Dattero

Il dattero è il frutto della palma da dattero, il cui nome deriva dal greco «daktylos» (dito) per la sua somiglianza appunto con un piccolo dito.La pianta da cui proviene è originaria del Golfo Persico. La forma del dattero è oblunga e tubolare; ha colore bruno e polpa molto carnosa e zuccherina. All’interno è racchiuso un nocciolo fatto come una lunga e sottile «oliva».Il dattero si trova in commercio sia fresco (in questo caso va consumato abbastanza rapidamente) sia secco. Le
varietà sono parecchie, ma si possono riunire essenzialmente in tre gruppi: morbido, semimorbido e secco, in base alla consistenza. Tra le specie più pregiate c’è la Dita di Luce, morbida e profumata. Oltre a essere gustato come frutto, il dattero viene utilizzato ampiamente anche in pasticceria: sono abbastanza rinomati i datteri farciti con pasta di mandorle o glassati al cioccolato.