Idee in cucina

Funghi

I funghi sono un regalo dell’autunno. Soprattutto in montagna si mangiano molto spesso, come protagonisti di diverse preparazioni. Chi sa resistere ad esempio a un piatto di pasta ai funghi o di risotto ai funghi? Impossibile! Ecco allora una piccola guida per conoscere e cucinare alcune tipologie di funghi come i porcini, gli champignon, i cardoncelli, le orecchiette, i finferli e i chiodini. Partiamo dal porcino, il fungo per eccellenza. Sono sicuramente i più costosi, ma anche i più buoni e aromatici. Li puoi comprare durante l’anno secchi e tenerli in dispensa, mentre in autunno portali in tavola al massimo del loro sapore. Il cappello può essere grande addirittura 20 centimetri e più! Attenta, quando li scegli, che non siano macchiati, molli e poco carnosi. Sceglili con il gambo sodo.  Al contrario dei porcini, gli champignon sono i funghi più economici e non si trovano soltanto in autunno. Il colore è bianco, sono sodi e carnosi e, mettendoli a testa in giù, puoi notare delle lamelle rosa. Se sono già di un colore tendente al marrone significa che non sono freschi. I finferli sono funghi molto saporiti. Hanno un polpa soda dai toni del giallo e il cappello ondulato. Il gambo è sottile. Sono davvero deliziosi e versatili, si adattano a tantissime preparazioni. I chiodini sono dei funghi di piccola dimensione che ricordano proprio la forma di un chiodo. Solitamente hanno il gambo chiaro o marroncino e la capocchia, anch’essa piuttosto piccola, marrone. Bisogna stare molto attenti a coglierli perché ne esistono specie velenose. Acquistali solo al supermercato e puliscili al meglio. Guada i tanti consigli che Donna Moderna ha selezionato per te e mettiti alla prova ai fornelli con le ricette ideali per ogni varietà di fungo: esalteranno la materia prima e ti permetteranno di ottenere piatti indimenticabili.

Primi ai funghi tradizionali

Contorni tipici con i funghi