Tagliare le verdure: tutte le tecniche

A julienne, tritate, a brunoise: sono tanti i modi per tagliare le verdure in base alla preparazione che si desidera fare, ecco quali

  • Credits: Corbis
    La julienne per le insalate, tritata per i soffritti, la matignon per rape, patate e carote.

    Tagliare le verdure è un'arte ed esistono davvero tantissime possibilità. Scopriamole insieme, così che anche un'insalata o una macedonia possano diventare più golose e allettanti!

    Cosa ti serve? Un coltello che tagli bene, meglio seghettato nel caso di verdure con polpa morbida, come il pomodoro, un tagliere e tanta attenzione.

    Importantissima anche la posizione delle mani: il coltello non deve avvicinarsi alle dita, ma alle nocche, quindi tieni la mano richiusa su se stessa.

  • Credits: Corbis
    La brunoise è un taglio di circa 1 millimetro. Si parte con un taglio della verdura per lungo, per poi creare dei quadratini piccoli.

    Partendo da questo taglio, ma con una dimensione un poco maggiore, gli chef parlano anche di mirepoix, che è la base dei soffritti: sedano, carota e cipolla, quando è magra, oppure con l'aggiunta di lardo o pancetta se è grassa.

  • Credits: Corbis
    Il taglio a losanghe è particolare perché fatto in diagonale.
  • Credits: Corbis
    Il taglio alla paesana trasforma le verdure in cubetti dai 5 agli 8 millimetri.

    Viene sfruttato solitamente per le minestre o se si desidera preparare una dadolata di verdure.

  • Credits: Corbis
    Il taglio a julienne è uno dei più famosi: adatto quasi a tutte le verdure, richiede un taglio lungo di uno spessore che si aggira attorno al millimetro. Per dirla in modo semplice, le verdure dovranno essere tagliate a bastoncino. Va bene sia per l'insalata che per alcune preparazioni.

    Il taglio chiffonade si fa quando si vuole trasformare insalata o verdure in foglia in striscioline molto sottili. Solitamente poi la verdura in questione si consuma cruda in insalata.

Si fa presto a dire: "Taglio le verdure". Tagliare sì, ma come? A fette, a bastoncini, a cubetti? Perché anche l'occhio vuole la sua parte e affettare a caso non è la soluzione migliore per ottenere un piatto perfetto sia dal punto di vista scenico che nutrizionale. Esistono, infatti, diversi modi di affettare le verdure e ognuno ha le sue peculiarità nella forma e nella sostanza. Che sia a julienne, a brunoise o alla paesana, il segreto è mantenere uniformi i diversi pezzetti e lavare bene la verdura prima di affettarla. Sfoglia la nostra gallery per imparare tutti i trucchi dei diversi tagli!

Le verdure, oltre a fare bene, sono ottime e molto versatili: preparale ad ogni pasto in maniera diversa seguendo le nostre ricette.

Riproduzione riservata