingredienti ben amalgamati tra loro.

Ricopri la pasta con uno strato di pellicola e fai riposare per circa due ore in frigorifero.

Credits: Corbis

Quando sarà trascorso il tempo necessario, procedi a stendere l’impasto aiutandoti con un mattarello. Spolvera di farina la base e cerca di ottenere uno strato di pasta dello spessore di 5 mm.

Puoi utilizzare la pasta frolla di quinoa come base per la tua crostata alla frutta, alla crema di nocciole o alla confettura di mirtilli, oppure per preparare dei semplici biscotti per la colazione o la merenda.

Credits: Corbis

Preriscalda il forno a 180 e cuoci per circa trenta minuti fino a che il tuo dolce non avrà assunto un colore dorato.

La pasta frolla di quinoa è perfetta per chi è intollerante al glutine.

Foto

La pasta frolla di quinoa è una variante speciale per preparare la base della tua golosa crostata

Se vuoi preparare una crostata con una variante originale puoi provare con la farina di quinoa, un tipo di ingrediente molto versatile in cucina, che possiede proprietà nutrizionali elevate. Questa pianta è originaria del Sud America ed è un alimento poco calorico e altamente digeribile. Il suo sapore è delicato e si sposa bene con molte preparazioni, sia dolci sia salate. Con questo tipo di farina puoi preparare biscotti e dolci di pasta frolla, oppure puoi utilizzarla semplicemente per preparare la base per una squisita crostata alla marmellata, che potrai servire anche a coloro che sono affetti da celiachia e dunque intolleranti al glutine.

Riproduzione riservata